Home > Compagnie di navigazione > Onorato Armatori > Vincenzo Onorato: continua la disinformazione
 di Emanuele Grimaldi

Vincenzo Onorato: continua la disinformazione
 di Emanuele Grimaldi

 Stampa articolo

Vincenzo Onorato: "Continua la disinformazione
del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi"

Vincenzo Onorato
Vincenzo Onorato

A seguito dell’intervista comparsa oggi sul Secolo XIX di Genova al Presidente Confitarma Emanuele Grimaldi, mi preme precisare quanto segue:

Dichiarazione Grimaldi: "Un avvertimento alla politica, se salta la tonnage tax, la fuga di armatori all'estero sarà inevitabile”.

Ovvero se il Governo ci obbliga ad imbarcare personale italiano (come dovrebbero fare) e non extracomunitario, pagato a paghe da fame, cambieremo bandiera. Dicasi, ricatto. Ciò che Grimaldi vuol dimenticare è che il cambio bandiera implica il pagamento delle tasse in Italia e quindi addio alla defiscalizzazione attuale!

Dichiarazione Grimaldi: "Onorato racconta di avere solo marittimi italiani, dimentica che la sua non è una scelta, ma un obbligo di legge".

Bugia: su almeno una dozzina di navi che operano, come Grimaldi, anche nell'internazionale potrei imbarcare, come fa il Presidente Confitarma, extracomunitari ed invece ho solo italiani-comunitari.

Dichiarazione Grimaldi: "Non posso tollerare che vengano diffuse menzogne sul mio conto. Io, come tutti, sulle navi che coprono linee nazionali utilizzo solo marittimi italiani".

Bugia ancora più volgare: per esempio su navi come Cruise Roma e Cruise Barcellona, in linea fra Civitavecchia e Porto Torres, Grimaldi ha imbarcato anche marittimi extracomunitari.

Dichiarazione Grimaldi: "Onorato può contare su sovvenzioni statali per 100 milioni per i collegamenti con la Sardegna e l'Arcipelago toscano. Quella è la vera vergogna, altro che la nazionalità dei marittimi, che è un falso problema. Io non sono preoccupato, la mia azienda va molto bene, non ho bisogno dei soldi pubblici per sopravvivere”.

Emanuele Grimaldi, Presidente di Confitarma
Emanuele Grimaldi, Presidente di Confitarma

Risposta: è almeno singolare che Grimaldi parli delle sovvenzioni Tirrenia e si "dimentichi" dei 120 milioni di euro che la Regione Sicilia garantisce ad altri armatori. Quelle sovvenzioni, oggi discusse dalla magistratura, per Grimaldi non sono un problema, forse perché elargite a suoi soci, armatori della TTLines, il cui amministratore Marcello Di Caterina, uomo di fiducia di Grimaldi, direttore

generale di Alis, è coinvolto nella storia dei Rolex? È vero poi che il problema dei marittimi non è un problema per Grimaldi, ma è solo un problema per chi è a casa disoccupato. Che poi il Grimaldi sia sereno aziendalmente è questa una sua indiscutibile qualità visto che siede su un gruppo con quasi tre miliardi di euro di debito (vedi bilancio Grimaldi 2015).

P.S. Sulla Princess Anastasia, cruise ferry bandiera italiana che opera in Russia sono imbarcati 105 italiani-comunitari e 69 russi (per esigenze di servizio alberghiero), imbarcati però con contratto italiano, nessuna sperequazione. Il pizzaiolo si chiama Antonio Sconiamiglio, figlio di Tobia Sconiamiglio, già nostro capo-cuoco da anni. Ti do un consiglio, caro Manuel , lascia i fasti delle presidenze intergalattiche e per una volta fatti una passeggiata sulle tue navi in mezzo a quella che dovrebbe essere la tua gente. E please, smettila una buona volta di dire falsità.

Vincenzo Onorato