Home > Cantieri > Cantiere delle Marche > Cantiere delle Marche presenta EXP 42, uno yacht dal carattere deciso

Cantiere delle Marche presenta EXP 42, uno yacht dal carattere deciso

 Stampa articolo
EXP 42
EXP 42

“Un explorer yacht è tale per la sua affidabilità, la costruzione robusta, l’autonomia, i suoi equipaggiamenti, la capacità di portare provviste per navigare a lungo e in totale sicurezza in ogni condizione meteo, non per la sua forma,” dice Vasco Buonpensiere, co-fondatore e Sales & Marketing Director di CdM. “Noi di CdM costruiamo magnifici explorer, punto. Con un explorer dal design elegante e contemporaneo, riusciamo a unire il meglio di due mondi,quello degli yacht di lusso e quello degli explorer vessel: con un explorer costruito da CdM si può navigare intorno al mondo in sicurezza e nel massimo comfort. Al contrario, con uno yacht di lusso travestito da explorer (come se ne vedono tanti ultimamente) si può fare quello che consente un ‘normale’ yacht di lusso, nulla di più, e il tipo di crociera possibile non cambia di una virgola…” Con queste affermazioni, Buonpensiere sintetizza l’approccio di CdM al mondo degli explorer yacht.

advertising

EXP 42
EXP 42

Con la Darwin Class ancora sulla cresta dell’onda, con una serie di progetti custom portati a termine, K42 Audace e Crowbridge (varato un paio di settimane fa) e altri in costruzione, CdM ha recentemente presentato due nuove gamme semi-custom in grado di intercettare l’interesse e il gradimento di una clientela competente ed esigente. E’ il caso della linea Flexplorer progettata da Hydro Tec (la cui prima unità verrà varata a breve) e la linea MG disegnata da Francesco Paszkowski di cui tre esemplari sono già stati venduti (MG129 che verrà varato entro l’estate e due MG 115 in costruzione).

Conquistare e mantenere la leadership nel segmento degli explorer vessel ha richiesto e richiede una visione lungimirante del mercato e un approccio propositivo. Questa è la ragione per cui CdM non si ferma e amplia ulteriormente la sua già ricca offerta con una nuova serie di explorer yacht semi-custom ideata in collaborazione con Francesco Paszkowski: la linea EXP con modelli tra 310 e 499GRT.
 
Oggi vi presentiamo l’EXP 42 un modello che racchiude ed esplicita al meglio le caratteristiche della gamma di appartenenza. Le linee esterne sono forti, decise e attrarranno sicuramente l’attenzione ovunque lo yacht farà la sua comparsa. Il giusto equilibrio tra interni confortevoli e caratteristiche costruttive e tecniche di totale affidabilità consentiranno lunghe e piacevoli navigazioni verso destinazioni lontane, anche in condizioni meteo avverse.

Un explorer dall’aspetto imponente, l’EXP 42 è uno yacht dal carattere deciso. Con un robusto scafo in acciaio, la sovrastruttura in alluminio e dotazioni tecniche ridondanti per garantire una navigazione sicura anche in luoghi remoti, l’EXP 42 avrà un dislocamento che  si aggirerà attorno alle 460 tonnellate. Due motori Caterpillar C32 Acert e serbatoi da 60.000 litri di combustibile assicureranno una velocità massima di 14 nodi e un’autonomia di oltre 5.000 miglia nautiche.
L’EXP 42 è stato progettato per accogliere ogni genere di attrezzatura e dispositivo che ci si aspetta di trovare su uno yacht di lusso. Paszkowski ha disegnato numerosi e amplissimi spazi esterni per offrire agli ospiti la più ampia possibilità di scelta. Il design riesce a coniugare la privacy degli ospiti e il contatto diretto con la natura circostante grazie ad ampie superfici vetrate e la possibilità di mettere in comunicazione diretta gli ambienti interni e quelli esterni.

EXP 42
EXP 42

Il layout può essere personalizzato in base alle esigenze e alle abitudini abitative del singolo armatore. Tuttavia, per facilitare lo sviluppo del progetto, CdM offre una serie di proposte di layout tra cui una pensata appositamente per un cliente (uno dei numerosi clienti ripetuti di CdM) interessato a immettere lo yacht nel mercato del charter. Si tratta di un layout con sei cabine ospiti di dimensioni pressoché uguali (GA_1). Quattro cabine Vip sono sul Ponte Principale e altre due sul Ponte Inferiore.

Un layout più tradizionale ha invece una grande armatoriale a prua del Ponte Principale e quattro ampie suite ospiti sul Ponte Inferiore (GA_2).
Anche le aree comuni possono essere configurate variamente con salone e sala da pranzo sul Ponte Principale oppure con un salone di dimensioni ridotte sul Ponte Principale e la sala da pranzo sul Ponte Superiore. Ulteriore versatilità per quanto riguarda l’estensione dei ponti il cui slancio poppiero può essere modulato in base alle richieste dell’armatore. Ma, come detto prima, il cantiere è pronto a ‘disegnare’ l’EXP 42 su misura del singolo armatore e quelli presentati sono solo suggerimenti.

Nella versione a sei cabine uguali, una grande cucina è posizionata sul Ponte Inferiore accanto all’immensa area destinata all’equipaggio, senza che ciò interferisca con la spaziosità dei locali destinati agli ospiti.
La versione più tradizionale ha la cucina sul Ponte Principale a mezza nave. Poiché lo yacht è progettato per navigazioni prolungate senza soste, ci sono locali e spazi di stoccaggio un po’ dovunque.

Tra le caratteristiche principali dell’EXP 42 spiccano il grande pozzetto con impavesate abbattibili e il salone sul Ponte Superiore che esplicita al meglio il concetto di continuità tra interni ed esterni. Questo salone è in effetti una veranda circondata da vetrate a tutta altezza che consentono di godere della bellezza del panorama
 
anche quando il tempo (troppo caldo o troppo freddo) non lo consentirebbe.
Il salone principale è anch’esso un ambiente arioso e luminoso grazie a grandi finestre laterali e alla porta poppiera che si apre totalmente sul pozzetto dando vita a un unico ambiente conviviale.

Grandi finestre rettangolari, a sviluppo verticale, caratterizzano fortemente le linee esterne e illuminano egregiamente gli ambienti interni corrispondenti.

Tender e jet ski possono essere posizionati sul Ponte Principale a prua oppure sull’aggetto posteriore del Ponte Superiore. In questa configurazione, il tender viene alato e varato tramite una gru a scomparsa posizionata all’estremità del Sun Deck.

Sul Ponte Inferiore, la sala macchine è eccezionalmente grande e funzionale, come su tutti gli explorer costruiti da CdM.
Anche nel caso della linea EXP, il cantiere conferma  la volontà di dotare ogni yacht di equipaggiamenti, impianti e dotazioni tecniche di altissimo livello e ridondanti in modo da garantire la sicurezza in ogni circostanza.

Un ampio lazzaretto poppiero è in grado di accogliere attrezzature per il tempo libero, equipaggiamenti per l’esplorazione subacquea, una palestra o può essere adibito a qualsiasi uso indicato dall’armatore.

Le ultime notizie di oggi