Home > Servizi > ARTEMARE > Artemare e Arezzo Tv alla mostra sulla storia del Palio Marinaro

Artemare e Arezzo Tv alla mostra sulla storia del Palio Marinaro

 Stampa articolo
I protagonisti della mostra da sinistra Paolo Castriconi, Alessandra Chiocca e Emilio Sclano intervistati da Arezzo Tv
I protagonisti della mostra da sinistra Paolo Castriconi, Alessandra Chiocca e Emilio Sclano intervistati da Arezzo Tv

Martedi sera scorso Artemare Club e Arezzo TV si sono trovate insieme alla Fortezza Spagnola di Porto santo Stefano per documentare e divulgare la mostra sulla storia del Palio Marinaro dell’Argentario, doverosa esposizione perché quest’anno l’importante manifestazione remica, la 79 esima edizione, non ci sarà come non c’è stato il Palio di Siena a luglio,  entrambi  eventi molto popolari che attirano tante decine di migliaia di persone tutte insieme, troppe per quest’estate con ancora il distanziamento sociale con il coronavirus in giro. Perciò il giorno di Ferragosto niente “guzzi” a mare, niente vessilli, niente sfilata storica, niente bisbocce nei Rioni, ma tanta storia e passione nei centinaia di documenti, testimonianze e fotografie dell’antica gara remiera che rappresenta la tradizione, la passione e la cultura di un’intera comunità in esposizione nello storico edificio.

advertising

Ricevuti con grande e professionale cortesia da Emilio Sclano capitano del Palio, Alessandra Chiocca delegato del sindaco nel consiglio direttivo dell’Ente Palio, dal creatore del manifesto Paolo Castriconi artista musicista e grafico realizzatore del manifesto che si intitola emblematicamente “Il Palio che non c’è” e dal personale tutto del monumento spagnolo, il comandante Daniele Busetto e la troupe di Arezzo Tv hanno potuto intervistare i protagonisti e visitare l’esposizione  intitolata “Palio, storia e passione” e raccogliere tutte le informazioni necessarie da far giungere via media ai residenti, ai tantissimi vacanzieri sulla costa e non solo.  Pertanto fino al 30 agosto, ma può darsi che il periodo dell’evento venga prolungato data la notevole affluenza, tutti alla bellissima Fortezza che domina Porto Santo Stefano e il suo mare per questa occasione marinara storico culturale da non perdere, organizzata dall’Ente Palio marinaro con il patrocinio del Comune di Monte Argentario e il plauso del Sindaco Franco Borghini, la collaborazione dei Rioni, Valle, Fortezza, Croce e Pilarella, che hanno messo a disposizione il materiale da loro custodito e quella di tanti privati. L’obiettivo è stato centrato: celebrare uno storico evento remico che non si può tenere per i ben noti motivi e iniziare così il cammino verso il traguardo di una mostra museale dedicata alla tradizionale regata santostefanese, regolarizzata con statuto che risale nel 1937, auspicio condiviso e scritto nel libro dei visitatori da Artemare Club.

La tariffa di ingresso alla mostra è quella in vigore alla Fortezza Spagnola, biglietto intero € 2,00, biglietto ridotto € 1,00 con entrata gratuita per i bambini fino a 6 anni e i soggetti diversamente abili con accompagnatore, che consente di visitare anche le due esposizioni permanenti allestite nel monumento, “Memorie Sommerse, Archeologia subacquea in Toscana” e “Maestri d’Ascia all’Argentario, L’arte di far navigare il legno”.        Coerentemente al DPCM del Presidente del Consiglio e alle ordinanze regionali e comunali, per accedere alla Fortezza Spagnola si dovranno seguire le seguenti modalità di accesso: non creare assembramenti, rispettare la distanza di sicurezza, indossare mascherina, entrare nella struttura 10 persone alla volta, vietato toccare i beni esposti, vietato l’accesso con borse, zaini e valigie di grandi dimensioni.

Le ultime notizie di oggi