Home > Yacht Club > Yacht Club Italiano > Vela: 340 Laser iscritti alla Italia Cup 2016, al via venerdì

Vela: 340 Laser iscritti alla Italia Cup 2016, al via venerdì

 Stampa articolo
Italia Cup, foto Taccola
Italia Cup, foto Taccola

Genova, 15 marzo 2016 - Allo Yacht Club Italiano tutto è pronto per accogliere l’immensa flotta di 340 Laser che sarà in regata a partire da venerdì nella Italia Cup 2016, manifestazione organizzata da YCI in collaborazione con le Società Veliche Genovesi e la Associazione Italia Classi Laser, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela.

La regata è riservata ai Laser, una delle derive per singolo più popolari e diffuse al mondo su cui sono cresciuti alcuni dei migliori velisti del panorama internazionale.

La base nautica per accogliere il grande numero di partecipanti è stata organizzata presso i piazzali dei Saloni Nautici di Genova.

Il programma e il formato della regata

Le regate si svolgeranno nello specchio acqueo antistante il Lido di Albaro venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 marzo. Venerdì alle ore 14 sarà dato il via alla prima prova di giornata.

Il formato della regata sarà costituito da una serie di qualificazione e una di finale, per completare la serie di qualificazione dovranno essere disputate 4 prove, le regate di finale vedranno le flotte divise in due in base alle qualificazioni. Qualora una qualsiasi delle Classi Laser fosse divisa in batterie automaticamente si dovranno predisporre due campi di regata.

Italia Cup 2016 si terrà a Genova dal 18 al 20 marzo 2016, aperta alle classi Laser Standard, Laser Radial e Laser 4.7.

 

Un progetto di sostenibilità

In occasione della Italia Cup lo Yacht Club Italiano avvierà un progetto di sostenibilità in collaborazione con AMIU (l’Azienda Multiservizi e d'Igiene Urbana genovese) e consegnerà a ogni partecipante un “Vademecum del velista responsabile” con l’elenco di alcune semplici regole da seguire per l’ambiente: dalla raccolta differenziata, all’utilizzo corretto dell’acqua in porto, al rispetto per il mare e per le aree protette.

Il Laser

Il Laser nasce nel 1969 da un’idea del progettista Bruce Kirby: voleva una imbarcazione che fosse portata da una sola persona, facile da armare e da trasportare e con poche ma rigide regole di stazza. Con queste caratteristiche divenne velocemente una delle derive più diffuse al mondo, con più di 200.000 esemplari costruiti.

Nel 1996 fece il suo esordio alle Olimpiadi di Savannah e con l’edizione di Rio 2016  parteciperà  alla sua sesta Olimpiade consecutiva.

Al timone di questo monotipo di 4,23 metri si sono affermati alcuni dei migliori velisti al mondo. Robert Scheidt (BRA), Ben Ainslie (GBR), Paul Goodison (GBR) e Tom Slingsby (AUS) vantano l’oro Olimpico in questa classe.

Oltre al Laser Standard con la sua randa di 7,06 mq di superficie i più giovani e leggeri timonieri iniziano a regatare su questa classe con il Laser 4.7 mentre il Laser Radial con la sua randa di 5,76 mq è classe Olimpica femminile dal 2008.

 

Dai tecnici

Lunghezza: 4.23m - Larghezza: 1.37m - Peso: 58kg - Superficie velica: Laser Standard 7.06mq - Laser Radial 5.76mq - Laser 4.7 4.7mq

 

 

 

Foto: credit Fabio Taccola/FIV

 

 

www.yci.it