Home > Cantieri > Fincantieri > Fincantieri: bilancio 2015 e piano industriale 2016-2020

Tag in evidenza:

Fincantieri: bilancio 2015 e piano industriale 2016-2020

 Stampa articolo
La sede Fincantieri di Trieste
La sede Fincantieri di Trieste

Riceviamo e pubblichiamo il documento integrale da poco diffuso da Fincantieri, riguardo il Bilancio Consolidato e il Progetto di Bilancio di Esercizio per l'anno 2015, e il Piano Industriale per il quadriennio 2016-2020. Data la specificità e corposità del documento, abbiamo pensato fosse meglio mettere a disposizione dei nostri lettori interessati un file pdf con il contenuto integrale del documento, che è allegato a questo lancio stampa, dunque, scaricabile direttamente della nostra pagina.

Di seguito riportiamo le prime righe del documento dove sono stati elencati gli obiettivi raggiunti dall'azienda nello scorso anno, che ben sintentizzano la sua attività e le prospettive di Fincantieri per i prossimi esercizi.

Risultati consolidati 2015

Ordini acquisiti: record storico a 10.087 milioni di euro (5.639 milioni di euro al 31 dicembre 2014)
Carico di lavoro[1]: record storico a 15.721 milioni di euro (9.814 milioni di euro al 31 dicembre 2014), con soft backlog a 3.000 milioni di euro (5.000 milioni al 31 dicembre 2014)
Ricavi: 4.183 milioni di euro (4.399 milioni di euro al 31 dicembre 2014)
Risultato d’esercizio di pertinenza del Gruppo[2]: negativo per 175 milioni di euro (positivo per 67 milioni di euro al 31 dicembre 2014), di cui 37 milioni di euro di perdita riconducibile al Gruppo VARD (che peraltro sconta, a livello consolidato, 41 milioni di euro di perdite su cambi non realizzate). Il risultato di pertinenza del Gruppo si attesta a -141 milioni di euro (+99 milioni al 31 dicembre 2014) senza gli effetti degli oneri estranei alla gestione ordinaria e non ricorrenti
EBITDA: negativo per 26 milioni di euro (positivo per 297 milioni di euro al 31 dicembre 2014) di cui     -23 milioni di euro del segmento Shipbuilding, -3 milioni di euro del segmento Offshore e +31 milioni di euro del segmento Sistemi, Componenti e Servizi. Il contributo del Gruppo VARD è positivo per 1 milione di euro. EBITDA margin consolidato negativo dello 0,6% (+6,8% al 31 dicembre 2014)
Posizione finanziaria netta[3]: negativa per 438 milioni di euro (positiva per 44 milioni di euro al 31 dicembre 2014), riflette la dinamica tipica del capitale circolante a pochi mesi dalla consegna di ben 4 navi da crociera (nel primo semestre 2016). Construction loans consolidati pari a 1.103 milioni di euro di cui VARD pari a 983 milioni di euro. Indebitamento a breve pari a 263 milioni di euro di cui 87 milioni di euro riconducibili a VARD[4]

 

[1] Backlog

[2] Risultato d’esercizio dopo l’attribuzione del risultato dei terzi

[3] La Posizione finanziaria netta non ricomprende i construction loans in quanto considerati componenti del capitale di esercizio

[4] Valore indebitamento finanziario a breve al 31 dicembre di VARD valorizzato al cambio EURO/NOK pari a 9,603

 

 

Allegati

  • Il Bilancio Consolidato e progetto di Bilancio di Esercizio, e il Piano Industriale 2016-2020 di Fincantieri