Home > Cantieri > Azimut Yachts > Azimut Grande conquista i Boat International Design & Innovation Award

Azimut Grande conquista i Boat International Design & Innovation Award

 Stampa articolo
Azimut Grande 32_winner
Azimut Grande 32_winner

La Collezione Grande di Azimut Yachts premiata per la seconda volta dall’inizio dell’anno: il Grande 32 Metri con esterni di Stefano Righini e interni di Achille Salvagni si è aggiudicato il primo gradino del podio nella categoria Naval Architecture dei Boat International Design & Innovation Award. La giuria del premio, consegnato a Cortina ieri, 27 gennaio, è stata conquistata dall’unione tra le importanti innovazioni tecnologiche e un approccio architettonico molto raffinato.

advertising

Il successo della Collezione Grande non si ferma e vince il secondo premio dell’anno in poche settimane. La giuria dei Boat International Design & Innovation Awards, organizzati da una delle più prestigiose riviste nautiche mondiali, ha scelto Grande 32 Metri come vincitore della categoria “Naval Architecture Semi- Displacement or Planing Motor Yachts”.

Poche settimane prima Azimut Grande 25 Metri era stato giudicato il “Best Motor Yacht in Asia” nell’ambito dei Christofle Yacht Style Awards (categoria tra i 25 e i 30 metri).

Opera di avanguardia in tutti i suoi aspetti, il Grande 32 Metri si distingue per l’unione tra un’evoluta piattaforma navale e un approccio architettonico di estrema raffinatezza, tanto che, alla sua anteprima mondiale al Salone di Cannes 2018 era stato premiato nell’ambito dei World Yachts Trophies come Best Interior Design (categoria tra i 24 e 38 metri).

La giuria dei Boat International Design & Innovation Award ha assegnato l’ambito riconoscimento al Grande 32 Metri in virtù dello sforzo, compiuto dal cantiere su più fronti, per migliorare il comfort e le performance dello yacht tramite un utilizzo ancora più puntuale della tecnologia disponibile: si va quindi dagli investimenti in ricerca e sviluppo, all’utilizzo della fibra di carbonio, fino all’innovativa carena D2P. Commentando le motivazioni Giovanna Vitelli, Vice-Presidente del Gruppo Azimut|Benetti ha ricordato come: “Già lo scorso anno l’ammiraglia della Collezione Grande, il 35 Metri, aveva ricevuto numerosi riconoscimenti. Con il nuovo Grande 32 Metri continuiamo questo fortunato trend. Non solo vengono apprezzate le caratteristiche distintive dei singoli modelli Azimut, ma stiamo anche raccogliendo un consenso generale per il lavoro di rinnovamento, avviato 4 anni fa, dell’intera nostra Collezione Grande su cui stiamo continuando a lavorare con due importanti nuovi modelli. Il nostro focus nell’area dei superyachyt, supportato da grossi investimenti in ricerca e sviluppo, ha effettivamente avuto un eccellente riscontro sul mercato”.

Le linee esterne del Grande 32 Metri, firmate da Righini, sono grintose e decise. Le finestrature a tutta altezza di prua a cavallo tra scafo e sovrastruttura contribuiscono ad alleggerire il volume percepito dell’imbarcazione mentre la prua verticale le regala grande abitabilità.

Gli ambienti interni, in linea con gli altri yacht della Collezione, sono stati pensati da Salvagni con l’obiettivo di rifuggire dalla pura decorazione per concentrarsi sulla composizione spaziale: sono

accoglienti, semplici e raffinati allo stesso tempo. La suddivisione degli spazi si basa su una successione di contrasti: pieni e vuoti, essenze scure lucide ed essenze chiare.

Raised Pilot House, con la sala di comando interna posizionata su un mezzo ponte rialzato tra Main Deck e Flybridge, Grande 32 presenta tutta la sovrastruttura laminata in Carbon Tech con l’aggiunta di resina vinilestere ed epossidica, caratteristica che comporta una riduzione del peso di ogni singola parte laminata in carbonio di un valore compreso tra il 30 e il 40%.

La carena è la D2P® Displacement to Planing, progettata da Pierluigi Ausonio con il centro Ricerche e Sviluppo di Azimut | Benetti ed è caratterizzata da un wavepiercer di prua che aumenta la lunghezza al galleggiamento, con un miglioramento del coefficiente di finezza in regime dislocante, una riduzione della resistenza dello scafo e, infine, un miglioramento dell’impatto sull’onda con mare formato. Inoltre, il double-chine (doppio spigolo) comporta una riduzione della resistenza dello scafo a regimi più sostenuti e una maggiore stabilità ad andatura dislocante.

Questo riconoscimento aggiunge ulteriore prestigio a un Collezione sempre più importante e apprezzata. La giuria dei Boat International Awards, per altro, si era già dimostrata affascinata ed entusiasta del connubio tra charme e tecnologia dei modelli della Collezione Grande: lo scorso anno, infatti, aveva premiato il Grande 35 Metri come ‘Best New Production Yacht Design’.

Le ultime notizie di oggi