Home > Cantieri > The Italian Sea Group > Admiral, resoconto della partecipazione al FLIBS 2015

Admiral, resoconto della partecipazione al FLIBS 2015

 Stampa articolo
Admiral Impero 37 IX
Admiral Impero 37 IX

Admiral, brand di The Italian Sea Group, ha concluso con successo la partecipazione al Fort Lauderdale Boat Show 2015, dove ha esposto il 37m (120 ft) M/Y NONO, vincitore del premio 2015 World Super Yacht come miglior “Semi-displacement or Planing Two-deck Motor Yacht of 30m to 37.99m”.

L’affluenza al salone è stata notevole e, come in passato, giovedì e venerdì hanno portato numerosi potenziali seri acquirenti.

Il NONO ha richiamato su di sé grande interesse, grazie alla sua linea inusuale ed innovativa per il mercato Americano, di solito piuttosto tradizionale.

Tutto, dallo scafo ai colori della sovrastruttura, agli interni moderni e tuttavia eleganti, per non parlare di molte altre caratteristiche inusuali su yacht della stessa dimensione, esprime il “NUOVO” e il mercato americano è chiaramente interessato a questa nuova ondata portata avanti da Admiral.

Il salone ha avuto un esito molto positivo con numerose visite interessanti da clienti potenziali diretti e broker internazionali da tutto il continente americano.

In particolare, il fatto che il cantiere sia specializzato in yacht in alluminio con scafi semi-dislocanti, è di grande interesse per il mercato americano, essendo assicurati sia il pescaggio ridotto che la grande autonomia di navigazione, tutte caratteristiche molto apprezzate per la navigazione nei Caraibi.

Il Salone di Fort Lauderdale è stata anche la sede perfetta per presentare un nuovo ed importante progetto di Admiral: la serie “Vestal” progettata dalla rinomata azienda americana ‘Setzer Yacht Design’.

Ward Setzer è certamente uno dei più acclamati designer americani, avendo progettato diversi celebri yacht costruiti negli Stati Uniti.

Admiral si sta concentrando sempre più sul mercato americano, pertanto non esiste nome migliore di Setzer Yacht Design per lanciare una nuova serie di yacht disegnati e progettati secondo le esigenze, le preferenze e il gusto del mercato americano, pur tuttavia conservando un certo “tocco italiano”.

Il progetto ha finito per dimostrarsi ottimo non solo per le Americhe e ci aspettiamo di vedere uno yacht della serie Vestal venduto ad un armatore non americano molto presto.

La serie Vestal include tre modelli di 42m (137 ft), 50m (164 ft) e 62m (203 ft); il primo è uno yacht semi-dislocante che verrà costruito in alluminio, mentre gli altri due sono yacht dislocanti con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio.

Il modellino del Vestal 5000 è stato mostrato al pubblico durante la conferenza stampa tenutasi allo stand Admiral e presentata dall’Amministratore Delegato del gruppo, Giuseppe Taranto e dal Vice Presidente e Sales Director Francesco Carbone.

Molti giornalisti dei più prestigiosi magazine di nautica hanno presenziato all’evento; Ward Setzer, presente alla conferenza, ha dichiarato: “Volevamo essere sicuri che ogni linea disegnata servisse ad uno scopo chiaro e diretto. Ogni linea o superficie assume vita propria e a trarne beneficio saranno in molti durante la vita della barca, dal taglio delle lamiere alla saldatura, stuccatura e pitturazione durante la costruzione ed anche successivamente durante la manutenzione da parte dell’equipaggio. Assicurare un progetto che sia anche pratico è parte dei nostri doveri di designer.”

Come ulteriore segno dell’impegno di Admiral sul mercato americano, è stato inoltre ufficializzato a visitatori e broker che The Italian Sea Group aprirà un ufficio a Fort Lauderdale a gennaio 2016.

Francesco Carbone, Vice Presidente & Sales Director del Gruppo, ha dichiarato: “Il mercato Americano sta diventando sempre più importante per il nostro Gruppo. Il modello di business sta cambiando e clienti, broker e capitani ricercano sempre maggiori servizi. Il tempo è l’essenza e il modo migliore per assicurare risultati durevoli tramite un approccio diretto ed organizzato. Avere un ufficio corporate negli Stati Uniti è fondamentale.”