Home > Comunicazione > Press Mare > Vela: Cantiere del Pardo porta Grand Soleil a Fano

Vela: Cantiere del Pardo porta Grand Soleil a Fano

 Stampa articolo
GrandSoleil
GrandSoleil

L’azienda ha una storia relativamente recente, nasce infatti nel 1974 a Bologna con l’intento di realizzare scafi da regata in serie. Poco più di 40 anni dunque, ma nei quali il cantiere ha saputo conquistare una posizione di rilievo nel panorama nautico nazionale riuscendo addirittura a creare barche diventate vere e proprie icone della vela e del made in Italy. Sin dagli esordi il cantiere si è avvalso della collaborazione di designer e progettisti di altissimo valore per i suoi progetti, dal primo 34 firmato Group Finot passando per il Grand Soleil 343 di Alain Jèzèquel, poi German Frers con ben tre progetti, Bruce Farr, Japec Jakopin (J&J), Massimo Paperini, Botin & Carkeek, Claudio Maletto già progettista di Luna Rossa e per finire il progetto della gamma Long Cruise firmata Nauta Design.

Il palmares delle vittore ottenute sui campi di regata internazionali dalle imbarcazioni prodotto da Cantiere del Pardo richiederebbe molto spazio, ma per chi vuole approfondire è possibile apprezzarlo nella sua completezza sul sito dell’azienda www.grandsoleil.net.

Oggi l’azienda continua a proporre imbarcazioni capaci di coniugare prestazioni e comfort, il che si traduce in una doppia anima che ogni modello Grand Soleil porta con sé, quella race e quella cruise. Barche tecnicamente molto evolute ma anche molto curate dal punto di vista estetico ed ergonomico.

Di recente il cantiere ha raggiunto un accordo con il Marina di Fano per poter utilizzare il porto adriatico come punto di consegna delle proprie imbarcazioni. Un accordo che permette di garantire a tutti i clienti Grand Soleil che orbitano in Adriatico un centro di assistenza per il varo e l’alaggio delle barche, nonché un punto di riferimento per le manutenzioni e gli interventi in garanzia. Tutto questo è stato possibile grazie alle recenti opere di dragaggio di cui è stato oggetto il porto di Fano, che permettono soprattutto a imbarcazioni dal pescaggio più elevato di operare in sicurezza nelle fasi di ingresso e uscita dal marina.