Home > Cantieri > Heron Yacht > Heron Yacht, il nuovo 38’ entra in produzione

Heron Yacht, il nuovo 38’ entra in produzione

 Stampa articolo
Heron 38
Heron 38

Dopo l’interesse suscitato fin dall’esordio di Heron 56 e la successiva vendita della prima unità, il cantiere, dopo un’attenta fase progettuale, inizia la produzione del primo 38’.

advertising

Il progetto è stato sviluppato in partnership tra “SC Superyacht Design” e l’ufficio tecnico del cantiere ed è focalizzato sull’ottimizzazione di nuove linee d'acqua sviluppate appositamente per le diverse propulsioni previste (entrofuoribordo o fuoribordo).

Heron 38
Heron 38

La prima unità prodotta, che sarà dotata di motorizzazione fuoribordo, è stata oggetto di una lungo periodo  progettuale finalizzato alla messa a punto di velocità e assetto dell'imbarcazione con differenti carichi previsti a bordo. L’utilizzo di sofisticati software per la simulazione fluidodinamica computerizzata ha agevolato il raggiungimento di risultati eccellenti.

L’aspetto estetico della barca risulta elegante, in linea con la filosofia di design tracciata dal cantiere. La volontà era quella di realizzare un 38’ con una lunghezza di omologazione inferiore ai 10 metri affinché potesse rientrare nella categoria natanti. Ciò per agevolare i costi d'esercizio pur mantenendo le caratteristiche di spazi e sicurezza di uno scafo di dimensioni maggiori.

Heron 38
Heron 38

I calcoli sugli elementi finiti per le strutture ed i fasciami sono stati indirizzati ad alleggerire il peso dell’imbarcazione mantenendo il più alto standard di sicurezza possibile attraverso l’utilizzo di resine vinilestere e tessuti compositi in Aramat per gli elementi dello scafo e carbonio per coperta e T-Top.

Per ottimizzare i costi di produzione il progetto, sviluppato in 3D, prevede una fase di lavorazione degli stampi con utilizzo di frese a controllo numerico. Verranno quindi realizzati diversi moduli del piano di coperta a seconda delle versioni prodotte (Day Cruiser o Walkaround) e della tipologia di trasmissioni installate (fuoribordo, entrobordo o eliche di superficie).

I progettisti hanno altresì strizzato l’occhio non solo all’ergonomia ma anche alla praticità nella manutenzione della barca. Eseguita l’analisi ergonomica della postazione di comando e della strumentazione per ottenere una visibilità perfetta con attenzione particolare nella realizzazione del cruscotto a ribalta. Ciò per agevolare il controllo istantaneo  in caso di necessità senza dover smontare pannelli interni ed esterni.  Si evita così il pericolo di dannose infiltrazioni d’acqua su impiantistica ed elettronica.

Heron 38
Heron 38

Il piano di coperta prevede un grande mobile bar con frigo integrato, top a ribalta, piano di lavoro con lavello e fuochi a gas. Un ampio gavone prevede lo stivaggio della zattera per un facile accesso.

Il grande portellone in pozzetto agevola la manutenzione dei motori nella versione EFB mentre per la versione fuoribordo lo spazio può essere utilizzato per lo stivaggio di toys acquatici.

Per la compartimentazione interna, il design è in via di sviluppo ed è finalizzato ad ottenere il massimo comfort in ambientazioni eleganti e sobrie. Nella versione standard è prevista una cabina con letto doppio, bagno separato con doccia integrata.  La versione opzionale prevede un letto doppio  supplementare al di sotto del piano di coperta in corrispondenza della zona di guida.

Heron 38
Heron 38

Le ultime notizie di oggi