Image

Sunshine Settequattrocinque

Battello pneumatico

07/09/2017 - 16:02
yamaha
yamaha

Sunshine Settequattrocinque

18 lettere ma soprattutto 3 numeri che per gli appassionati di nautica e gommoni hanno fatto la storia. Settequattrocinque infatti è il nome di un modello storico del famosissimo cantiere Bat che oggi tornerà a solcare mari e laghi d’Europa con un nuovo marchio e una nuova ambizione.

Settequattrocinque, con i suoi circa 8mt fuori tutto, rappresenta il primo modello del neonato ed ambizioso costruttore italiano Sunshine Boats che sarà varato nei prossimi giorni dopo esser stato oggetto di un restyling estetico e di un ammodernamento tecnologico in linea con le ultime normative. L’accurata messa a punto è finalmente terminata e potremo ammirarlo nei principali eventi fierestici della prossima stagione nautica a partire dal salone di Cannes, in programma dal 12 al 17 di settembre, dove verrà presentato in anteprima europea.

Già dal logo e dal nome si capisce la vocazione del cantiere: offrire ai propri clienti un prodotto in grado di allietare magnifiche giornate di mare e sole con la serenità di un mezzo affidabile e di qualità. Per la produzione e per l’allestimento sono stati scelti solo i materiali migliori, dalle resine alle tapezzerie passando per gli acciai e gli impanti. Il risparmio sulle materie prime o sulle lavorazioni non rientra nella filosofia dei manager del cantiere che puntano a proporre ai propri clienti un prodotto di alta qualità interamente made in italy e ad un prezzo altamente competitivo.

Dopo il Settequattrocinque la gamma Sunshine si arricchirà già questo inverno di nuovi modelli verso l’alto e verso il basso e ci sarà spazio anche per qualche sorpresa.

Settequattrocinque è il gommone ideale per trascorrere lunghe giornate di mare in perfetto comfort anche con tanti ospiti a bordo rimanendo però su dimensioni ancora facilmente gestibili e trasportabili anche privatamente con una vettura di media cilindrata e richiedendo monomotorizzazione con potenze non esagerate in controtendenza a quanto invece molti altri propongono andando però inevitabilmente ad incidere sul costo di acquisto e di utilizzo del gommone.

Visto il nome del cantiere non poteva di certo mancare un’attenzione particolare alle aree prendisole: I’area di prua arricchita di prolunga può raggiungere i 240cm di lunghezza per 140 di larghezza che la pone ai vertici della categoria; all’area di poppa invece è riservata un’ampia e protetta dinette dove trovano comodamente posto 6 persone che, all’occorrenza, può essere trasformata velocemente sia in area pranzo montando il tavolo, sia in un’ulteriore area prendisole inserendo la prolunga dedicata per raddoppiare le aree relax.

Il design del rollbar in vetroresina dona slancio e sportività al gommone senza eccessi stilistici che possono facilmente stancare col tempo rendendo così l’acquisto del gommone nuovo anche un investimento sicuro nel tempo grazie ad un buon valore residuo. Funge inoltre da base per il tendalino che così non intralcia i movimenti a bordo, luci e impianto audio.

In plancia si trova spazio per tutta l’elettronica di bordo necessaria su un mezzo di queste dimensioni che garantisce la tranquillità di poter affrontare navigazioni di medio raggio verso le vostre mete preferite; la seduta di guida inoltre può essere attrezzata fino a diventare un comodo mobile bar in grado di ospitare un frigorifero con anta a filo oltre ad un lavandino e un pratico fornello.

A estrema poppa l’area bagno è stata sviluppata per offrire un comodo passaggio sulle plancette ed intorno al motore; la zona è allestita con doccia e scaletta ben dimensionata per essere confortevole nell’utilizzo. Comodissimi i due gavoni di poppa utili per riporre le piccole attrezzature da bagno, le cime o tutto ciò che ha necessità di essere stipato ma che non volete portare all’interno del gommone.

Il Settequattrocinque può esser motorizzato con un motore fuoribordo gambo XL a partire da un robusto 200hp e fino a un 300hp con cui promette sensazioni molto sportive, trovando nel 250hp la potenza ideale per l’uso diportistico e familiare.

Infine l’allestimento di questo primo modello, fedele alla tradizione ma con un occhio al futuro:Tubolare bianco Orca by Pennel e Flipo da 160dtex abbinato a fregi arancioni e una cuscineria in pelle silver con inserti in Alcantara nautico e cuciture a contrasto che ne fanno un mezzo esclusivo e raffinato.

Ovviamente il cantiere offre ampi spazi di customizzazione e promette di stupirci presto con limited edition e allestimenti speciali.

PREVIOS POST
Officina Italiana Design ai saloni di settembre con un numero felice
NEXT POST
Prova di velocità per Adelasia di Torres alla Maxi Yacht Rolex Cup