ph. courtesy Marco Trainotti

ph. courtesy Marco Trainotti

Concluso nel Golfo della Spezia l’Italian Open 5.5m S.I.

Sport

13/05/2024 - 18:03
advertising

La Spezia si congeda dalla flotta dell’Italian Open 5.5m S.I. con una meravigliosa giornata di sole e di vento, che ha permesso di disputare le ultime due regate, in programma nello splendido Golfo dei Poeti, che ieri sembrava uscito dalle più classiche delle cartoline. I 6 scafi iscritti hanno girato ieri per l’ultima volta tra le boe del percorso a bastone con un cielo limpido, un mare calmo e un Comitato di Regata, composto da Sandro Gherarducci, Luisa Massolini e Riccardo Incerti, che ha saputo sfruttare al meglio le brezze sugli 8/10 nodi.

L’Italian Open 5.5m S.I. si conclude qui ma la flotta dei 5.5m S.I. rimane ‘momentaneamente parcheggiata’ presso la Sezione Velica della Marina Militare della Spezia per scendere di nuovo in acqua il 24-26 maggio quando si svolgerà l’atteso evento ‘Le Vele d’Epoca dell’Alto Tirreno / Trofeo Valdettaro / Trofeo Volpina’ andandosi ad aggiungere alle venti splendide signore del mare della flotta A.I.V.E. e V.S.G. attualmente iscritte ed alle venti vele latine messe in mare per l’occasione dall’Associazione Vela Tradizionale – Scuola di Marineria.
Splendide giornate per Manuela V di Guido Tommasi con a bordo Andrea Raccheli e Matteo Barison che hanno vinto tutte e sei le prove in programma ed hanno ricevuto l’ambito Trofeo dalle mani dell’Ammiraglio di Divisione Flavio Biaggi.

ph. courtesy Marco Trainotti

Ottimo secondo posto per i padroni di casa della Se.Ve.Spe. con Roberto Savella al timone coadiuvato da Massimo Gherarducci e Mauro Patruno su Grifone premiati dal Delegato Regionale L.N.I. Amm.Roberto Camerini, terzo posto per Volpina III di Stefano Cesari in equipaggio con Lamberto Cesari, Antonio Cesari e Gagliardi Luca che hanno ricevuto il premio dal C.V. Giuseppe Cannatà – Direttore di Marivela.

ph. courtesy Marco Trainotti

Peccato per Rabicano delle splendide Maddalena Rossi e Giorgia Taddei capitanate da Gaia Pizzini, rimaste ai piedi del podio fino all’ultima prova, dopo la quale sono dovute scendere a causa di una partenza sbagliata. Per loro medaglie e fiori consegnati dal Presidente del Comitato dei Circoli Velici Dott.Giorgio Balestrero che si è complimentato invitandole a continuare questa splendida avventura appena iniziata che le porterà a partecipare ai prossimi Campionati Mondiali con i colori dell’Associazione Scafi d’Epoca e Classici e del Museo della Barca Lariana.

ph. courtesy Marco Trainotti

Onore a Kukururu di Giuseppe Matildi, che, dopo la rottura di un bozzello nella prima giornata, ha dovuto cedere il timone, per sopravvenuti impegni, ad Alessandro Marolli coadiuvato al centro da Enzo Maria Marolli ed a prua dal Nostromo della Se.Ve.Spe., Michele Renna.
Onori anche per Francesco, Giacomo, Giovanni Stefanon che insieme a Vania Ventrice hanno terminato al sesto posto con Violetta IV.

Cala così temporaneamente il sipario sull’Italian Open 5.5m S.I., organizzato dalla A.S.D. Forza e Coraggio delle Grazie in collaborazione con la Lega Navale Italiana sezione della Spezia e la Sezione Velica M.M. con il contributo della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana che ha creduto fin da subito nell’importanza del progetto.

Un ringraziamento particolare va a chi ha contribuito alla riuscita dell’evento: Garmin, Osculati, Extrema Ratio, Cantieri Navali di La Spezia, Zaoli Sail Design, Massucco Azienda Agricola, Margini Teloni, Rivelami, Frantoio Lucchi e Guastalli, Cisita, Borgata Marinara la Spezia Centro e last but not least Deportibus, l’evento internazionale che ha fatto da contenitore a queste regate.

Il sipario si rialzerà fra due settimane alle Grazie di Porto Venere per ‘Le Vele d’Epoca dell’Alto Tirreno / Trofeo Valdettaro / Trofeo Volpina’, dal 24 al 26 maggio, che ospiterà alcune tra le barche d’Epoca più eleganti e competitive del panorama velico italiano.

Doveroso ringraziare chi ha lavorato ‘dietro le quinte‘, in primis il Presidente della Sezione Velica M.M. il C.V. Roberto Savella insieme al già menzionato Nostromo, il ‘Noster’ Michele Renna vero collante della manifestazione insieme a tutto il personale impegnato in terra ed in mare ed all’insostituibile Vicepresidente della L.N.I. della Spezia Francesco Costa, veri artefici della riuscita di questa manifestazione che, a detta di tutti, sarebbe auspicabile si ripetesse negli anni a venire.

 
PREVIOUS POST
Campionato Europeo 29er, l'edizione 2025 assegnata alla Fraglia Vela Riva
NEXT POST
Ice Yachts: fenomeno Ice 70 e Ice 70RS