Home > Yacht Club > Yacht Club Porto Rotondo > Vela: ultimata la XXII Regata dei Legionari

Vela: ultimata la XXII Regata dei Legionari

 Stampa articolo
REGATA DEI LEGIONARI3
REGATA DEI LEGIONARI3

Domenica 25 ottobre, alle ore 11:00, con una leggera brezza di 7 nodi da sud-est, a vedere la partenza delle 75 imbarcazioni provenienti da tutta la Sardegna, dalla Corsica, dalla Germania, dall’ Inghilterra e perfino dalla lontana Russia, si è radunato un folto pubblico sulla spiaggia e sul frangiflutti, per assistere a uno  spettacolo veramente splendido. E’ stata una partenza molto scenografica, da “terra”, tipica solo di alcune località rinomate come Saint Tropez.

Il numero di barche che ha preso parte a questa edizione ha rappresentato il terzo record di presenze rispetto a tutte le edizioni dei Legionari organizzati dallo Yacht Club.  E ciò grazie anche a DHL, la nuova partnership che quest’anno ha deciso di sponsorizzare l’evento perché ha creduto in un’originale, valida formula  organizzativa che ha avuto la capacità di attrarre e coinvolgere sia i professionisti che i semplici amanti della vela. Lo stesso sponsor ha deciso di partecipare alla manifestazione con due equipaggi, uno maschile e l’altro composto di sole donne, capitanate dalla skipper Caterina Nitto.

La manifestazione, nella sua crescita nel corso degli anni, suscita un entusiasmo sempre crescente. Lo stesso Angelo Usai, della compagnia di charter Boomerang, che da un paio d’anni mette a disposizione (gratuitamente) le proprie imbarcazioni per l’evento, ci racconta che, non appena viene pubblicato il Bando,  la sua intera flotta viene immediatamente prenotata dai partecipanti alla Regata dei Legionari. Anche la Marina di Porto Rotondo, che collabora da sempre all’organizzazione, nonostante la bassa stagione,  ha incrementato il personale per far fronte al folto numero di imbarcazioni da ormeggiare.

L’edizione del 2015 ha visto  la partecipazione straordinaria di quattro equipaggi di giovani studenti, tre dei quali provenienti dall’Istituto Nautico G. Garibaldi di La Maddalena, e uno dall’Istituto Amsicora di Olbia. Una di queste imbarcazioni (Mael) ha vinto il Trofeo Oggiano, mentre l’imbarcazione Valeria, condotta dai ragazzi dell’Amsicora, si è aggiudicata il Trofeo Campesi per l’equipaggio più giovane.

Oltre alle 16 imbarcazioni messe a disposizione dalla Società Boomerang, erano presenti nella categoria dei classici anche dei big boat, come ad esempio Emi, un bellissimo cutter Sangermani di 27 metri, costruito nel 1955, lo Sciarelli 50, On Ka Hye, e lo sloop Knuddel, che ha vinto nella sua categoria. Oltre a Vistona, cutter aurico del patron della manifestazione, Gian Battista Borea d’Olmo, a cui è andato il primo premio nella categoria Epoca, è stato salutato con molto favore il ritorno di un certo numero di imbarcazioni a vela latina. Tra queste, segnaliamo Miriella, Terranoa, Bebè, Corsaro, Salvatore Padre, Leone di Gallura e la lancia Alghero, che si è aggiudicata il premio della categoria.

Dopo le iscrizioni si  sono svolte le tradizionali “sfide”, in cui sono stati messi in palio i prodotti più disparati: maialini, galline, ceste di funghi, bottiglie di vino, ma anche ostriche e champagne. Dopo le sfide, è seguita la cena degli equipaggi sul piazzale antistante il Circolo, con l’immancabile “pecora in cappotto” e la musica dal vivo che ha rallegrato e fatto ballare i partecipanti.

Sono passati ben  ventidue anni dall’esordio dei “Legionari” e Andrea Campesi, lo storico nostromo del Marina di Porto Rotondo, scomparso nel 1993,  al quale è intitolata la regata,  sarebbe sicuramente felice di sapere che  la manifestazione a lui dedicata è sempre più seguita ed apprezzata da una moltitudine  di amanti della vela, che siano esperti e meno esperti . I suoi “legionari” si ritrovano nella suggestiva atmosfera di un Porto Rotondo di fine ottobre per una giornata di grande vela, ma soprattutto di amicizia,  di scambio sociale, di spontanea espressione di amore per il mare, senza porsi i soliti problemi di “rating”.  E fa piacere, inoltre,  vedere come fra loro ci siano sempre più giovani e giovanissimi, a cui è dedicato l’ambito  Trofeo Campesi.

Durante la premiazione, il Presidente, Roberto Azzi, ha salutato la grande folla con molto entusiasmo, augurandosi che la manifestazione nel prossimo futuro, anche grazie a DHL, possa finalmente superare il traguardo dei 100 iscritti. Durante la consegna del Trofeo Carpaneda, andato all’equipaggio femminile di DHL, la compagna delle sua vita, Marina, ha ricordato con grande emozione la figura di Luigi Carpaneda, grande campione di scherma e di vela, presidente e poi commodoro molto apprezzato dello Yacht Club Porto Rotondo. Il folto pubblico che occupava l’intera terrazza gli ha dedicato un lungo e caloroso applauso. La serata si è conclusa con la lettura delle sfide e la consegna delle poste in palio, seguita da un rinfresco offerto dalla madrina della manifestazione,  Luisa Campesi.

I vincitori delle varie categorie sono stati:

Le Qoc                       Regata-Crociera;

Vistona                       Epoca;

Knuddel                      Classica;

Alghero                       Vela Latina;

Snipe                          Derive;

Exstreme Sail             Catamarani

 

Mael                           Trofeo Oggiano

Monia                         Trofeo Carpaneda

Valeria                        Trofeo Campesi

Le Qoc                       Trofeo DHL   

 

Con la Regata dei Legionari si è concluso il calendario velico 2015 dello Yacht Club Porto Rotondo.