Home > Abbigliamento nautico > Helly Hansen > Helly Hansen partner tecnico di Team MAPFRE nella Volvo Ocean Race

Helly Hansen partner tecnico di Team MAPFRE nella Volvo Ocean Race

 Stampa articolo
Blair Tuke, Driver/Trimmer del Team MAPFRE
Blair Tuke, Driver/Trimmer del Team MAPFRE

Dalla Nuova Zelanda con tanta voglia di vincere

Bellissimo! Ma non solo… Si chiama Blair Tuke e alla ancor giovane età di 27 anni è già uno dei velisti più titolati del pianeta. Nel giro di due anni si è portato a casa la medaglia d’oro olimpica e la vittoria nella Coppa America, praticamente il massimo che un velista potrebbe desiderare, ma il giovane neozelandese, eletto Velista dell’anno Isaf nel 2015, ha dimostrato di non ha nessuna intenzione di fermarsi. Chi nasce in Nuova Zelanda sa bene cosa significa vivere in mezzo al mare. E lui, Blair Tuke, in mezzo al mare, qualsiasi mare, ci sta bene. Ecco perché il suo 2017 e un po’ del suo 2018 li sta passando divertendosi molto e imparando la cultura spagnola con il Team Mapfre, sballottato dalle onde e dalle correnti più forti del pianeta. E anche molto felice di indossare i capi di Helly Hansen, studiati per chi come lui scelgono il meglio.

Da quanto tempo sei un velista professionista: è un sogno che si avvera e come è iniziato tutto? Che cosa significa la navigazione per te?

Sono un marinaio professionista da circa 10 anni (da quando ho iniziato la mia avventura per le Olimpiadi di Londra nel 49er con Pete). Prima di allora ho navigato per molto tempo, ma è da quel momento, si potrebbe dire, che ho iniziato a fare veramente vela come lavoro a tempo pieno. Prima non guadagnavo soldi. Ho iniziato quando ho cominciato a farlo a tempo pieno.

Mi sento molto fortunato a poter fare quello che amo come lavoro. Penso che per tutti sia davvero bello poter fare ciò che si ama e godersi questa esperienza.

Mi sento molto fortunato di aver seguito un percorso che mi ha portato verso molte strade e avventure diverse; ho avuto alcune esperienze incredibili. Questa, a bordo di MAPFRE nella Volvo Ocean Race, è nuova, mi piace davvero questa sfida.

Qual è il tuo obiettivo nella vela e cosa significherebbe se riuscissi a vincere la Triple Crown?

Nella vela, ci sono tre grandi titoli. Alle Olimpiadi personalmente penso che partecipino i migliori atleti. La vela è uno sport puro e navighi contro gente in barche molto simili, quindi vincono i migliori velisti. Il livello di abilità velica con i velisti olimpici è molto alto.

La Coppa America presenta alcuni dei migliori velisti in combinazione con un sacco di tecnologia. Hai bisogno di una barca veloce ma anche dei migliori velisti, quindi è più come una combinazione; richiede una squadra più ampia e più grande.

Poi c’è la Volvo Ocean Race, che, con le barche di adesso, racchiude tutte le abilità veliche. Ma è l'aspetto avventuroso della Volvo Ocean Race e della resistenza che la rendono così incredibile. Mi piacciono davvero tutti e tre. Non potrei metterne una davanti all'altra, sono felice di avere l'opportunità di fare questa terza esperienza ora.

Adesso che stai navigando in Oceano, cosa hai scoperto in questa particolare situazione?

Essendo uno sport di resistenza (con una frazione che dura due settimane 20 giorni, o qualunque sia la frazione), devi cercare di tenere sotto controllo le tue emozioni. Non puoi adagiarti quando ti trovi in una buona situazione o non puoi lasciarti andare giù quando qualcosa non va bene, perché capita abbastanza spesso. Quindi, devi solo cercare di mantenerti stabile e continuare a spingere più forte possibile, sapendo che le situazioni oscillano. Speri di fare più cose giuste che sbagliate e, si spera, tu possa far andare la barca più veloce degli equipaggi che hai intorno a te. Mi piace molto l’abiità di resistere della Volvo Ocean Race: soprattutto per spingere se stessi come in nessun altra situazione nella vela e poi riuscire a farlo con la squadra che hai con te. È davvero speciale.

