Home > Comunicazione > Press Mare > Mercury Diesel 3.0L da 270 HP: test sul Pirelli 1100 Cabin

Tag in evidenza:

Mercury Diesel 3.0L da 270 HP: test sul Pirelli 1100 Cabin

 Stampa articolo
I nuovi Mercury Diesel 3.0L da 270 HP
I nuovi Mercury Diesel 3.0L da 270 HP protagonisti del nostro test

Mercury Diesel 3.0L, l’entrobordo da 270 cavalli che surclassa i suoi predecessori

Presentato a Genova durante il salone nautico, il Mercury Diesel 3.0L viene proposto sia entrobordo sia entrofuoribordo e con due versioni di potenza erogata: 230 e 270 cavalli. Un'unità termica nuova sotto tanti punti di vista: dimensioni, prestazioni, consumi, ma anche manutenzione e installazione sono entrati in una nuova fase, tutta a vantaggio di chi in barca ci va e di chi su quel motore deve metterci le mani.

advertising

Come inevitabilmente succede, la presentazione ufficiale enfatizza gli aspetti positivi, ma già le note migliorative del Mercury 3.0L rispetto al pari cilindrata TDI indicano che il lavoro svolto dai tecnici della grande M è stato significativo. Vediamolo più in dettaglio.

Mercury Diesel 3.0L da 270 HP
Mercury Diesel 3.0L da 270 HP

Le specifiche generali lo descrivono come un motore diesel con sei cilindri a V da 60° e ciclo a 4 tempi. Alesaggio e corsa 83x92 mm, aria alimentata tramite turbo con intercooler la cui turbina è raffreddata a Glycol. L’alimentazione è Common Rail ad alta pressione. La testata è in alluminio e il rapporto di compressione 16,5:1.

Rispetto al precedente tre litri, il nuovo Mercury è sviluppato non più su base Volkswagen come il TDI, ma su base FPT (Fiat Power Train), azienda dedicata alla produzione e sviluppo di motori interno alla FCA (Fiat Chrysler Automobiles), (come il 6.7 litri da 550 cavalli presentato lo scorso anno sempre al salone ligure) e rispetto al predecessore, che rimane comunque in listino con potenze da 150 a 260 cavalli. Secondo la casa da 0 a 25 nodi ha un’accelerazione del 10% più veloce. Sempre secondo la casa grandi migliorie sono state apportate al pacchetto “rumore&vibrazioni”: il nuovo 3000 diesel è del 30% meno rumoroso e vibrante del fratello TDI.

Mercury Diesel 3.0L da 270 HP
Mercury Diesel 3.0L da 270 HP

Se si parte dal rapporto peso potenza si può contare su un significativo 0,75 cavalli per chilo di peso: i 270 cavalli (il rapporto potenza cilindrata è di è di 90 cavalli/litro) fuoriescono da 348kg (10 di più nella versione entrofuoribordo). Il risparmio di peso è sensibile se confrontato con motori di pari cavalleria: si arriva a una riduzione anche di duecento chili, aspetto che influisce sia sui consumi diretti (meno pesa una cosa, meno energia ci vuole per spostarla) sia sugli assetti, meno peso a poppa, più piatta è la barca e quindi c'è meno necessità di correzioni tramite flap e trim, anche qui a vantaggio della riduzione della necessità di carburante. In altre parole, la riduzione del peso è solo un vantaggio.

Altro elemento di forza è il volume contenuto: una base di 93x85 centimetri per 78 cm di altezza, dimensioni che lasciano più spazio in sala macchine (o in alternativa ne richiedono di più compatte) a vantaggio della facilità di manutenzione e/o dello spazio sfruttabile a bordo. Si è detto poi della economicità di gestione: la manutenzione va effettuata una volta l’anno o ogni 200 ore di utilizzo. Il bisogno d’olio è contenuto in 8,5 litri, e tutti i tappi per i rabbocchi dell’olio motore, ma anche di quello dell’invertitore o del piede nel caso degli entrofuoribordo, e del liquido di raffreddamento, sono stati concentrati nella parte anteriore del motore sempre ai fini di agevolare la vita di chi si deve occupare delle assistenze.

