Home > Accessori > North Sails > Vendee Globe, 22 su 33 iscritti issano vele North Sails con tecnologia 3Di

Vendee Globe, 22 su 33 iscritti issano vele North Sails con tecnologia 3Di

 Stampa articolo
Vendee Globe, 22 su 33 iscritti issano vele North Sails con tecnologia 3Di
Vendee Globe, 22 su 33 iscritti issano vele North Sails con tecnologia 3Di

Si può considerare una vittoria ottenuta prima di partire: su 33 barche al via ben 22 issano vele prodotte da North Sails. Una testimonianza della affidabilita e velocità che gli skipper sanno di ottenere con la tecnologia 3Di. 

advertising

E’ partita in questi giorni la spettacolare Vendée Globe, una regata leggendaria per le difficoltà che vengono affrontate dagli skipper, che navigano attorno al mondo da soli e senza scalo. LA regata è nata nel 1989 da un’ idea di Philippe Jeantot è stata finora affrontata da 165 velisti di cui solo 88 hanno portato a termine il percorso, a testimonianza della durezza dell’impresa.
In questa edizione sono partiti da Les Sables d’Olonne in 33 e sei di loro sono donne. Ben 22 delle 33 barche issano vele North Sails costruite con la tecnologia 3Di, 17 hanno un inventario completo e 5 parziale.  I 60 piedi Imoca sono quanto di più moderno si possa concepire per le regate in solitario e nella vela contemporanea, in regata ci saranno tre generazioni di barche.  Le più moderne sono quelle full foiling, costruite su progetto  attuale per sollevarsi dall’acqua. Tra queste le impressionanti, per prestazioni Charal di Jérémie Beyou che fin dalla partenza ha condotto il gruppo e L’Occitane di Armel Tripon. C’è una generazione intermedia, in sostanza barche tradizionali modificate con l’applicazione dei foil e infine le tradizionali delle vecchie generazioni non foiling.
Leggere, affidabili, uniche nel loro genere, le vele North 3Di sono progettate per il minimo peso e le massime prestazioni. Le vele 3Di sono costruite senza uso di mylar e per questo non sono soggette a delaminazione. Ogni vela 3Di è modellata con precisione, nasce tridimensionale su stampi a grandezza naturale e costruita per durare più a lungo. Nella Vendée Globe i problemi di durata sono ovviamente molto sentiti, in pratica le vele devono essere versatili nella forma e durare tutta la regata: oltre tre mesi di mare, vendo portanti degli oceani del sud, per un totale di 24296 miglia nautiche.

Non è facile individuare un favorito: sulla linea di partenza ci saranno 8 nuovi IMOCA 60 foiling, nati da 4 studi progettuali diversi e ognuno di loro rappresenta l’eccellenza, gli osservatori dicono che al 95% il vincitore sarà uno di questi. I foil che oggi sollevano scafi di 7,5 tonnellate sono grandi più del doppio rispetto a quelli che procuravano un sostentamento ma non un costante sollevamento della barca che hanno fatto la loro comparsa nell’edizione 2016-17. Di conseguenza, le velocità massime previste adesso si aggirano sui i 35 nodi e le medie giornaliere nelle 24 ore potranno superare le 600 miglia nautiche. Anche per questo il record attuale di 74 giorni e 3 ore stabilito da Armel Le Cléac'h nel 2016, scenderà probabilmente al di sotto dei 70 giorni.
Tra gli skipper che issano North Sails anche l’italiano Giancarlo Pedote con il suo Prysmian Group, per lui un punto di arrivo di una carriera che nasce in oceano con i mini Transat.

Come si arriva al progetto di una vela per la Vendee Globe? Non ci sono regole assolute. Dipende dal team, se sta costruendo una nuova barca o meno, e dalle competenze che ha al suo interno. Per la maggior parte delle barche nuove, North Sails è coinvolta fin dalla fase di progettazione, e lavora a fianco degli architetti per definire il piano velico. In tutti i casi, ci sono incontri con ampio scambio di informazioni per interpretare con precisione le esigenze dello skipper e trasferire ciò che la veleria può portargli in termini di esperienza e di strumenti. Con le prime bozze dei progetti fornite all'architetto si possono simulare i comportamenti della vele in 3D, per poi perfezionare la vela.  La progettazione delle vele può far leva su tre strumenti: gli studi teorici di North Sails (aero e struttura), un ricco database di vele progettate per le imbarcazioni IMOCA che abbinato alle competenze e agli input dei velai North può realizzare sempre la vela migliore, affidabile e veloce.

La realizzazione delle vele avviene nella struttura 3Di di Minden  in Nevada negli Stati Uniti  e le finiture che sono fatte presso North Sails France a Vannes, in Bretagna.

Le ultime notizie di oggi