Home > Comunicazione > Press Mare > Evinrude: BRP sospende la produzione e si accorda con Mercury

Evinrude: BRP sospende la produzione e si accorda con Mercury

 Stampa articolo
Nuovi fuoribordo Evinrude G2
Nuovi fuoribordo Evinrude G2

La notizia è di quelle che lasciano l’amaro in bocca: Evinrude, il marchio cui si deve la nascita dei fuoribordo prodotti in larga scala, dopo 112 anni di attività sembra destinato a uscire di scena. La holding canadese BRP – produce le motoslitte Ski-Doo e Lynx, le moto d’acqua Sea-Doo, i veicoli stradali e fuoristrada Can-Am, le imbarcazioni Alumacraft e Manitou, i sistemi di propulsione Rotax, nonché i motori Rotax per kart, motocicli e velivoli ad uso ricreativo - che ne detiene il marchio ha infatti annunciato ieri di aver sospeso la produzione Evinrude.

advertising

“La nostra attività sui motori fuoribordo è stata fortemente influenzata dal COVID-19 - ha dichiarato José Boisjoli, Presidente e CEO di BRP - costringendoci a interrompere immediatamente la produzione dei motori fuoribordo nelle nostre fabbriche".

Pubblicità Evinrude
Pubblicità fuoribordo Evinrude del 1917

Boisjoli ha aggiunto di aver scelto di rimodulare la propria attività nel business marittimo concentrandosi sul mercato delle imbarcazioni, dove proprio un paio di giorni fa ha acquisito Telwater, produttore australiano di imbarcazioni in alluminio.

Boisjoli ha annunciato l’interruzione della produzione dei motori fuoribordo Evinrude E-TEC ed E-TEC G2, e la riconversione della struttura di Sturtevant, WI, dove venivano prodotti, per nuovi progetti "per perseguire il nostro piano di fornire ai consumatori un'esperienza senza precedenti sull'acqua".

"Rimaniamo impegnati nella nostra strategia Buy, Build, Transform che è in corso dal 2018 - ha aggiunto il CEO di BRP - con l'acquisizione delle società di barche Alumacraft e Manitou negli Stati Uniti, seguita dall'acquisizione del produttore di barche australiano Telwater.

Interruzione dell'attività dei motori fuoribordo e firma di un accordo con Mercury Marine
Inseguito alla decisione di interrompere la produzione dei motori fuoribordo E-TEC ed E-TEC G2, è stato siglato un accordo con il leader di mercato Mercury Marine per supportare i package di imbarcazioni, per la fornitura di motori fuoribordo ai brand di barche BRP. La società garantirà i pezzi di ricambio e le garanzie di assistenza attraverso la rete dei rivenditori, oltre a offrire programmi selezionati per la gestione dell'inventario. Queste decisioni avranno un impatto su 650 dipendenti a livello globale.

Perseguire nuove opportunità nelle fasi di strategia di costruzione e trasformazione
Con questo annuncio, BRP intende espandere la propria presenza nei mercati della pesca attraverso soluzioni tecnologicamente avanzate. Prosegue Boisjoli: “Attraverso le nostre risorse di ricerca e sviluppo lanceremo sul mercato prodotti marini unici, quali “Project Ghost” la prossima generazione di motori e una inedita serie di pontoon boat con “Project M”, nomi in codice per i nuovi prodotti attraverso i quali intendiamo trasformare il settore”.

“Abbiamo preso questa decisione per migliorare la produttività e l'efficienza e per consentirci di rispondere con ancora più agilità alla domanda” ha concluso il manager.

Qui trovate il comunicato stampa rilasciato oggi da BRP, che dà ufficialmente la notizia

Qui trovate il comunicato stampa ufficiale Mercury relativo alla partnership raggiunta con BRP

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare