TISG: procede la costruzione di 60 metri ketch Perini Navi

TISG: procede la costruzione di 60 metri ketch Perini Navi

TISG: procede la costruzione di 60 metri ketch Perini Navi

Superyacht

29/11/2023 - 15:26

Procedono a pieno ritmo nel cantiere di Marina di Carrara i lavori relativi alla realizzazione del quarto sailing yacht della serie di 60 metri ketch Perini Navi, brand di The Italian Sea Group.

Sviluppato in collaborazione con Ron Holland, che ne ha curato l’architettura navale, il 60 metri è stato ideato per chi desidera navigare sempre in totale sicurezza e all’insegna del comfort e dell’efficienza.

Con scafo e sovrastruttura in alluminio, una stazza lorda inferiore a 500 GT e un dislocamento di circa 570 tonnellate, lo yacht avrà alberi, bomi e sartiame in fibra di carbonio.

E’ stato riprogettato il sistema velico per aumentare la facilità di movimentazione della nave e garantire velocità e migliori performance.

Grazie a ricerca e tecnologie all’avanguardia è previsto un sistema di dynamic positioning di ultima generazione che consente di mantenere autonomamente posizione e direzione dello yacht senza uso dell’ancora.

Progetto innovativo anche per gli interni, disegnati dal designer francese Remy Tessier, che ha saputo coniugare modernità e tradizione in un’elegante e confortevole cornice, dove lusso e raffinatezza sono percepiti senza necessità di ostentazione, nella suite riservata all’armatore e nelle cinque cabine ospiti.

Ai lavori appena conclusi di ottimizzazione degli impianti seguiranno i lavori di allestimento e alberatura.

Varo dello yacht e consegna sono previsti entro la fine del 2024.

“Le linee di questo 60 metri sono il risultato di un impegno costante che ci ha permesso di conservare l’inconfondibile stile Perini Navi e, allo stesso tempo, di ottenere uno yacht più moderno”– ha commentato Giovanni Costantino, Founder & CEO di The Italian Sea Group .

 
advertising
PREVIOS POST
Calendario Regate Associazione Italiana Vele d'Epoca 2024
NEXT POST
Natanti: nel 2024 potranno navigare nelle acque territoriali di altri Paesi UE