Grand Soleil Cup: festa in mare e a terra per i 50 anni di Cantiere del Pardo

Grand Soleil Cup: festa in mare e a terra per i 50 anni di Cantiere del Pardo

Grand Soleil Cup: festa in mare e a terra per i 50 anni di Cantiere del Pardo

Servizio

26/06/2023 - 19:50

Si è conclusa ieri domenica 25 giugno 2023 tra le acque cristalline di Portopiccolo la 21ª edizione della Grand Soleil Cup, evento velico dell'anno per tutti gli armatori Grand Soleil. Un'edizione speciale quella del 2023, non solo perché oltre alla tradizionale competizione velica si è assistito anche alla Vintage Cup, ma soprattutto perché quest'anno Cantiere del Pardo celebra un traguardo importante: 50 anni di attività, di successi e di grande passione per il mare.

Nelle due giornate di regata, Portopiccolo non ha deluso le aspettative dei 57 armatori partecipanti, tutti di nazionalità italiana eccetto due equipaggi polacchi, che si sono affrontati con grande entusiasmo e una buona dose di sana competizione.

La Grand Soleil Cup 2023 ha visto protagonisti tutti i modelli che hanno reso celebre il marchio Grand Soleil nei suoi 50 anni di storia: dal GS34, primo modello firmato da Finot, al GS39 e il GS46 di Alain Jezequel; il GS 50 di Peterson, dai modelli cult - disegnati da German Frers - il GS42, dell’armatore Roberto Cabrini con il grande Mauro Pelaschier al timone per l’occasione, il GS45 e il GS52 fino agli ultimi nati il GS40 e il GS44 di Matteo Polli e Nauta Design.

La prima prova, svoltasi nella tarda mattinata di sabato 24 giugno, ha visto Bora dai 15 ai 20 nodi di intensità perfetta per mettere tutti gli equipaggi a proprio agio; mentre nella seconda, disputata la domenica, si oscillava tra i 10 e 15 nodi, condizioni meteo ottimali che hanno permesso di veleggiare stabilmente.

La partenza ha visto protagonisti tutti gli equipaggi, che sono poi stati divisi in due categorie,  “All Sails” e “White Sails”(White Sails hanno navigato solo a vele bianche mentre le All Sails hanno utilizzato anche vele di prua come gennaker, Code 0 e spinnaker). Per ogni categoria è stato poi assegnato, oltre al primo assoluto, anche il primo posto assoluto Vintage, destinato ai progetti antecedenti il 2000.

Ad aggiudicarsi la vittoria overall nella classifica All Sails è stato il GS48 RACE  - progetto di Marco Lostuzzi - ATHYRIS di Sergio Taccheo mentre il primo gradino del podio White Sails ha visto protagonista il GS 52 LC - sempre di Lostuzzi -  LIUBA di Fabio Montanari.

Tra i vincitori Vintage, Federico Tognetti con il suo GS52 MAYA - progetto di German Frers - ha ottenuto il primo posto assoluto All Sails, imitato da LADY LINER - un GS 46.3 progetto J&J - dello Yacht Club Mirnik che ha dominato nella categoria White Sails.

Sono stati due giorni all'insegna dei festeggiamenti, una continua celebrazione della vita in mare e della sportività, perché la Grand Soleil Cup non è solo un evento velico, ma è anche un momento importante di condivisione per tutta la comunità di Grand Soleil e in questa edizione più che mai i motivi per essere grati a questa grande famiglia erano molteplici.

Doverosi i ringraziamenti a tutti coloro che per questa edizione hanno contribuito a rendere indimenticabili due giornate di veleggiate e non solo: Le autorità del comprensorio di Trieste e di Duino-Aurisina, Fulvio Vecchiet - Vicepresidente e direttore sportivo del diporto nautico Sistiana in collaborazione con lo yacht club Portopiccolo, il comitato di regata, la Marina di Portopiccolo per la gestione degli ormeggi, l'ufficio di Cantiere del Pardo di Portopiccolo e tutti gli sponsor (Volvo Penta, Falconeri, B&G, Quick, Banca Intesa, Harken, Onesails, G&G Rigging, Bamar).

Con la speranza che questi primi cinquant'anni di successi siano l'apripista per nuove straordinarie avventure...

PREVIOS POST
Ocean Live Park, arriva WindWisper, la prima barca
NEXT POST
Frauscher x Porsche: potenza elettrica e grandi prestazioni anche sull'acqua