Come ti prepari ad affrontare le sfide della Volvo Ocean Race?

… fisicamente e mentalmente? Devi solo, prima di tutto, cercare di essere organizzato con le tue attrezzature personali e cercare di essere il più in forma possibile quando sali sulla barca. Ma davvero, finché non sei là fuori e vai avanti, è un po' difficile da preparare completamente. Tutto inizia solo quando ci si immerge veramente e quindi si comincia; è difficile prepararsi per questo motivo. Devi solo uscire e andare; imparo mentre sei al largo e gestisci ciò che affronti. Devi cercare di organizzarti e devi assicurarti che la barca sia in buone condizioni. Fortunatamente abbiamo un buon equipaggio di terra che lo fa per noi, ma ovviamente noi aiutiamo per le nostre competenze. Se puoi aver fiducia nella barca che hai e l'attrezzatura che hai intorno a te, allora si riduce all'abilità di navigazione. Ottieni il massimo dalla barca e poi sei in una buona posizione.

b) ... in termini di attrezzature e sicurezza? Quando sei al top e stai spingendo (tutti questi velisti sono ai vertici del mondo), devi cercare di ottenere il meglio da te stesso. E se non sei al 100% nel comfort, se hai freddo, caldo o sei bagnato, anche solo se ciò ti toglie il due per cento di concentrazione nella competizione la barca va meno veloce. L'abbigliamento non è tutto ma se non è performante e molto negativo. Prova dunque ad avere il meglio che puoi e poi tocca a te quando ti senti al 100% nel confort.

Quali sono i criteri più importanti per scegliere il tuo abbigliamento e la tua attrezzatura?

La cosa bella di questa gara è che attraversi così tanti climi diversi. Recentemente ci siamo diretti verso Hong Kong, che era super, super caldo. Ma abbiamo anche affrontato un percorso molto freddo da Città del Capo a Melbourne. Quindi, ovviamente, per quelle due frazioni, indossi vestiti molto diversi a bordo. Per l'Oceano Australe, si tratta di avere strati di base, livelli intermedi e, ovviamente, lo strato esterno sempre bagnato. Questa è sicuramente la chiave per essere caldi, ma i tuoi vestiti dovranno respirare e dovrai stare comodo per muoverti velocemente e in modo efficiente. Quando fa così freddo, è difficile avere tutte quelle cose e tutto quello che serve. Penso che siamo molto fortunati ad avere Helly Hansen che lo fa per noi. Abbiamo avuto capi molto buoni nell'Oceano Antartico. E poi ti trovi in questa calda frazione in cui ho letteralmente indossato pantaloncini e maglietta per l'80% della gara, anche durante la notte. È bello poterlo fare. Se la vela potesse essere sempre così, allora sarebbe davvero bello.

C'è qualche prodotto che hai scoperto di Helly Hansen durante questa edizione della Volvo Ocean Race che non dimenticherai mai?

I base layer termici Lifa® Merino sono davvero ottimi. Hai un base layer eccezionale direttamente sulla pelle e puoi indossarlo quando fa veramente caldo: se vuoi puoi indossarlo solo con una giacca leggera o qualcosa del genere. Aiuta davvero a traspirare. Penso che lo strato di base quando indossi quattro o cinque strati nell'Oceano Antartico, è molto importante. Sia io che molti dei ragazzi a bordo, lo indossiamo sempre. Penso che i base layer in lana merino sotto il midlayer siano davvero buoni e ovviamente anche molto traspiranti. E super caldi

C'è qualcosa che ti senti mancare o un prodotto che puoi pensare e che vorresti realizzare?

