Home > Servizi > Reed Expositions > Il Cannes Yachting Festival consolida il suo posto di leader Europeo

Tag in evidenza:

Il Cannes Yachting Festival consolida il suo posto di leader Europeo

 Stampa articolo
I saloni nautici della stagione 2018, Cannes Yachting Festival, foto Fabio Petrone
I saloni nautici della stagione 2018, Cannes Yachting Festival, foto Fabio Petrone

L’edizione 2017 dello Yachting Festival di Cannes si apre con cifre record sotto tutti i punti di vista, confermando la propria posizione di salone nautico in acqua n. 1 in Europa e n. 2 nel mondo. 

Tutti gli indicatori sono nella norma. 528 espositori saranno presenti, di cui il 60% viene dall’internazionale (45 paesi), e di superficie in progresso di 7% rispetto all’anno scorso. 

Per quanto riguardano i cantieri e importatori, presenteranno 600 barche da 2,10 m a 65 m di cui un centinaio di anteprime mondiali. 

«Al di là dei numeri, è la passione e l’attaccamento degli espositori per il salone che rappresenta la nostra vera ricompensa», commenta Michel Filzi, Presidente di Reed Expositions France, l’organizzatore del salone. «Abbiamo sempre avuto una sola e unica priorità: fare dell’edizione 2017 un momento eccezionale di efficacia commerciale per i nostri espositori, cantieri, accessoristi, broker e fornitori di servizi, e un vero momento di piacere e di scoperta per i nostri visitatori. Organizzare un salone nautico in acqua realmente globale è un’attività esaltante e una responsabilità importante che ci assumiamo pienamente grazie alla nostra esperienza di più di vent’anni, e a sostegno incrollabile della città di Cannes e della Direzione dei Porti».

Quanto a la procedura intenta dalla FIN contro Reed, l’organizzatore ricorda che, il 9 agosto scorso, l’Autorità della Concorrenza ha rigettato integralmente le richieste della FIN circa l’organizzazione del salone di cui Reed detiene i diritti fino al 2041*. 

«In questa inaugurazione del 40esimo Yachting Festival di Cannes, che la Signora Jacqueline Bourey ci ha fatto l’onore di accettare di presiedere, e’ il momento di concentrare le energie per la riuscita del salone e dei suoi espositori, lontani dalle polemiche» conclude Michel Filzi.