Home > Regate > Volvo Ocean Race > Volvo Ocean Race: tante le novità a un mese dallo start

Volvo Ocean Race: tante le novità a un mese dallo start

 Stampa articolo
Omega, Official Timekeeper della Volvo Ocean Race
Omega, Official Timekeeper della Volvo Ocean Race

Manca esattamente un mese alla potenza dell’edizione 2017/18 della Volvo Ocean Race e le notizie e le novità continuano ad arrivare: OMEGA è l'Official Timekeeper della regata, Peter Burling e Martine Grael sono canditati al titolo di Velista dell'Anno 2017 e la flotta si prepara al Prologo.

OMEGA sarà l’Official Timekeeper della Volvo Ocean Race 2017/18
Il prestigioso produttore svizzero è leader nel settore dell’orologeria sportiva e ha una lunga storia in eventi di altro livello. Prima di diventare partner della Volvo Ocean Race, dal 1932 a oggi Omega è stato Official Timekeeper in 27 diverse edizioni dei Giochi Olimpici ed è stato anche sponsor di Emirates Team New Zealand in molte campagne di Coppa America, inclusa quella vincente di quest’anno. Raynald Aeschlimann, Presidente e CEO di OMEGA ha detto a proposito della collaborazione: “E’ un progetto molto interessante per OMEGA, ed è anche un privilegio. Conosciamo bene il mondo della vela, e crediamo che la Volvo Ocean Race incarni perfettamente lo spirito del marchio, il nostro amore per l’esplorazione e la ricerca continua dell’eccellenza. E’ un’opportunità unica e non vediamo l’ora di dare una mano ai velisti con il nostro sistema di cronometraggio.”

Peter Burling e Martine Grael in lizza per il premio Velista dell’Anno
Mentre la partenza si avvicina a grandi passi, sono due le matricole della Volvo Ocean Race ad aver ricevuto un riconoscimento per i loro recenti risultati sportivi. Peter Burling di Team Brunel, su cui corrono anche gli italiani Alberto Bolzan e Maciel Cicchetti, e Martine Grael di AkzoNobel che sono entrambi candidati al premio Velista dell’Anno 2017 a livello mondiale.
La candidatura di Burling arriva alla fine di 12 medi davvero incredibili per l’atleta kiwi che ha messo in fila una medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio 2016 e la vittoria nella Coppa America al timone di Emirates Team New Zealand, questa estate. Il giovane talento neozelandese potrebbe diventare, insieme al suo compagno Blair Tuke, ora ingaggiato dagli spagnoli di MAPFRE, il primo atleta della storia a vincere il Grande Slam della vela.
La candidatura della brasiliana Martine Grael arriva anch’essa dalla conquista dell’oro a Rio, insieme a Kahena Kunze nella classe 49erFX, dove aveva come avversaria la triestina Francesca Clapcich. Martine, che è la figlia della leggenda della Volvo Ocean Race Torben Grael, molto conosciuto anche in Italia per le sue partecipazioni alla Coppa America, si sta preparando al suo primo giro del mondo come velista, che tuttavia ha fatto parte della sua vita fin dall’infanzia.

La flotta si prepara al Prologo
Il conto alla rovescia per l’edizione 2017/18 è ormai partito, e il velisti hanno svolto i corsi obbligatori di sopravvivenza in mare in un centro specializzato di Newcastle, mentre si stanno dando i tocchi finali alle barche presso il Boatyard di Lisbona. Tutte sono state messe a terra per il cosiddetto Assembly Period, che durerà fino a fine settembre, e i team correranno tutti la tappa di Prologo da Lisbona ad Alicante, in programma per l’8 ottobre, dove giungeranno per l’apertura del race village in calendario per l’11 ottobre. La prossima edizione della Volvo Ocean Race partirà il 22 ottobre e in oltre otto mesi la flotta visiterà 11 località sede di tappa incluse Lisbona, Città del Capo, Melbourne, Hong Kong, Canton, Auckland, Itajaí, Newport, Cardiff and Göteborg, prima del gran finale a L’Aja nell’estate 2018.

Le ultime notizie di oggi