Officina Italiana Design esplora i nuovi territori del Middle East

Officina Italiana Design esplora i nuovi territori del Middle East

Yacht Design

08/03/2022 - 09:00
advertising

Officina Italiana Design studio che progetta in esclusiva tutta la gamma di imbarcazioni Riva ha recentemente individuato Dubai come Distretto di Opportunità per esplorare orizzonti nuovi. Mauro Micheli e Sergio Beretta, co-fondatori di Officina Italiana Design, da circa un anno passano lunghi periodi nella città degli Emirati Arabi per stringere nuove relazioni e toccare con mano il cambiamento che sta avvenendo in quello che oggi è il principale crocevia tra Est e Ovest.

“Cerchiamo sempre di ricevere nuovi stimoli e i viaggi, insieme all’arte, sono la fonte principale di nuove idee e nuove intuizioni”, dice Sergio Beretta. “In un periodo così complicato, con la pandemia ancora in corso e la grave situazione internazionale in atto, spostarsi non è così semplice: ecco perché ci siamo focalizzati su Dubai, individuando in questa città un luogo di grande fermento di idee. Con meticolosa attenzione alle regole anti-Covid, la ripresa, qui dove culture diverse si incrociano e interagiscono quotidianamente, è stata più veloce. A Dubai noi siamo spettatori e testimoni di un cambiamento che dà molto respiro alla nostra creatività; Dubai è la città simbolo degli Emirati Arabi Uniti, che vive sul motto ‘If you can dream it, you can make it’. Tutto ciò lo riteniamo proficuo soprattutto in un Annus Mirabilis come questo in cui si festeggiano i 180 anni di Riva, i 25 dell’Aquariva, i 60 dell’Aquarama e i 100 dalla nascita di Carlo Riva!”

A Dubai sembra davvero che tutto sia possibile e sono in corso parecchie iniziative: prime fra tutte Expo 2020 con il tema significativo “Connecting Minds, Creating the Future” (collegare le menti, creare il futuro) che attrae milioni di visitatori; il Dubai International Airport è il secondo hub più trafficato al mondo; l'ente del turismo sta cercando di rilanciare l'immagine della città presentandola al mondo come capitale dei primati e della tecnologia e nuova culla della cultura araba.

“È la città dove si può persino pensare di vivere nel grattacielo più alto del mondo (820 metri) il celeberrimo Burj Khalifa”, racconta Beretta, “È la città dove si è appena inaugurato il Dubai Harbour Marina, con 1.100 posti barca per yacht fino a 160 metri di lunghezza, dove tra l’altro si svolgerà il prossimo Dubai International Boat Show”.

La regione è uno dei maggiori mercati di yacht oltre 40 metri (che rappresentano il 13 per cento della flotta mondiale) e secondo la Superyacht Builders Association (SYBA) è un territorio che ha contribuito per il 7 per cento alla crescita totale del mercato nautico di alto livello.

“Il Made in Italy a Dubai è particolarmente apprezzato, ci sono molti appassionati ed armatori Riva”, precisa Mauro Micheli, “È un mondo interessato alle grandi barche, tema sul quale ci stiamo focalizzando con la Riva Superyacht Division. Stiamo stabilendo nuovi contatti interessanti ed è bello essere testimoni di questo movimento, dopo un periodo lungo di stasi e di lock-down.”.

Riva 130’ Bellissima, per esempio, appena presentato al Miami Boat Show, è l’ulteriore conferma della volontà Riva di affermarsi anche nel settore dei megayacht: dopo il successo del 110’ Dolcevita è un naturale sviluppo in termini di comfort”, aggiunge Beretta.

“Esternamente 130’ Bellissima ha un design dinamico e leggero definito da alcuni elementi chiave che sono i nuovi stilemi Riva apparsi inizialmente con Dolceriva, grande successo del 2019, e introdotti sulle imbarcazioni successive di maggiori dimensioni”, commenta Micheli, “130’ Bellissima è uno yacht pensato per un armatore che ama la freschezza delle linee senza tempo dei Riva, mantenendosi sempre ancorato alla tradizione centenaria in termini di qualità estetico-funzionali.

Un’estetica che trova sempre spunto anche e soprattutto nell’arte, di cui Mauro e Sergio sono estimatori e collezionisti. “Non esiste progetto di Officina Italiana Design che non esprima la ricerca meticolosa del giusto bilanciamento di linee e forme”, dice Mauro Micheli, “Una ricerca costante che noi alimentiamo visitando mostre e gallerie d’arte”.

A Dubai si stanno sviluppando poli artistici pubblici e privati di qualità e Art Dubai (fiera che quest’anno si svolgerà dall’10 al 12 marzo, contemporaneamente al Boat Show) sta contribuendo a questo movimento, con lungimiranza e attenzione ai vari player, dagli espositori ai collezionisti.

advertising
PREVIOS POST
Sergio Cutolo presenta a PressMare i prossimi motoryacht firmati da Hydro Tec
NEXT POST
Mirabaud diventa main sponsor di Anaelle Pattusch, velista svizzera