Ovviamente più velocemente puoi indossare i tuoi capi, più facili saranno le cose. Questo è il difficile: avere qualcosa che respira, che ti tiene al caldo e ti tiene asciutto. Penso che si possa sempre migliorare ma so anche quanto sia difficile. Ma nelle situazione attuale abbiamo già ottimi prodotti che fanno il massimo per noi.

Come ti trovi a far parte per la prima volta di un team spagnolo?

Quando ho incontrato Xabi per la prima volta e stavo per iscrivermi al team, sono rimasto molto attratto dalla loro cultura. Mi ha incuriosito vedere come operano Xabi e i ragazzi e sono rimasto molto colpito. Da quando sono arrivato, mi sono sentito parte della famiglia. Penso che sia qualcosa che l'intero team ha condiviso. Questa è una vera famiglia di cui fanno parte le persone a bordo della barca e tutto il team. Tutti contribuiscono a ciò che realizziamo o non conseguiamo. È stato davvero divertente finora, ovviamente ci concentriamo tutti sul tentativo di vincere questa gara, ma ci stiamo divertendo anche noi lungo il percorso. Condividiamo gli alti e bassi con tutti nel team ed è stato davvero bello per me imparare da questa nuova cultura. Ho imparato un paio di parole spagnole, ma è davvero la cultura che è stata la cosa principale che mi è davvero piaciuta.

Per quanto tempo speri di gareggiare ancora a questo livello?

Che possa ricordare sono sempre stato in acqua a fare sport. Sono stato molto fortunato a crescere a 50 metri dall'acqua a Kerikeri, in Nuova Zelanda, nell'estremo nord. Vado in barca da quando avevo 10 o 11 anni, mi sono innamorato di questo sport. Mi sento molto privilegiato di poter fare ciò che amo come lavoro e ora come carriera. A un certo punto il tempo si assottiglia. Immagino quando sarò più grande. Di sicuro, mi auguro di veleggiare finché vivo. Non posso pensare di non essere sull'acqua o essere coinvolto in qualcosa che non ha a che fare con l'acqua. È una parte di me e spero di poter continuare ancora per qualche anno. Fondamentalmente non starei mai in un ufficio dalle 8 alle 5.

Ægir H2Flow Jacket, la giacca realizzata per i professionisti della Volvo Ocean Race
Ægir H2Flow Jacket, la giacca realizzata per i professionisti della Volvo Ocean Race

La pluri premiata collezione di abbigliamento tecnico per la vela di Helly Hansen è il risultato di migliaia di ore di ricerca e sviluppo. Come si fa a passare da una semplice giacca da vela a un capo che protegga alle condizioni climatiche estreme? La risposta sta nei test effettuati sull’equipaggiamento oceanico durante una delle competizioni più rinomate della vela: la Volvo Ocean Race, o VOR.

Dopo 140 anni nel settore nautico e 40 anni di lavoro con il VOR, Helly Hansen si affida agli input dei professionisti per sviluppare ed espandere i limiti delle prestazioni dell'equipaggiamento, dai grandi classici come la Salt Jacket fino ai progetti più innovativi, come Ægir.

Partner e tester di prima mano dei prodotti Helly Hansen sono i componenti dell’equipaggio di MAPFRE che partecipano alla Volvo Ocean Race di quest'anno. I professionisti di questo team hanno bisogno di attrezzature che coprano tutte le condizioni, dal clima più caldo del Mediterraneo alle temperature fredde e pungenti dell'oceano meridionale.

