Home > Comunicazione > Press Mare > La battaglia della classe media

La battaglia della classe media

 Stampa articolo

    La battaglia della classe media
La battaglia della classe media

 

 

La fascia di società dell’economia occidentale che ha maggiormente risentito, anzi sofferto la crisi economica scatenata dalla speculazione finanziaria statunitense è stata la classe media, tanto da diventare negli States la bandiera della campagna presidenziale 2016 del partito democratico americano, iniziata da Hillary Clinton col motto Hillary for America. Sono i voti della classe media quelli che valgono per vincere. Eppure essa rimane stritolata tra speculazione finanziaria e totalitarismi di sinistra e di destra che per annientarla chiedono proprio i suoi voti. Stiamo pagando da circa dieci anni e forse più i debiti delle banche, come ha testimoniato recentemente anche Papa Francesco, E continueremo a pagarli se non riusciremo ha trovare nel nuovo rinascimento stimolato dal mercato globale - il progresso è inarrestabile e vince sempre sulla difesa dello status quo - la forza di affermare il ruolo determinante che solo la classe media può svolgere. E invece ubriacati dalla propaganda politica tanto di moda fino a poco tempo fa, anche chi ne fa parte quasi se ne vergogna. Fino a poco tempo fa si parlava solo di sinistra e di destra, poi la drammatica caduta delle ideologie politiche ha indirizzato gli interessati verso il centrosinistra e il centrodestra, ma con scarsi risultati perché la classe media, disgustata dalla politica delle ruberie addirittura non vota. Servirà l’esempio della Clinton a generare qualcosa di realmente simile anche in Italia?  

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare