Home > Personaggi > Michele Zambelli > Vela: Michele Zambelli è partito per la Mini Transat

Vela: Michele Zambelli è partito per la Mini Transat

 Stampa articolo
Michele Zambelli al via della Mini Transat
Michele Zambelli al via della Mini Transat

 

Michele Zambelli è partito per la Mini Transat. Next stop Lanzarote prima del grande salto oceanico verso Guadalupe.

FRANCIA – Douarnenez. Alle 15.30 di sabato 19 settembre, in una giornata quasi estiva, le 72 barche iscritte alla Mini Transat, regata oceanica in solitario a bordo di piccole barche di 6 metri e 50, hanno lasciato il porto bretone di Douarnenez per iniziare quella che è da sempre considerata la regata più impegnativa del panorama della vela oceanica.

Sette italiani al via tra cui lo skipper Michele Zambelli, forlivese e socio del Club Nautico Rimini, a bordo del proto Illumia ITA 788.

Mare piatto e 12 nodi da Ovest Nord Ovest sono state le condizioni ideali per garantire lo spettacolo della partenza della Mini Transat che ha impegnato gli skipper in un breve percorso a triangolo prima di fare rotta verso il largo.

Zambelli ha subito cercato spazio tra la flotta e ha girato quinto assoluto la seconda boa per poi piazzarsi nel gruppo di testa già nelle prime miglia. Ma i giochi sono solo all’inizio.

“Il mio obiettivo è un buon piazzamento” dichiara Michele poco prima della partenza, “e devo giocare bene le mie carte nel golfo di Biscaglia dove troverò le condizioni tipiche del Mediterraneo e quindi poco congegnali per gli avversari francesi”.

Un meteo infatti decisamente diverso dal 2013 dove la partenza fu ritardata di un mese a causa di condizioni proibitive.

Dopo una partenza con vento leggero la strategia infatti sarà passare il golfo di Biscaglia senza cadere in zone di bonaccia, conseguenza di una dorsale che interesserà la zona.

Passato poi capo Finisterre dovrebbe entrare il Nord Est, con intensità di circa 20 – 30 nodi, garantendo una discesa delle barche in poppa lungo la costa del Portogallo verso le Canarie.

Sempre secondo le previsioni poi sarà fondamentale sfruttare venti più deboli in avvicinamento a Lanzarote e tagliare il traguardo, previsto per le prime barche tra giovedì 24 e sabato 26 settembre.

Dopo l’arrivo alle Canarie, prima tappa della regata, le barche si fermeranno per circa un mese e ripartiranno per la seconda manche per Guadalupe il 31 ottobre, completando così il percorso della regata con un totale di oltre 4000 miglia.

 

 

NAVIGARE COME GLI ANTICHI

Gli skipper della Mini Transat navigheranno senza nessun supporto tecnico a bordo, come telefono o computer, e con la concessione di un solo collegamento radio al giorno dove il comitato organizzativo comunica le previsioni meteo e gli aggiornamenti sulle posizioni dei regatanti.

Come seguire la regata

Ogni imbarcazione è dotata di un localizzatore satellitare che trasmetterà la sua posizione sul sito ufficiale della regata ogni 4 ore dalle ore 8 alle 20.

http://www.minitransat-ilesdeguadeloupe.fr/

Sul sito ufficiale e i social (Facebook, Twitter) di Michele Zambelli verranno pubblicati aggiornamenti giornalieri con un commento sulle sue scelte tecniche da Felice Gusso.

www.michelezambelli.it

www.facebook.com/MicheleZambelliMini342

 

FONDAZIONE ISAL

Michele Zambelli è Ambasciatore Nei Mari Del Mondo per la Fondazione ISAL che svolge che ha propone con ogni mezzo a sua disposizione di promuovere l’approfondimento delle tematiche inerenti alla sofferenza e di favorire lo sviluppo della ricerca e della sperimentazione, nonché di coordinare e promuovere gli studi sulle terapie del dolore.

Le ultime notizie di oggi