"Oltre a sostenere gli atleti in questa intensa sfida, queste partnership sono sempre state un'opportunità unica per la nostra crescita nella ricerca e nello sviluppo. Essendo uno degli eventi più impegnativi tra tutti gli sport, il VOR è la prova ideale per capi da vela funzionali", spiega Øyvind Vedvik, Category Managing Director Sailing di Helly Hansen. "Ci affidiamo a team quali MAPFRE nella Volvo Ocean Race per mantenerci all'avanguardia nel design e nelle tecnologie, per permetterci di realizzare i migliori prodotti per le nostre collezioni vela destinate al pubbico".

image005.jpgIl team è equipaggiato con la più completa e tecnologica attrezzatura offshore che Helly Hansen è in grado di offrire, compresa la nuova Ægir H2Flow Jacket, recente vincitrice di due dei premi di design più prestigiosi al mondo: il German Design award 2018 e il Good Design award 2017. "Questa giacca è l'ideale a qualsiasi livello di attività, ma allo stesso tempo è molto leggera, confortevole e si asciuga velocemente", afferma Pablo Arrarte, Watch Captain di MAPFRE. "È un'aggiunta perfetta al nostro guardaroba offshore, che ci mantiene caldi anche a temperature fredde quando non l’attività a bordo non è intensa e ci raffredda quando manovriamo e sudiamo molto sotto sforzo".

Il team è equipaggiato con tutta la più alta tecnologia off-shore che Helly Hansen ha da offrire:

Ægir H2Flow Jacket

La linea Ægir è progettata per i professionisti dell'oceano e prende il nome mitologo Norvegese del dio del mare. È una giacca isolante e idrorepellente, realizzata a strati intelligenti.

• Helly Tech® Performance

• Pannelli Rip-stop dal peso leggero

• Zone stretch

• Impermeabile, antivento e traspirante

• Sistema di regolazione della temperatura H2Flow ™

Helly Hansen partner tecnico di Team MAPFRE nella Volvo Ocean Race
Helly Hansen partner tecnico di Team MAPFRE nella Volvo Ocean Race

Ægir H2Flow Jacket sarà la nuova giacca preferita da ogni professionista, grazie alla sua incomparabile traspirabilità, al sistema di regolazione della temperatura H2Flow ™ e ai materiali lisci in superficie per garantire facilità di gestione degli strati quando le temperature aumentano o diminuiscono. I tessuti morbidi consentono facilità di movimento mentre la costruzione impermeabile, antivento e traspirante consente alla giacca di essere indossata come strato esterno quando le condizioni sono miti. Abbinata alla nuova Ægir H2Flow Salopette, i velisti possono godere della protezione di tutto il corpo grazie ai singoli strati isolati e facili da muovere. Ogni pezzo si può usare separatamente o insieme per trattenere il calore quando necessario, ma è pronto per espellere immediatamente l'aria calda indesiderata attraverso prese d'aria ergonomicamente posizionate sia sulla giacca che sulla salopette.

L'equipaggiamento prodotto per MAPFRE servirà come prototipo delle prossime collezioni vela disponibili per i consumatori di tutto il mondo su www.hellyhansen.com. Qui troverete maggiori informazioni sulla partnership tra MAPFRE e Helly Hansen.

A proposito di Helly Hansen

Fondata in Norvegia nel 1877, Helly Hansen continua a sviluppare il proprio abbigliamento attraverso le linee del design scandinavo e gli inserti creati a partire dalla vita in alcuni dei più ostili ambienti del globo. Il brand rappresenta il connubio perfetto tra performance, protezione e stile, e continua a proteggere i professionisti e a renderli capaci di vivere in mezzo all’oceano o sulle montagne di tutto il mondo. L'azienda vanta una lunga lista di innovazioni esclusive sul mercato, compresi i primi indumenti da lavoro impermeabili quasi 140 anni fa, il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™ e oggi la brevettata e premiata tecnologia H2Flow per la regolazione della temperatura. Helly Hansen è leader mondiale nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela, così come primeggia nel settore del workwear. Le sue uniformi per lo sci sono indossate e testate da più 50,000 professionisti e sono indossate da Olimpionici, Squadre Nazionali, operatori e guide che operano in più di 200 ski resort intorno al mondo. L’abbigliamento tecnico, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear Helly Hansen sono venduti in oltre 40 nazioni approvate da professionisti dell’outdoor ed entusiasti del mondo intero. Per approfondire la conoscenza delle più recenti collezioni Helly Hansen visitate:

www.hellyhansen.com