Home > Yacht Club > Yacht Club Italiano > Il Conte Carlo Felice Trossi, una vita tra terra, mare e cielo

Tag in evidenza:

Il Conte Carlo Felice Trossi, una vita tra terra, mare e cielo

 Stampa articolo
Il Conte Carlo Felice Trossi, una vita tra terra, mare e cielo
Il Conte Carlo Felice Trossi, una vita tra terra, mare e cielo

Venerdì sera, a partire dalle 19.30, presso la sede dello Yacht Club Italiano, verrà celebrata la figura di Carlo Felice Trossi. Un evento fortemente voluto dai vertici del Club del Porticciolo Duca degli Abruzzi, durante la serata verrà anche siglata una collaborazione per future iniziative tra il Mu.Ma – Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni e il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino che saranno presenti all’evento con i rispettivi Presidenti Nicoletta Viziano e Benedetto Camerana.

"Il Conte Trossi – Una vita tra terra, mare e cielo", inaugura la stagione delle collaborazioni tra queste tre prestigiose istituzioni. Nel mese di aprile sarà la volta della mostra sui cantieri Baglietto, eccellenza mondiale nella nautica.

Pilota Alfa Romeo e Maserati, finanziatore e Presidente della scuderia di Maranello, Trossi divenne mito per la sua capacità di cannibalizzare appunto gare a terra, in mare e perfino imprese in volo. Armatore di un elegante e veloce Baglietto, era solito testare i suoi gioielli e contribuire allo sviluppo o progettazione. Fino a quando, a 41 anni, dovette arrendersi al destino di un male incurabile.

Durante l’incontro, a lui dedicato, saranno proiettate immagini e documenti inediti, provenienti dall’archivio di famiglia e sarà esposto materiale in parte mai visto prima, per approfondire la sua capacità di innovare lo sport, in molte sue forme.

Relatori della conferenza saranno: Adolfo Orsi, storico dell’automobilismo italiano ,e Francesco Foppiano, storico della nautica. Previsto un intervento anche di Maurizio Fracassi, nipote di Trossi. Al piano terra del Club farà infine bella mostra di sé (rimarrà al Circolo fino al 12) la famigerata Monaco Trossi, l’auto soprannominata ‘aereo senza ali’, per gentile concessione del Museo dell’Auto di Torino.