Home > Cantieri > Cetera Yachts > Cetera Yachts una nuova categoria di imbarcazioni

Tag in evidenza:

Cetera Yachts una nuova categoria di imbarcazioni

 Stampa articolo
Cetera Yachts
Cetera Yachts

-Il nuovo MULTISPACE YACHT farà presto il suo esordio e troverà il suo spazio affiancandosi alle tradizionali categorie presenti sul mercato (flybridge, explorer, trawler, hardtop) grazie alle sue caratteristiche uniche basate sul concetto di STRETCHED LIVEABILITY

- La distribuzione degli spazi interni ed esterni totalmente nuova massimizza la vivibilità e consente di ottenere maggiori spazi disponibili

-Si introduce un ingegnoso processo di riposizionamento verticale: le aree vivibili sono posizionate su un unico ponte invece che su due o più livelli

-Pur utilizzando materiali di alto livello, il risultato è un abbattimento dei costi di produzione e un tempo di consegna minore

- Il primo yacht CETERA è già in costruzione e farà il suo debutto internazionale nella primavera/estate 2019

Un team di professionisti di grande esperienza ha unito le forze per presentare un nuovo e totalmente innovativo concetto sul mercato dello yachting. Un team tutto italiano del quale fanno parte: 

• Salvatore Serio – presidente di JJL, precedentemente azionista di maggioranza del gruppo di Dufour Yachts

• Fiart Mare – costruttore leader di yacht in vetroresina dal 1960

• Paolo Francia – proprietario di CorseT, società specializzata nella produzione di prototipi per l’industria nautica 

• Francesco Guida - yacht designer e ingegnere navale 

Il nome CETERA YACHTS deriva dal vascello di una flotta dell’antica Roma, di stanza a Baia, dove si trova il cantiere Fiart Mare e dove le barche saranno assemblate.

L’obiettivo di questo progetto è di migliorare il concetto di “EASY BOATING”, semplificando al contempo il processo produttivo.

Francesco Guida si è ispirato a una villa sviluppata su un unico piano, con diversi spazi separati, applicando questo concetto a uno yacht così da massimizzare l’utilizzo dello spazio da prua a poppa. Il suo obiettivo era quello di portare la vivibilità a nuovi livelli attraverso il concetto di “stretched liveability”.  

STRETCHED LIVEABILITY
Il primo modello di questa nuova linea di motoryacht è un 62 piedi di lunghezza fuori tutto, con baglio di 5,5 metri.

Francesco Guida ha sviluppato una distribuzione degli spazi interni ed esterni totalmente nuova, così da massimizzare la vivibilità e ottenere maggiori spazi disponibili mantenendo un alto livello di privacy.

Un risultato ottenuto tramite un ingegnoso processo di riposizionamento verticale, tramite il quale le aree vivibili sono disposte su un unico livello invece che su due o più livelli, come accade sugli altri yacht della stessa categoria.

Il salone e le cabine ospiti sono posizionate esclusivamente sul ponte principale senza alcun dislivello tra di loro, quindi senza interferenze dovute alla presenza di scale.

Le grandi vetrate aumentano l’ariosità dell’ambiente e l’interazione tra le aree interne ed esterne, che è una delle caratteristiche dell’architettura residenziale.

Questo innovativo concetto di Stretched Liveability assicura molteplici vantaggi. Non solo rende l’esperienza di vita a bordo più confortevole e piacevole, ma consente anche un processo costruttivo razionalizzato e più efficiente.  

LINEE PIÙ SEMPLICI SIGNIFICANO ALLESTIMENTI PIÙ FACILI, 
MENO ORE LAVORO E COSTI PIÙ BASSI 
Il fatto che le cabine, per esempio, non seguano le linee dello scafo, rende il processo di allestimento molto più semplice.

Pur utilizzando materiali di alto livello, il risultato è un abbattimento dei costi di produzione e un tempo di consegna minore: tutti vantaggi che si riflettono positivamente sul cliente.

In più, tutti i principali macchinari e le attrezzature – motori, generatori, pompe, boiler, aria condizionata e sistemi idraulici – sono stati scelti per aumentare il comfort di bordo e sono posizionati in modo tale da rendere il più semplice possibile l’accesso per la manutenzione.

La gamma CETERA YACHTS presenterà anche diverse soluzioni di propulsioni ibride per una navigazione confortevole e allo stesso tempo economica ed eco-friendly.

Destinato a giovani famiglie, single amanti del divertimento e armatori di superyacht che cercano yacht di dimensioni più contenute, il primo modello della gamma CETERA YACHTS unisce i vantaggi di una navetta tradizionale, un trawler per navigazioni a lungo raggio e un cruiser flybridge.

Ecco alcune delle sue caratteristiche uniche:

• Il lower deck è dedicato ai servizi e agli spazi per i macchinari. L’innovativo concetto delle “attrezzature diffuse” fa sì che ogni impianto abbia uno spazio dedicato, che ne assicura una facile ispezione. In più, diversamente dagli altri yacht della stessa classe, che solitamente sul ponte inferiore offrono la scelta tra le cabine equipaggio, la lavanderia o il garage per il tender, CETERA le propone tutte e tre. 

• La prua del ponte principale è totalmente dedicata a una lounge panoramica. Protetta dalle alte murate e dal parabrezza che garantiscono una perfetta privacy anche quando ormeggiati in porto, questa area relax è accessibile direttamente dal salone principale. Tramite un corridoio centrale o i passavanti esterni si raggiunge direttamente il ponte poppiero: una soluzione che rappresenta una caratteristica unica nello scenario degli yacht fino a 80 piedi. 

• Tutti gli alloggi degli ospiti si trovano al centro del main deck. Il cantiere propone diversi layout, ma la soluzione standard prevede una master suite e una cabina doppia. Questo layout assicura un volume interno superiore a quello degli altri yacht della stessa categoria dotati di alloggi sul ponte inferiore, mentre il fatto che le cabine siano lontane dai motori significa meno rumore e un comfort di bordo superiore. 

• Il ponte superiore, che può essere aperto o chiuso, presenta un tetto apribile e una dinette che accoglie comodamente 8 ospiti seduti per godere appieno di questa area “al fresco”, così come della cucina e della timoneria.

Il primo yacht CETERA è già in costruzione e farà il suo debutto internazionale nella primavera/estate 2019.