Home > Regate > J24 - Associazione Italiana di classe > Terza giornata al 38mo Campionato Italiano Open J24

Tag in evidenza:

Terza giornata al 38mo Campionato Italiano Open J24

 Stampa articolo
La Superba J24
La Superba J24 della Marina Militare

Salgono a cinque le regate disputate nelle acque del Garda trentino dove il monotipo a chiglia fissa più popolare al mondo sta offrendo ancora una volta spettacolo e divertimento.

advertising

Riva del Garda. Sta proseguendo regolarmente nelle acque trentine del Lago di Garda il XXXVIII Campionato Italiano Open J24: sino a domani, domenica 3 giugno, infatti, la Fraglia della Vela di Riva del Garda presieduta da Giancarlo Mirandola, sotto l’egida della FIV e in collaborazione con l’Associazione Nazionale Classe J24, sta organizzando l’importante appuntamento che, oltre ad assegnare il titolo tricolore 2018, è anche un’eccellente opportunità per testare il campo di regata, la logistica, gli avversari e l’organizzazione in vista del J24 World Championship, in programma, sempre a Riva al 23 al 31 agosto.

Nella terza giornata, conclusa con temporali in arrivo e vento in diminuzione, sono state, portate a termine regolarmente altre due regate.

Campionato Italiano Open J24
Campionato Italiano Open J24, foto Elena Giolai

“Oggi abbiamo fatto due prove la prima delle quali con 16/18 nodi di aria che ha spinto gli equipaggi ad utilizzare il fiocco e non il genoa- ha commentato il presidente del Comitato di Regata Franco Minotti coadiuvato da Matteo Morgantin, Bruno Bottacini, Raoul Maggiolini e Fausto Maroni -Nella seconda prova, invece, dopo una prima bolina con 12 nodi, il vento è calato fino ad esaurirsi per le ultime barche sull’arrivo, impedendo quindi di portare a termine una terza prova.”

Le vittorie di giornata sono state firmate da Usa 5399 Furio con Keith Whittemore (che ha preceduto Ita 416 La Superba del Centro Velico di Napoli della Marina Militare e timonato da Ignazio Bonanno, il pugliese Ita 439 Compagnia del Mare L’Emilio di Francesco Mastropietro ma timonato da Antonio Macina e Ita 498 NotiFyme-Pilgrim armato dal Capo Flotta J24 del Lario Mauro Benfatto e timonato da Fabio Mazzoni) e da Ita 416 La Superba (che ha anticipato Ita 443 Aria della LNI Olbia con il Capo Flotta sardo Marco Frulio, Ita 498 NotiFyme-Pilgrim, Ita 499 Kong Grifone due di Marco Stefanoni con Mario Zaetta al timone, e il ravennate Ita 400 co-armato dal Capo Flotta della Romagna Guido Guadagni e da Domenico Brighi).

La classifica Open provvisoria stilata al termine delle prime cinque prove (e uno scarto) vede pertanto passare al comando i campioni uscenti di Ita 416 La Superba (7 punti; 8,3,1,2,1) seguiti da Usa 5399 Furio (18; 1,8,2,1,8), Ita 499 Kong Grifone due (25 punti; 4,11,3,ufd,4) e Ita 501 Avoltore armato da Massimo Mariotti ma timonato da Francesco Cruciani (26 punti; 3,1,4,15,24). Seguono Ita 498 NotiFyme-Pilgrim (28, 10,18,11,4,3), gli ungheresi di Hun 1622 Jukebox con Milos Rauschenberger (30 punti) e Ita 439 Compagnia del Mare L’Emilio (32; 5,6,18,3,20).

Aria e Kismet
Aria e Kismet Foto Elena Giolai

Il Comitato di Proteste è presieduto da Andrea Maria Coronato affiancato da Roberto Armellin ed Eros Angeli mentre il Comitato tecnico è composto dai chief mesurer Emanuela Donati e Paolo Luciani.

Il programma di domani prevede le ultime regate (con partenza della prima regata alle ore 8.30) al termine delle quali si svolgerà la cerimonia di chiusura (saranno premiate i primi cinque classificati e il vincitore di ogni prova di giornata, mentre il titolo di Campione Italiano con il Trofeo Challenger della Classe sarà assegnato al miglior equipaggio italiano classificato) e un rinfresco di saluto.

Questa sera, invece, si svolgerà la consueta cena riservata ai concorrenti e ai loro accompagnatori, un bel momento di aggregazione per una delle Classi Monotipo più amate e diffuse in tutto il mondo e con un'attività ancora competitiva e dinamica sia a livello italiano che internazionale.

Sponsor tecnico dell’Italiano e del Mondiale è Alce Nero, il marchio di oltre mille agricoltori e apicoltori biologici, impegnati, dagli anni '70, in Italia e nel mondo, nel produrre cibi buoni, sani e che nutrono bene.

Le ultime notizie di oggi