Home > Team > Ciuriciurimare > Ocean RIB Experience: partenza a fine aprile per la transoceanica in gommone

Tag in evidenza:

Ocean RIB Experience: partenza a fine aprile per la transoceanica in gommone

 Stampa articolo

Sergio Davì, protagonista dell'Ocean RIB Experience – Transoceanica in gommone
Sergio Davì, protagonista dell'Ocean RIB Experience – Transoceanica in gommone
Due uomini, un gommone di ca. 10 m., 4400 miglia nautiche, 3 Continenti e 5 paesi coinvolti. Parliamo della missione “Ocean Rib Experience – Transoceanica in gommone” ideata dal presidente dell’associazione Ciuri Ciuri Mare e Comandante Sergio Davì e patrocinata dal Comune e dall’Università di Palermo.

advertising

Dopo le precedenti avventure che lo hanno già visto protagonista nel 2010 con la Palermo- Amsterdam (3000 miglia), nel 2012 con la Palermo-Capo Nord (oltre 4000 miglia) e nel 2015 con la Palermo-Rio de Janeiro (interrottasi a Lanzarote per un incendio ai motori), il Comandante Davì ritenta la traversata oceanica per raggiungere il Brasile.

La partenza è prevista per la fine di aprile 2017, come consueto, da Palermo. Circa 4.400 miglia nautiche lungo una rotta che tocca Italia, Spagna meridionale, Marocco, Isole Canarie, Capo Verde e Brasile. Importante la sosta Fernando de Noronha, patrimonio mondiale dell'UNESCO (circa 300mn da Recife). La missione, che in parte ripercorre l’itinerario di Amerigo Vespucci che lo portò a scoprire l’arcipelago, intende anche promuovere il modello di turismo ecosostenibile e di preservazione ambientale che vige all’interno della riserva naturale.

Davì tenterà l’impresa a bordo di un gommone Master 996, lungo circa 10 metri, appositamente allestito ed equipaggiato per la navigazione oceanica d’avventura e motorizzato con una coppia di fuoribordo benzina Suzuki DF200AP (4 cilindri) che riducono notevolmente i consumi di carburante con un conseguente minore impatto sull’ecosistema marino. Sono previsti 25 giorni di navigazione e 30 giorni di soste programmate, per un totale di circa 300 ore di navigazione.

Non solo record sportivo, ma molteplici sono gli obiettivi che la traversata si propone: raccolta di materiale scientifico per l’Università di Palermo e promozione della interculturalità tra Europa, Africa e Brasile.

Le ultime notizie di oggi