Cantiere delle Marche - Crowbridge

Cantiere delle Marche - Crowbridge

Cantiere delle Marche vara l'explorer di 42mt "Crowbridge"

Superyacht

22/06/2020 - 21:29
advertising

"Questo è il primo varo dopo il lockdown dovuto all’epidemia di Covid-19. È un’iniezione di ottimismo per noi e per tutto il comparto nautico,” afferma Vasco Buonpensiere, co-fondatore e Sales & Marketing Director di Cdm.

“Il varo di Crowbridge è stato rimandato di pochissime settimane. Un risultato di cui siamo molto orgogliosi. La nostra capacità di tenere il passo nonostante le difficoltà oggettive, dimostra alla comunità nautica, e a noi stessi, che, grazie al nostro pragmatismo e a un’organizzazione interna ben rodata, siamo stati in grado di superare brillantemente una sfida inaspettata e drammatica.” Ennio Cecchini, Amministratore delegato di Cantiere delle Marche commenta così il varo di Crowbridge: “Senza retorica… questo varo ha una carica simbolica enorme! Siamo orgogliosi e felici perché è un segnale di ripartenza concreto, tangibile. È la prova che il cantiere funziona a pieno regime, che la macchina si è rimessa in moto con l’efficienza che ci ha sempre contraddistinto. E dopo questo, seguiranno altri due vari nel giro di pochi mesi.” 

Cantiere delle Marche - Crowbridge
Cantiere delle Marche - Crowbridge

Questo yacht ha tutte le qualità di un explorer di alta gamma. In primo luogo Explorer 40.22 è stato progettato per navigare in tutte le condizioni meteo-marine. Da perfetto explorer ha una carena efficiente che garantisce ottima tenuta di mare e una navigazione confortevole. La sicurezza e comfort di ospiti ed equipaggio sono stati tenuti in grande considerazione in fase progettuale. 

Altra caratteristica peculiare dell’explorer è la sua grande autonomia. Equipaggiamenti di alta qualità e una sala macchine ampia che agevoli interventi e manutenzioni sono altre caratteristiche fondamentali di questo progetto. “Il progetto nasce dalla volontà del committente, italiano, di costruire una vera e propria nave con caratteristiche tecniche quanto più vicine possibile al mondo del naviglio mercantile a lui molto caro (è armatore), e che consentisse navigazioni sicure con ogni tempo e senza mai entrare nei marina,” racconta Vasco Buonpensiere, “Ci ha chiesto uno scafo robusto in acciaio, una ridondanza degli equipaggiamenti e dei sistemi di bordo in modo da poter avere uno yacht sicuro e affidabile che fosse anche estremamente confortevole,” dice Buonpensiere.

Durante la fase progettuale e costruttiva, l’armatore è stato affiancato da un team di consulenti con i quali lavora abitualmente. “Lo yacht è pensato per la famiglia e ha un elevato livello di servizio di bordo, nonostante tutti i membri della famiglia non disdegneranno di essere coinvolti in molte attività di bordo, compresa la preparazione dei pasti.” Dal design esterno e dal layout interno, si evincono due aspetti fondamentali del progetto: in primo luogo l’ampiezza degli ambienti che garantisce grande comfort, in secondo il fatto che sia stato progettato per prolungate permanenze a bordo lontano dalle folle dei vacanzieri.

Cantiere delle Marche - Crowbridge
Cantiere delle Marche - Crowbridge

Design di Esterni e Interni

“Ho lavorato parecchie volte con questo cliente e due dei suoi yacht più recenti portano la firma del mio studio,” dice Tommaso Spadolini. “Mi ha chiesto linee semplici e classiche, aree interne ed esterne ampie in modo che ci sia spazio per tutta la famiglia con la quale intende passare lunghe vacanze a bordo in totale relax. Queste possono sembrare richieste ovvie quando si parla di un grande yacht, tuttavia la particolarità sta nelle richieste molto dettagliate fatte dal cliente che conosce molto bene le aspettative e le necessità di tutti i membri della sua famiglia.” Per il design interno, l’armatore ha chiesto a Spadolini uno stile elegante e disinvolto. “Lo yacht ha una suite armatoriale sul Main Deck e sei cabine per gli

ospiti sul Lower Deck oltre a 4 cabine per il Comandante e il suo equipaggio. Tutte le aree, sia interne che esterne, sono progettate per offrire il massimo diletto e comfort agli ospiti.”

Cantiere delle Marche - Crowbridge
Cantiere delle Marche - Crowbridge

Architettura navale 
“Lo yacht è stato progettato sulla base degli standard richiesti da un armatore molto esperto che ha deciso di passare da uno yacht planante a un dislocante,” dice Sergio Cutolo, fondatore e leader del team Hydro Tec. “Il progetto di Spadolini ha richiesto il massimo livello di integrazione tra architettura navale, ingegnerizzazione e design in modo da raggiungere un perfetto equilibrio tra esigenze tecniche ed estetiche. Avendo già lavorato con Tommaso Spadolini, la collaborazione è stata facile e produttiva.

L’architettura navale è stata influenzata dalla particolare distribuzione dei pesi e dalle linee della prua che è stata disegnata su indicazioni del cliente. Lo scafo è un classico scafo dislocante a carena tonda con bulbo prominente e sezione poppiera piatta. Il rapporto baglio/immersione è stato mantenuto su valori ottimali e sono state scelte eliche di grande diametro e alta efficienza. La velocità di punta sarà sensibilmente maggiore rispetto a scafi simili grazie a un accurato disegno delle linee d’acqua. Dal punto di vista strutturale
abbiamo cercato di minimizzare l’impatto delle strutture sul design sia dello scafo che della sovrastruttura per un miglior sfruttamento degli spazi a disposizione. Nella sovrastruttura, in particolare, abbiamo cercato di creare il miglior rapporto possibile tra il layout interno, il posizionamento e il dimensionamento delle finestre.” 

Crowbridge è uno yacht di oltre 40 metri progettato da Tommaso Spadolini che ha disegnato sia le linee esterne che gli interni e con architettura navale e ingegnerizzazione di Sergio Cutolo/Hydro Tec. Con una lunghezza totale di 42m e una larghezza massima di 8,50m, Crowbridge ha un dislocamento a pieno carico di circa 400 tonnellate.

Cantiere delle Marche - Crowbridge
Cantiere delle Marche - Crowbridge

Due motori Caterpillar C32 ACERT che sviluppano 970kW ciascuno a 2.100 giri/min, accoppiati a gruppi invertitori-riduttori WAF 542L della REINTJES , spingeranno Explorer 40.22 alla velocità massima di 14 nodi e garantiranno un’autonomia di 3.500 miglia alla velocità economica di 10 nodi. 

Main Data
Lunghezza f.t. 42.00m - Lunghezza al gall. 39.00m - Larghezza 8.50m - Pescaggio * 2.60m - Dislocamento * 400t circa - Motori 2 x Caterpillar C32 ACERT - 970kW ciascuno a 2.100 giri/min - Invertitori-riduttori REINTJES WAF 542L - Generatori 2 x Kohler 70kW + 1 Kohler 40kW - Velocità max. 14 nodi - Autonomia a 10 nodi 3.500 miglia - Capacità serbatoi gasolio 60.000 litri - Capacità serbatoi acqua 8.000 litri - Capacità serbatoi acque nere/grigie/sentina 9.000 litri
*a pieno carico

advertising
PREVIOS POST
Helly Hansen presenta la nuova collezione HP Foil Pro
NEXT POST
Cantiere del Pardo: fondi interessati al 60% della proprietà