Giovani pesci che nuotano nella plastica
© Naja Bertolt Jensen / Ocean Image Bank

Giovani pesci che nuotano nella plastica © Naja Bertolt Jensen / Ocean Image Bank

The Ocean Race e Archwey collaborano per combattere la plastica marina

Ecologia

05/12/2022 - 15:11

The Ocean Race, la regata in equipaggio più impegnativa al mondo, e Archwey, azienda specializzata nei materiali sostenibili, annunciano oggi una nuova partnership per ispirare l'azione contro l'inquinamento da plastica in mare.

La partnership, basata sulle finalità, combina il pluripremiato programma di sostenibilità di The Ocean Race, sviluppato con il Founding Partner 11th Hour Racing e dedicato al ripristino della salute degli oceani, con la missione di Archwey di liberare il mondo dalla plastica vergine e di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'urgente necessità di un'economia circolare, in cui i materiali e i prodotti siano condivisi, riutilizzati, riparati e riciclati il più a lungo possibile.

In qualità di partner ufficiale della regata e di partner ufficiale di Plastic-free Ocean, Archwey aderirà a elementi chiave del lavoro di The Ocean Race per la protezione dei mari, tra cui i Summit di The Ocean Race. Questa serie di eventi, che si tengono in tutto il mondo, riunisce i decisori politici e i sostenitori degli oceani per promuovere politiche nuove e migliori per affrontare i problemi che affliggono il mondo marino ed esplorare come i diritti degli oceani possano contribuire a salvaguardarlo.

L'annuncio precede la partenza della The Ocean Race 2022-23, che prenderà il via da Alicante, in Spagna, il 15 gennaio. Durante il giro del mondo, The Ocean Race utilizzerà la sua piattaforma per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi che affliggono l'oceano e sulle soluzioni necessarie per affrontarli all'interno degli Ocean Live Park, gli spazi dedicati agli eventi che saranno creati in nove città in tutto il mondo.

I partner lavoreranno insieme anche per dare risalto alla campagna One Blue Voice di The Ocean Race, che ha l'ambizioso obiettivo di garantire una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano entro il 2030.

Il presidente di The Ocean Race Richard Brisius ha dichiarato: "La plastica monouso ha un impatto devastante sugli oceani. Per questo siamo lieti di collaborare con Archwey, un'azienda all'avanguardia nella creazione di alternative alla plastica vergine e nella promozione dell'economia circolare. Insieme possiamo accelerare la nostra visione comune di un oceano sano".

Tre dei team che si sfideranno nella The Ocean Race 2022-23 © Vincent Curutchet /IMOCA
Tre dei team che si sfideranno nella The Ocean Race 2022-23 © Vincent Curutchet /IMOCA

Archwey si dedica alla lotta contro la plastica negli oceani, sperimentando materiali alternativi sostenibili per prodotti che vanno dagli appendiabiti ai prodotti farmaceutici.

Sjoerd Fauser, CEO di Archwey, ha dichiarato: "Sappiamo come vincere. Eliminando i rifiuti di plastica che finiscono negli oceani dai nostri fiumi e dalle nostre coste e utilizzando i rifiuti come elementi costitutivi di un'alternativa completamente riciclata e riciclabile, ossia BLUEWAVE®, possiamo sia fermare l'uso della plastica vergine che ripulire gli oceani". Questa è la definizione di circolarità di Archwey". Negli ultimi 18 mesi, Archwey ha eliminato e riciclato 32.500 tonnellate di rifiuti plastici.

"Con oltre 14 milioni di tonnellate di rifiuti plastici immessi nell'oceano ogni anno, non c'è un minuto da perdere nella corsa per salvare i nostri mari. The Ocean Race condivide il nostro impegno per la sostenibilità e il risanamento degli oceani. Siamo entusiasti di collaborare con loro".

La collaborazione sostiene il programma di sostenibilità Racing with Purpose di The Ocean Race, sviluppato con il partner fondatore e Premier Partner della regata 11th Hour Racing e finalizzato a migliorare la salute degli oceani con un'ampia gamma di destinatari, tra cui la promozione di azioni contro la plastica negli oceani. Ciò include la pressione sui responsabili delle politiche, la riduzione della plastica monouso nei villaggi di gara, la dotazione ai team di attrezzature scientifiche di bordo per misurare le microplastiche nell'acqua durante la regata e la sensibilizzazione dei giovani all'azione attraverso programmi di educazione che hanno raggiunto più di 180.000 studenti in tutto il mondo.

advertising
PREVIOS POST
Arcadia A96: wellbeing sul mare
NEXT POST
Concluso il 33° Campionato Autunnale della Laguna e 9° del Diporto