Home > Comunicazione > Press Mare > Lago di Garda: motoscafo sperona barca in legno, due morti

Lago di Garda: motoscafo sperona barca in legno, due morti

 Stampa articolo
Foto relativa all'incidente avvenuto sul Garda
Foto relativa all'incidente avvenuto sul Garda, fornita dai Carabinieri di Brescia

Ancora un incidente mortale per lo scontro fra due barche. Dopo la tragedia di fine maggio che ebbe come scenario il tratto di mare tra Cala di Volpe e Portisco, in Sardegna, dove perse la vita Alberto Filosi, 69 anni, in seguito a un incidente avvenuto tra un motoscafo e una barca a vela - l'imbarcazione a motore centrò la poppa della barca a vela uccidendo sul colpo il povero Filosi – stavolta l’incidente mortale è avvenuto sul Lago di Garda.

advertising

A quanto abbiamo appreso da SKY TG24, ieri sera un natante, una piccola lancia in legno, con due persone a bordo, il 37enne Umberto Garzarella e la 25enne Greta Nedrotti, rispettivamente originari di Salò e di Toscolano Maderno, sarebbe stato investito anche stavolta da un motoscafo pirata che, oltretutto, dopo l’impatto non si è fermato a prestare soccorso. I due sarebbero morti sul colpo. Secondo quanto riportano gli inquirenti, Capitaneria di Porto, Vigili del Fuoco e Carabinieri intervenuti sul posto per le ricerche – il corpo straziato della donna è stato ritrovato solo oggi pomeriggio, a largo del porto di San Felice del Benaco, a 98 metri di profondità, da un ROV dei Volontari del Garda – ai comandi del motoscafo, noleggiato nella giornata di ieri, ci sarebbero stati due cittadini tedeschi.

A carico dei due, indagati per omicidio colposo e omissione di soccorso, sono in corso accertamenti per capire, innanzi tutto, se fossero al timone sotto l’effetto di alcool o droghe. Bisogna anche comprendere dai loro racconti la dinamica dell’accaduto, se le barche avessero le luci di via e se queste fossero accese, la rotta e la velocità alla quale stavano navigando. Infatti, non ci sarebbero stati testimoni all’evento.

Le ultime notizie di oggi