Home > Comunicazione > Press Mare > Venti di crescita dalla vicina Spagna

Venti di crescita dalla vicina Spagna

 Stampa articolo
Bandiera spagnola
Bandiera spagnola

I numeri del mercato nautico per primo trimestre del 2015 lasciano ben sperare per la Spagna. Trascinato da un marzo estremamente positivo in termini di vendite, + 36% rispetto allo stesso mese del 2014, il primo trimestre del 2015 ha fatto segnare un lusinghiero risultato di crescita. Tra gennaio e marzo, sono stati infatti registrate 776 imbarcazioni da diporto in tutta la Spagna contro le 660 dello stesso periodo del 2014, con un incremento della quota di mercato del 17,5%.

Analizzando nel dettaglio il Market Report fornito da ANEN sui dati forniti dalla Direzione Generale della Marina Mercantile spagnola, a trainare la crescita sono state le barche fino agli otto metri di lunghezza, +19,6%, con 695 unità vendute contro le 581 dell’anno prima. Questo segmento continua a dominare il mercato, con una quota del 89,6% rispetto al totale. Sono poi passate da 18 a 20 le immatricolazioni di barche comprese fra i 12 e i 16 metri (+11%), mentre i segmenti di mercato relativi alle lunghezze comprese fra gli 8 e i 12 metri (56 immatricolazioni) e oltre i 16 metri (5 unità) mantengono inalterate le quote di mercato.

Con una crescita del 11%, le navi tra i 12 ei 16 metri sono il secondo segmento in più rapida crescita tra gennaio e marzo 2015 sono stati arruolati 20 navi di queste dimensioni il 18 registrata nel 2014 (gennaio-marzo).

Le lunghezze da 8 a 12 metri (56 registrazioni) e il segmento delle navi di oltre 16 metri (5 registrazioni) sperimentano nessun movimento e conservati nelle stesse figure, come registrato nel primo trimestre del 2014.

Riguardo la tipologia delle imbarcazioni vendute, tranne la vela, tutti i segmenti hanno fatto segnare una tendenza alla crescita. I jet ski hanno fatto registrare la più alta crescita, il 78,7%, con 109 immatricolazioni nel primo trimestre del 2015 rispetto ai 61 registrati nello stesso periodo dello scorso anno. Le barche gonfiabili pieghevoli + 39,4%, i RIB, battelli con carena in VTR, + 9,5%, i motoscafi + 8,5%, con 359 immatricolazioni contro le 331 del 2014.

Continua insomma il trend positivo del mercato spagnolo, innescatosi già a partire dal 2013, ma che solo negli ultimi mesi e soprattutto in questo inizio di 2015 sta dando segnali decisi verso una ripresa consistente. Di questa crescita ne beneficiano ovviamente i cantieri spagnoli, i cantieri locali, ma anche il made in Italy che, assieme ai brand inglesi e francesi, ha sempre avuto un ruolo primario sul mercato iberico.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare