Home > Servizi > Escola Europea de Short Sea Shipping > La Escola Europea ritorna a bordo con il corso Most Glips

Tag in evidenza:

La Escola Europea ritorna a bordo con il corso Most Glips

 Stampa articolo
La Escola Europea ritorna a bordo con il corso MOST GLIPS
La Escola Europea ritorna a bordo con il corso Most Glips

La Escola Europea - Intermodal Transport ha organizzato un corso innovativo, con circa 35 partecipanti, per celebrare la prima edizione del corso MOST GLIPS. In questa occasione, il gruppo era composto principalmente da professori e studenti del percorso in “Gestione della Logistica integrata e dei Processi di Spedizione”, della quale la Escola è fondatrice insieme all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e l’ITS Fondazione “G. Caboto”.

advertising

La classe si è ritrovata a Civitavecchia per intraprendere un corso di 6 giorni sulla logistica intermodale sostenibile, politiche ambientali dell’Unione Europea, autostrade del mare, e soprattutto per ampliare le proprie reti professionali e umane. Grazie alla navigazione sul traghetto ro-pax “Cruise Roma” della compagnia Grimaldi Lines che collega Civitavecchia e Barcellona, i partecipanti hanno potuto condividere conoscenze, esperienze e confrontarsi con esperti del settore durante tutta la durata del corso.

Gli studenti erano accompagnati da un gruppo di insegnanti esperti che includeva il Direttore dell’Escola Europea, Eduard Rodés, il Country Manager Italia della stessa, Marco Muci, il CEO di ILP Consulting, Andrea Campagna, il Vice Direttore di ALIS, Antonio Errigo ed esperti dell’AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Sacha Campo e Luca Lupi.

Il corso comprendeva visite didattiche tra Italia, Spagna e Francia, dando quindi l’opportunità di poter conoscere i diversi modelli gestionali e logistici nei paesi europei visitati. In particolare: si sono svolte le visite marittime guidate al Porto di Civitavecchia e di Barcellona, la visita alla zona logistica-portuale di Barcellona (ZAL, APM Terminals e Autoterminal); l’interporto intermodale e lo snodo ferroviario di Perpignan (Francia); oltre alle visite realizzate a bordo durante il tragitto, come al ponte di comando.

Per concludere il corso, i partecipanti hanno risolto un caso reale di fattibilità del trasporto marittimo a corto raggio, applicando calcoli di costi diretti ed esterni per valutare l'alternativa da un punto di vista economico, ma anche ambientale e sociale. “Corso molto interessante e ben organizzato, si dovrebbero fare più esperienze come questa”.

Le ultime notizie di oggi