Home > Comunicazione > Press Mare > Windsurf RS:X a rischio per le Olimpiadi di Parigi 2024

Windsurf RS:X a rischio per le Olimpiadi di Parigi 2024

 Stampa articolo
Mondiali RS:X
Mondiali RS:X di quest'anno a Torbole

È in pieno svolgimento a Bermuda la conferenza annuale mondiale della vela, dove vengono esaminate circa 200 interrogazioni provenienti dalle diverse discipline. Quella più controversa è sicuramente la submission 041-19, dove l’International RS:X Class Association cercherà di bloccare il tentativo da parte del comitato di valutazione della Classe Windsurf, di sostituire l’attuale equipaggiamento olimpico con la Starboard iFoil, dopo 11 anni di onorata attività. Nella sottomissione 041-19 l’International RS:X Class Association spiega le ragioni per mantenere l’attuale equipaggiamento, per le Olimpiadi di Parigi 2024, sintetizzati in 5 punti le argomentazioni principali:

advertising

1.         La classe ha bisogno di stabilità per garantire agli atleti il tempo di crescere nella categoria;

2.         E’ troppo tardi per fare cambiamenti, quando mancano circa 2 anni e mezzo all’inizio delle qualificazioni per Parigi 2024;

3.         La tavola RS:X permette di disputare regate, che variano da 3 a 30 nodi e permette di organizzare eventi molto vicini alla costa;

4.         Questa classe monotipo ha oggi una diffusione globale, grazie ai bassi costi di gestione e la facile trasportabilità;

5.         La classe RS:X permette per le sue caratteristiche di avere un giusto bilanciamento di genere ed età;

Starboard iFoil
Starboard iFoil

Nella stessa interrogazione, nella proposta n°2, si dà disponibilità ad avviare un processo di rinnovamento della classe con decorrenza Giochi Olimpici di Los Angeles 2028, iniziando da subito una condivisone chiara dell’agenda da seguire nella valutazione della nuova attrezzatura.

Le ragioni di questa proposta sono raccolti in 5 punti:

1.         Il cambio di attrezzatura deve avere il tempo ragionevole per garantire agli atleti un periodo di adattamento, soprattutto per i più giovani;

2.         Il cambio di attrezzatura deve essere debitamente motivato e deve avere tempo per essere discusso;

3.         L’equipaggiamento olimpico deve essere testato adeguatamente andando a valutare tutti i possibili rischi e deve essere garantito il tempo minimo per la costruzione di eventuali format;

4.         Il tempo necessario non può essere meno di 8 anni dall’introduzione ai primi giochi olimpici;

5.         Il processo per avviare il cambio dell'attrezzatura per la disciplina del windsurf olimpico di Los Angeles 2028 dovrà iniziare da subito;

Giorgia Speciale
Giorgia Speciale al Campionato del Mondo RS:X 2019

Mancano quindi solo pochi giorni a quella che si prospetta essere la fase conclusiva di una tavola che ha regalato tante regate emozionanti e permesso ai più giovani di poter competere con la stessa attrezzatura dei loro idoli, grazie alla sua accessibilità e facilità di utilizzo.

L’introduzione del foil a livello olimpico, anche per questa disciplina sembra essere ormai inevitabile, quello su cui si dovrà discutere a fondo sono i tempi e i modi.

Ogni innovazione porta con sé elementi di novità che spingono lo sport a un livello superiore, in termini di competizione e spettacolarità, quello che si lascia indietro è però una maggiore accessibilità dovuta a un aumento dei costi dell’attrezzatura e una maggiore difficoltà di accesso alle categorie superiori per gli atleti junior. Quello che ci si aspetta, nel caso verrà introdotta la tavola iFoil di Starboard, è che World Sailing e il costruttore, facciano il massimo sforzo per costruire una disciplina monotipo che possa permettere al maggior numero di atleti di più parti del mondo di poter competere.

Marco Cristofari

 

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare