RM 1370, RM Yacht

RM 1370, RM Yacht

La barca in legno: il compensato marino, lo strip planking e altri

Didattica e tecnica

03/06/2020 - 17:57
hydrotec
hydrotec

Abbiamo parlato nello scorso articolo del legno come materiale per le costruzioni navali mettendo in luce i suoi pregi: il legno è robusto e leggero e fa bene all’ambiente e alla società. A questi pregi razionali si associano quelli emozionali: qualsiasi costruzione in legno, ci riporta alla belle époque, quindi ci immaginiamo a bordo del “Creole” con ottoni dorati e almeno 20 uomini di equipaggio per le manovre.

Vorremmo invece allontanarci dal legno romantico e fare il punto su quei legni che chiameremmo “moderni” cioè il compensato marino, lo strip planking e altri, che vengono attualmente utilizzati per la costruzione di imbarcazioni nuove.

Da quando le colle hanno fatto passi da gigante e sono divenute molto più tenaci del legno che incollano (cioè la rottura avviene nel legno e non nel giunto incollato), si è andata affermando la costruzione a corsi non rastremati incollati tra loro, quella che gli inglesi chiamano strip planking. È una costruzione abbastanza laboriosa ma facile. L’importante è lasciare correre i corsi senza costringerli a esagerate torsioni. Poiché non è più necessario inchiodare un corso a quelli di sotto, ma basta la colla, sono nati dei materiali particolari e leggerissimi (ad esempio il durakore, con due pelli di mogano e un’anima in balsa) che permettono costruzioni a guscio con un minimo di strutture interne.

Queste sono, in effetti, costruzioni a sandwich e utilizzano al meglio il materiale lavorando come una trave a I. Le strutture leggere, autoportanti, con poche ossature, "odiano" i carichi concentrati e invitano il progettista a evitare la zavorra e gli sforzi concentrati a essa connessi. Molte barche in lamellare, infatti, soffrivano nell’interfaccia tra la struttura in legno e la pinna di zavorra in ghisa o piombo. Anche la costruzione in compensato ha fatto dei notevoli passi in avanti, attraverso l'uso degli adesivi strutturali. Le forme attuali delle barche sia a motore che a vela, prive di superfici concave, portano facilmente alla sviluppabilità dei corsi di fasciame quindi, a un tipo di costruzione che ricorda più quella metallica che quella in legno tradizionale. Il costruttore francese RM, ad esempio, ha fatto un ottimo lavoro e il suo coraggio va apprezzato e seguito.

Ed eccoci al punto principale di questa conversazione: la costruzione in legno, per tornare alla ribalta, “deve” misurarsi con le forme nuove, per le quali è molto portata e dove gli altri materiali sono in chiaro svantaggio per il peso o per il costo. Il legno è nuovo! Ma deve farlo vedere! Va intrapresa una radicale operazione di immagine, alla quale noi contiamo di contribuire!

PREVIOS POST
Il trasporto passeggeri e’ consentito ad un solo operatore marittimo
NEXT POST
All’Argentario la Serenità dopo il Coronavirus arriva dal mare