Home > Regate > International Maxi Association > La International Maxi Association presenta i circuiti regate 2019

Tag in evidenza:

La International Maxi Association presenta i circuiti regate 2019

 Stampa articolo
Il circuito dell'IMA Mediterranean Maxi Inshore Challenge (MMIC), lanciato nel 2019
Il circuito dell'IMA Mediterranean Maxi Inshore Challenge (MMIC), lanciato nel 2019

Fondata nell’agosto del 1979 da un gruppo di armatori degli allora detti “yacht di classe A” - Edmond de Rotschild, armatore di Gitana, John Kilroy di Kialoa, George Coumantaros di Boomerang, Raul Gardini de Il Moro di Venezia, Bill Whitehouse-Vaux di Mistress Quickly - e battezzata ICAYA ( da “International Class A Yacht Association”), l'organizzazione si prefisse da subito di mettere in piedi una serie di regate dedicate alle "Big Boats", ad anni alterni in Mediterraneo e negli USA. Nel 1980, appena un anno dopo la fondazione della classe, si tenne a Porto Cervo il primo evento per gli "yacht di classe A", sotto l'organizzazione dello Yacht Club Costa Smeralda. Per tutti gli anni Ottanta e Novanta eventi per maxi si tennero in varie località - a Porto Cervo ma anche a Saint-Tropez e a Palma di Maiorca, a San Francisco, a Newport nel Rhode Island fino alle isole Hawaii, per citarne solo alcune - con il nome prima di "ICAYA Cup", poi di “Maxi Yacht World Championship”. Nel 1995 nasce ufficialmente la Maxi Yacht Rolex Cup, che da allora si terrà sempre a Porto Cervo nella prima settimana di settembre, inizialmente ogni due anni, poi ogni anno dal 1999, sempre sotto l'egida dello YCCS.
Dagli anni pionieristici della fondazione dell’ICAYA molto è stato fatto, e oggi l’IMA conta una sessantina di soci-armatori. Per loro l’associazione coordina un fitto calendario internazionale rispondendo a esigenze di gruppi di barche (e armatori) molto diverse tra di loro: Maxi 72, Wally, J Class e una variegata flotta di mini maxi.
 
La stagione 2019 
Il calendario mediterraneo delle regate per i maxi si aprirà l’8 maggio a Palma di Maiorca con il Sail Racing Palmavela. Poi i giochi si sposteranno in acque italiane, con la Rolex Capri Sailing Week a metà mese (partenza della Tre Golfi da Napoli a Capri il 10 maggio), la 151 Miglia-Trofeo Cetilar a fine maggio, la Giraglia Rolex Cup complessivamente dal 7 al 15 giugno. Dopo la pausa estiva si riprende con la Palermo-Montecarlo il 21 agosto. Settembre vedrà i maxi  a Porto Cervo per l’edizione numero 30 della Maxi Yacht Rolex Cup (dal 1 al 7 settembre). A ottobre si torna a Saint-Tropez per l’omonima serie delle “Voiles”, prima di spostarsi su Malta con la Rolex Middle Sea Race. Novembre, tempo di alisei, vedrà i maxi sulla rotta Lanzarote - Grenada per la RORC Transatlantic Race.

Il Mediterranean Maxi Inshore Challenge affianca da quest'anno l'omonimo circuito Offshore
Sono già 3 anni che il “Mediterranean Maxi Offshore Challenge” riunisce in un circuito le 5 regate offshore più accattivanti della stagione Mediterranea. Per motivi logistici si inizia sempre con la Rolex Middle Sea Race di ottobre, e si prosegue quest’anno con la Tre Golfi, la 151 Miglia-Trofeo Cetilar, la regata lunga della Giraglia, infine la Palermo-Montecarlo. Il trofeo sarà assegnato a settembre al maxi che avrà partecipato ad almeno 3 delle 5 prove – e con il miglior risultato.
Vincitori delle edizioni precedenti sono stati George David di Rambler (nel 2016) e Carlo Alessandro Puri Negri nel 2018 con Atalanta.
Novità del 2019 è la creazione di un analogo circuito raggruppante le regate “inshore”: il “Mediterranean Maxi Inshore Challenge”. Anche qui, vince chi totalizza il miglior risultato avendo partecipato ad almeno 4 delle 6 manifestazioni sotto elencate:

Sail Racing Palmavela (Palma di Maiorca, 8-12 maggio))
Rolex Capri Sailing Week (le regate capresi del 15-18 maggio)
Rolex Giraglia (la serie di regate inshore tra il 9 – 11 giugno)
Copa del Rey MAPFRE (a Palma dal 27 luglio al 3 agosto)
Maxi Yacht Rolex Cup (dall’1 al 7 settembre a Porto Cervo)
Les Voiles di Saint-Tropez dal 28 settembre al 6 ottobre

«E’ stato naturale affiancare un circuito di regate inshore a quello offshore inaugurato 3 anni fa», sono le parole di Benoît de Froidmont, presidente IMA. «Il nuovo circuito include regate già note, e alle quali i nostri armatori partecipano regolarmente. Speriamo che l’introduzione dei nuovi trofei messi in palio dall’IMA per i vincitori dei due challenge – due coppe in argento dell’Ottocento, provenienti dalla stessa manufattura che creò la “Coppa delle Cento ghinee” nel 1851 – siano da incentivo per una ancora maggiore partecipazione».
«L’obiettivo dei due circuiti promossi dall’IMA è chiaramente quello di spingere i maxi a una costante partecipazione alle regate più importanti della stagione», commenta il segretario generale IMA Andrew McIrvine. «In quest’ottica abbiamo voluto affiancare quest’anno il circuito delle serie inshore a quello, già rodato, delle regate offshore».

Verso le prime regate
Marzo è ancora tempo di pianificazione, ma i numeri degli iscritti alle prime regate di inizio estate sembrano essere più alti di quelli degli anni passati. 158 sono a oggi gli iscritti alla 151 Miglia (e tra di loro almeno una decina di maxi, tra i quali Rambler di George David), e 105 quelli confermati alla Rolex Capri Sailing Week, con 19 maxi che si disputeranno il Maxi yacht trophy nella serie caprese dal 14 al 18 maggio; una decina almeno quelli che arriveranno da Napoli con la Regata dei Tre Golfi - quest’anno alla sua sessantacinquesima edizione - in partenza alla mezzanotte di venerdì 10 maggio dalla sede del Circolo Remo e Vela Italia a Napoli.
 

Le ultime notizie di oggi