Home > Yacht Club > Yacht Club Italiano > “Vela in Scuola”, lo Yacht Club Italiano forma i velisti del domani

“Vela in Scuola”, lo Yacht Club Italiano forma i velisti del domani

 Stampa articolo
Optimist in regata, foto Max Ranchi
Optimist in regata, foto Max Ranchi

Prende il largo oggi la 4a edizione del progetto promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione e dalla Federazione Italiana Vela, a cui ha aderito il circolo velico più antico d’Italia, che per l’occasione avrà al suo fianco Regione Liguria, Amiu, Arpal e Croce Rossa Italiana.

Genova - È giunta alla sua 4a edizione il progetto ‘Vela in Scuola’, nato dall’accordo tra il Ministero della Pubblica Istruzione e la Federazione Italiana Vela e a cui da anni ha aderito lo Yacht Club Italiano. Da oggi fino a sabato (tutti i giorni dalle 8.30 fino alla 15.30) oltre 1.000 bambini di 11 istituti scolastici genovesi si avvicenderanno sulle banchine del Porticciolo Duca degli Abruzzi, dove avranno la possibilità di avvicinarsi al mondo della vela e a tutto ciò che lo circonda. Rispetto agli anni scorsi, in questa edizione, lo Yacht Club si è avvalso del prezioso supporto di Regione Liguria, Amiu, Arpal e della Croce Rossa Italiana.

Obiettivo dichiarato del progetto è di avvicinare i bambini in maniera consapevole all’ambiente nautico e allo sport connesso e di stimolare l’attività all’aria aperta in un clima di festa, trasmettendo i valori educativi del rispetto del mare.

L’evento è stato preceduto, nei mesi scorsi, da una serie di incontri nelle singole scuole dove istruttori YCI hanno spiegato ai bambini, i primi rudimenti teorici di questo sport. I marinai in erba, durante la giornata loro dedicata, alterneranno momenti didattici di ‘lavoro di gruppo’ a terra, ad uscite in mare sotto l’attenta guida e controllo di istruttori federali. Il tutto nel contesto culturale, storico e geografico del luogo storico, il Club, in cui si troveranno.

Al di là degli insegnamenti sulle modalità di navigazione proposte dallo Yacht Club Italiano, ampio spazio sarà dato alla meteorologia con i previsori di Arpal, che parleranno dell’impatto del vento e del moto ondoso. Amiu invece proporrà un’attività dedicata alla raccolta differenziata, con particolare attenzione alla plastica, in linea con l’impegno etico che YCI ha sottoscritto, come firmatario della Charta Smeralda. Amiu ha messo in campo un’intensa attività di coinvolgimento e di comunicazione rivolta ai ragazzi delle scuole e alle loro famiglie e in tal senso ‘Velascuola’ rappresenta un’imperdibile occasione per favorire l’educazione ai corretti usi della raccolta differenziata. Infine Croce Rossa Italiana fornirà ai partecipanti le nozioni base del primo soccorso in mare.

Il supporto di realtà del territorio così importanti certifica la crescita di un progetto che mira ad allargarsi ulteriormente. Perché il rispetto del mare e delle attività a sé connesse va favorito attraverso nuove modalità di socializzazione ed educazione che lo Yacht Club Italiano ha deciso di offrire, perseguendo la politica di apertura totale verso la sua città.