Cinquecento anni fa, il 17 aprile 1524, Giovanni da Verrazzano scoprì la Baia di New York

Cinquecento anni fa, il 17 aprile 1524, Giovanni da Verrazzano scoprì la Baia di New York

Cinquecento anni fa, il 17 aprile 1524, Giovanni da Verrazzano scoprì la Baia di New York

Storia e Cultura

17/04/2024 - 09:00
advertising

Il 17 aprile 1524 segna una data fondamentale nella storia dell'esplorazione geografica del Nord America. In questo giorno, il navigatore italiano Giovanni da Verrazzano, al servizio della corona francese, si imbatté in quella che oggi è la baia di New York, un evento che non solo aprì nuove rotte e opportunità per l'Europa ma che segnò anche l'inizio di una serie di esplorazioni che avrebbero definitivamente cambiato la mappa del mondo.

Nato a Greve in Chianti, Giovanni da Verrazzano fu incaricato dal re Francesco I di Francia di trovare una rotta verso l'Asia attraverso il Nord America. La speranza era quella di stabilire un passaggio a nord-ovest che facilitasse il commercio con le ricchezze dell'Oriente. Armato di una nave, La Dauphine, e del sostegno del re, Verrazzano partì da Madeira nel gennaio del 1524, dirigendosi verso le coste americane.

Navigando lungo la costa orientale dell'America del Nord, Verrazzano arrivò alla baia di New York il 17 aprile 1524. La sua descrizione della baia, come un "vasto mare interno" circondato da colline boschive, segnò la prima documentazione europea dell'area che oggi ospita una delle città più iconiche e dinamiche del mondo. Questa scoperta non solo dimostrava l'esistenza di un corridoio marittimo strategico ma apriva anche la porta a future esplorazioni e alla colonizzazione europea del continente.

La rilevanza della scoperta di Verrazzano non può essere sottolineata abbastanza. Anche se non trovò un passaggio diretto verso l'Asia, il suo viaggio fornì carte geografiche dettagliate e conoscenze che furono utilizzate da esploratori successivi. Inoltre, la sua esplorazione evidenziò l'importanza strategica dell'area di New York, che nei secoli successivi divenne un fulcro di commercio, immigrazione e sviluppo urbano.

Oggi, Giovanni da Verrazzano è commemorato in numerose maniere, inclusa il celebre Verrazzano-Narrows Bridge, che collega Brooklyn a Staten Island a New York. Le celebrazioni del 17 aprile, come mostre, conferenze e eventi educativi, offrono una possibilità per riflettere sull'eredità di questo esploratore e sulle profonde trasformazioni che la sua scoperta ha portato nella storia del mondo.

PREVIOUS POST
NIJI40: Acrobatica ha battuto il record di velocita’ dei Class40
NEXT POST
FIV: si è accesa la fiamma Olimpica, un ponte tra passato e presente