Il Pirelli 1100 Cabin motorizzato da due Mercury Diesel 3.0L da 270 HP
Il Pirelli 1100 Cabin motorizzato da due Mercury Diesel 3.0L da 270 HP

La prova dei motori è stata effettuata quasi immediatamente dopo l'unveling avvenuto durante la conferenza stampa di presentazione allo stand Mercury. A darci la possibilità di verificare in acqua quanto detto in conferenza, almeno in termini di prestazioni istantanee, è stata l’accoppiata Pirelli 1100 Cabin con due Mercury Diesel 3.0 L in versione 270 cavalli. Per i comandi l’insieme era dotato di elettronica SmartCraft, del sistema DTS (Digital Throttle Shift) per la manetta elettronica, utilizzabile sia in funzione monoleva sia con le leve indipendenti. Non mancava poi il joystick nella versione JPS: Joystick Piloting for Sterndrivers, visto che sul Pirelli 1100 Cabin la propulsione è affidata a due piedi poppieri Bravo 1 con elica singola.

Il giorno della prova le condizioni del mare a Genova sono state diverse da quelle che si potrebbero desiderare per provare prestazioni massime e consumi. Molto più utili, tuttavia, per verificare come funzioni il binomio carena-motori. Fuori dal porto ci aspettavano onde alte fino a un metro e vento da scirocco intorno ai 15 nodi, ma all’ormeggio e con il cofano aperto è stato possibile sperimentare,  la bassissima rumorosità del motore al minimo e persino con la marcia ingranata.

Il Pirelli 1100 Cabin motorizzato da due Mercury Diesel 3.0L da 270 HP
Il Pirelli 1100 Cabin motorizzato da due Mercury Diesel 3.0L da 270 HP

La prova è stata quindi limitata dalle condimeteo, ciò nonostante, navigando a favore di mare abbiamo superato i 34 nodi a 3200 giri, ben 1000 giro meno del massimo regime nominale dichiarato dalla casa, verosimile aspettarsi una velocità di punta di almeno una decina di nodi in più. In ogni caso è stato interessante notare che a 1600 giri si entra in planata navigando a 12,4 nodi e con un consumo totale di 1,5 litri per ogni miglio percorso: i motori diesel costano di più dei benzina, ma se utilizzati intensamente il vantaggio nel costo del carburante e nei consumi diventa evidente.

Ancora più notevole l’accelerazione che, come si può notare nella tabella più in basso, porta questo battello che con gli oltre 500 litri di carburante e le quattro persone a bordo pesa ben più di tre tonnellate e mezzo, a 30 nodi in sette secondi. La ripresa è davvero notevole. Specialmente in condizioni come quelle trovate in cui è necessario modulare la manetta in funzione delle onde, non si avvertono né vuoti né ritardi nello spingere in avanti la carena e il suo contenuto. Certo, rispetto a un motore aspirato a benzina l’effetto dragster che ti appiccica allo schienale della postazione di pilotaggio è leggermente ritardato dall’entrata in funzione del turbo, ma una volta che il sistema è a pieno regime (è questione di frazioni di secondo) la progressione è impressionante.

Da notare che per la riduzione dei consumi e di conseguenza delle emissioni il Mercury Diesel 3.0L è certificato Epa Tier 3 e Imo Tier 2.

 

Mercury 3.0L 270 HP, i numeri del test rilevati dalla strumentazione di bordo

RPM                Nodi (prima prova)          Consumo l/h             Consumo l/m                     Nodi (seconda prova)

600                  4,6                                      2,6                            0,66                                         4,6

1.000               7,5                                      6,4                             0,9                                           7,3

1.200               9,0                                      9,7                             1,1                                           9,0

1.400               10,2                                    15,6                           1,5                                          10,2

1.600               12,4                                    18,2                           1,5  Planata                           12,4

1.800               14,2                                    24                              1,7                                          14,1

2.000               17,9                                    27,1                           1,5                                          17,9

2.200               20,8                                    35,5                           1,8                                          20,0

2.400               21,8                                    39                              1,8                                          21,8

2.600               24,7                                    47,3                           1,9                                          24,7

2.800               8,6                                      54                              1,9                                          28,7

3.000               30,9                                    61                              2,0                                          31,0

3.200               34,0                                    72                              2,1                                          34,1

 

Accelerazione                             tempo (s)

da 0 a 10 nodi                             2,13

da 0 a 20 nodi                             4,35

da 0 a 30 nodi                             7,21

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare