Home > Cantieri > Solaris Yachts > Solaris Yachts presenta il suo nuovo Mini-Maxi, Solaris 60

Solaris Yachts presenta il suo nuovo Mini-Maxi, Solaris 60

 Stampa articolo
Solaris 60
Solaris 60

Dal 1974 Solaris Yachts progetta e costruisce barche per chi naviga. Sono imbarcazioni molto marine, solide, sicure e confortevoli. Il cantiere impiega le tecnologie più all'avanguardia nella loro realizzazione, e la più tradizionale cura artigianale nei dettagli e nelle finiture.

advertising

Oggi Solaris Yachts presenta il suo nuovo 60 piedi. Le linee d'acqua di Solaris 60 rappresentano l’ultima espressione progettuale di Javier Soto Acebal applicate alla dimensione del Mini-Maxi di 18 metri, che garantisce uno scafo perfettamente bilanciato, alte prestazioni e una navigazione morbida sulle onde anche con mare formato, con tutte gli standard dell’esclusiva tecnica di costruzione Solaris

Un Mini-Maxi ad alte prestazioni
Solaris 60 nasce con l’idea di dar vita ad un Mini-Maxi, cioè una barca ad alta prestazione a vela, con una lunghezza fuoritutto di 18.31metri. Tale lunghezza consente di partecipare alle regate d’altura, nella classe Mini-Maxi, tra cui l’evento principale ogni anno a Porto Cervo.
Il Solaris 60 ha la sua innovazione principale nel pozzetto, dove le ruote del timone sono a tutta ampiezza. La barca si timona al di fuori dell’ingombro dello sprayhood. Questo fa sì che anche l’inferitura del fiocco sia completamente libera alla vista, in ogni andatura.

Solaris 60
Solaris 60

Un piano del ponte minimalista, ma altamente funzionale
Quattro winch, vicini alle ruote e a portata di mano, consentono di manovrare comodamente dalle timonerie. Il fiocco autovirante, con la sua rotaia funzionale elegantemente salvaguardata, semplifica la virata, mentre il bompresso in carbonio per Gennaker e Code0 è integrato a prua.
L’ampiezza delle timonerie consente di abbassare le draglie nella parte di poppa e alzarle in corrispondenza dei due gradini per salire sulla passeggiata. Questa soluzione è di solito utilizzata solo nelle barche molto grandi, al di sopra dei 140 piedi. è stata perfettamente calata nel design Solaris: una tuga aerodinamica, appena accennata, mantiene e prosegue la linea con il pozzetto, terminando prima dell’albero con una impeccabile punta di coperta.
Inoltre l’ampiezza delle ruote anche in porto e in manovra consente al timoniere di avere la visuale libera e senza impedimenti di sorta.
A poppavia sono disponibili delle sedute diverse per manovrare e timonare in condizioni differenti di mare, anche da seduti.

Gli interni di solaris 60 ottimizzano il Layout Solaris
Il classico Layout Solaris basato sulla soluzione “armatore a prua” è proposto in due diverse disposizioni della cabina armatoriale, con letto centrale o a murata sinistra. La cucina leggermente nascosta da due gradini a prua offre una zona di comfort molto ampia e ben arredata, con molti cassetti anche per il frigo. A poppa due cabine ariose e piene di luce, con letti singoli, o doppi, entrambe per la prima volta con ampia finestratura, che si affaccia all’interno del pozzetto le cabine ospiti di poppa hanno a sinistra un letto king size e a dritta due letti singoli.
Un occhio di riguardo anche alla cabina equipaggio, a prua, da un bagno con doccia separato dalle paratie, è stata meticolosamente considerata e studiata, mantenendo alta privacy e indipendenza a bordo.
Lo specchio di poppa contiene un ampio garage che può ospitare direttamente il tender senza ulteriori movimenti di rotazione.

Solaris 60
Solaris 60

Dettagli tecnici fondamentali, che fanno la differenza tra Solaris e gli altri cantieri
Particolare cura è stata prestata per le lande a murata, in composito, leggermente recessate. Così come per la discesa del paterazzo, con le due fruste che finiscono sotto coperta, evitando la vista dei pistoni. Il meccanismo di tensione è con un solo pistone a scomparsa nel tender garage. Questo, con ingresso lungo barca, ha un ingombro interno ridotto davvero al minimo. 

Gli standard dell’esclusiva tecnica di costruzione Solaris,
Come per tutti i modelli della gamma, la produzione avviene secondo gli standard dell’esclusiva tecnica di costruzione Solaris, unica nella produzione di barche a vela di serie, che conferisce allo scafo robustezza, indeformabilità e rigidità monolitica. Tutte le paratie sono stratificate solidalmente allo scafo e soprattutto alla coperta. Tutti i madieri e i longheroni del fondo e del fianco della barca sono stratificati a scafo senza l’utilizzo di controstampi incollati con stucco e silicone. Tutti i mobili vengono incollati allo scafo con fazzolettature in vetroresina. Le lande non sono in acciaio ma in materiale composito costituite da 40 strati di tessuti di vetro e carbonio unidirezionali. La continuità strutturale monolitica così ottenuta grazie all'utilizzo di un solo materiale, la vetroresina, elimina alla radice le deformazioni provocate dal vento sul piano velico, dal mare sullo scafo e dal carico di raddrizzamento del bulbo, eliminando scricchiolii, porte che faticano a chiudersi in navigazione e crepe che si formano nel tempo, rendendo la barca immune da deformazioni e torsioni in qualsiasi condizione di mare e di vento. 

Solidità strutturale monolitica che rende i Solaris barche uniche
Il risultato di questa solidità strutturale monolitica è ottenuto attraverso l’impiego di un solo materiale, la vetroresina, senza stucco e silicone, e senza controstampi per l’assemblaggio dei cinque punti chiave della barca: paratia maestra; lande; madieri e longheroni; base albero; attacco chiglia. Tutte queste qualità nascoste, combinate alla cura maniacale del dettaglio, sono gli elementi che rendono i Solaris barche uniche nell’ambito dei performance cruiser.
 

Le ultime notizie di oggi