Home > Accessori > BluCalabria 37 > Blu Calabria 37 debutta al Salone Nautico di Genova 2017

Blu Calabria 37 debutta al Salone Nautico di Genova 2017

 Stampa articolo
Blu Calabria 37 debutta al Salone Nautico di Genova 2017
Blu Calabria 37 debutta al Salone Nautico di Genova 2017

Blu Calabria 37, è il consorzio di cantieristica navale calabrese, costituitosi a Catanzaro il 4.8.2017, che ha debuttato al 57° Salone nautico internazionale di Genova, dal 21 al 26 settembre.

Partecipano al Salone, dei consorziati calabresi:

Pru al vento srl presenta la Jaguar 5.2, un open di razza, entry –level, quando la matita incontra il talento dell’ingegnere e dell’architetto. La tappezzeria, dalle cuciture sartoriali,disegna, accompagna e calza come un abito cucito addosso. Per un pubblico brioso, per giovani e non esperti.

Rancraft yachts engineering srl  presenta la RSCinque.5 e la RS CinqueM.Y2018, due modelli entry level ma dotati di grande “appeal” . Due sport boats dal look accattivante ed eleganza difficilmente riscontrabile su scafi di tale dimensione.

Il Presidente del Consorzio che rappresenta il 90% delle imprese di settore in Calabria (Cantieri Guarascio srl, Pru al vento srl, Nuova Plastimare srl, Rancraft yachtsengineering srl, e Ranieri ) è la dott.ssa Innocenza Giannuzzi, Vicepresidente l’armatore Giuseppe Ranieri, Amministratore l’armatore Claudio Guarascio.

Nella nomenclatura la cifra ricorda il 37°posto occupato dalla Calabria nel novero dei posti più belli al mondo come riporta il New York Times.

Il Presidente ha le idee chiare sul Consorzio. Il mare in Calabria ha 740Km di costa,  una risorsa su cui investire. Intorno alla cantieristica navale ruota un mondo di imprese, una filiera ed un indotto che spalanca insospettabili opportunità sia dal punto di vista economico che occupazionale.

La vocazione nautica della Calabria è nel suo DNA, la penisola nella penisola, il piede su cui poggia l’intero stivale. La nautica è un esempio di eccellenza produttiva, in cui trovano lavoro più di 21.500 addetti, una filiera la cui eterogeneità è sancita : da 148 categorie merceologiche in fase di produzione;da 77 categorie interessate in fase di commercializzazione;5 categorie  merceologiche sono legate al charter e al noleggio;54 le categorie impegnate nella fornitura dei servizi terziari e della riparazione. In totale la Calabria dispone di 5301 posti barca così distribuiti: Diamante (x), Belvedere (247), Cetraro (500), SanLucido (110), Amantea (280),Pizzo (35), Vibo Valentia (576),Tropea (513),Gioia Tauro (120), Palmi (200), Bagnara (60), Scilla (100), Villa S. Giovanni (x), Reggio Calabria (50), Saline Joniche (x), Roccella Jonica (447), Badolato-Gallipari (287), Marina di Catanzaro(x), Le Castella (270), Crotone porto vecchio (450).

Il progetto, all’attenzione della Regione Calabria, ha l’obbiettivo di sostenere l’investimento culturale ed economico più importante mai esperito in Calabria, attraverso una solida rete d’imprese che coniughi cantieristica, portualità, territorio ed ambiente, innovazione e tecnologia inclusi. Considerando tutte le imprese attive in filiera , con la nautica, si movimenta un flusso di 10 miliardi di euro all’anno, integrato dal distretto unico in cui confluiscono turismo, agroalimentare di qualità, cultura, ambiente, territorio, eccellenze artigianali . 

Esaminiamole:
Blu Tourism: parchi e musei marini, fondali e risorse (giacimento di coralli nel golfo dei feaci); alla scoperta di Atlatide, attenzione al territorio, ai suoi abitanti, alle tradizioni costiere della Terra delle meraviglie e delle sue rotte, la via di Bisanzio , di Cartagine, franchigena e spagnola, la via della seta. Rotte verso l’entroterra alla scoperta di un patrimonio storico, artistico, museale architettonico fra i più suggestivi. Con l’indotto per strutture di recezione alberghiera dal bed and breakfast agli agriturismo - 
Blu Food: Ittica, la tradizione delle tonnare, delle spadare, la rosa marina di Crucoli, con riconoscimento IGP, e l’indotto di attività estrattive, pesca, acquacoltura, industria di trasformazione alimentare.
Blu resource: la nautica , da e per la Calabria, è un crocevia di inclusione sociale e integrazione culturale, attraverso il trasporto marittimo e costiero, di merci e passeggeri, (l’indotto :cantieristica e servizi connessi di rimessaggio e  manutenzione)
Blu sport: sci nautico, canottaggio, off shore, vela e regate;
Blu Knowledge: Artigianato : falegnami, maestri d’ascia, tappezzieri, tessuti storici, tradizione dei telai, maestri da banco, allestitori di bordo, elettricisti e meccanici installatori;
Blu Economy: I comparti interessati sono la meccanica, l’elettronica, la chimica, fino agli arredi e ai tessili con ricerca dei materiali e relativa sostenibilità .La tradizionale componente artigiana si arricchisce di una forte inclinazione all’innovazione e alla tecnologia, e quindi al centro della ricerca è il demanio marittimo, la portualità, la navigazione, la balneabilità, la tutela delle aree marine protette, l’utilizzo delle risorse, la salvaguardia dell’ecosistema marino, difesa delle biodiversità, purificazione dell’aria e dell’acqua, decomposizione del materiale organico e rigenerazione dei nutrienti.

Ma non basta, esiste una volontà mirata a creare sinergia d’impresa aperta anche ai mercati internazionali, anche con parternariati pubblico/prvati, e soprattutto l’intento è quello di inserire finalmente nel settore delle  Attività Produttive della regione Calabria, un ambito mirato alle attività cantieristiche e di diporto nautico.

Le ultime notizie di oggi