Home > Servizi > ARTEMARE > Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano

Tag in evidenza:

Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano

 Stampa articolo
Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano
Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano

E’ tornata ed è alla fonda davanti a Porto Santo Stefano la stupenda goletta bianca a tre alberi Fleurtje, una “cacciatrice del vento” come i velieri dei secoli del passato. Fleurtje progettata da Robert Clark è stata costruita in Olanda nel 1959 nei famosi cantieri De Vries Lencht Jr e nei decenni è stata mantenuta ai più alti standard con “refit” anche al Cantiere Navale dell’Argentario ai tempi di “Pitussi” Gaspari.

advertising

Artemare Club coglie l’occasione per ricordare la figura di questo yachtsman veneziano che viveva a Porto Santo Stefano a bordo del suo ketch di 12 metri “Tokay II” costruito da solo, che nei primi anni 60 decise di rilevare in società il CNA. Fondato nell'immediato dopoguerra noto già per la propria attività di costruzione di pescherecci, il Cantiere Navale dell’Argentario con la guida e le conoscenze del comandate Pierluigi Gaspari, da tutti chiamato Pitussi, si specializzò negli interventi su barche da diporto, potendo contare su una manodopera altamente qualificata ed essendo uno dei pochi cantieri a possedere uno scalo d’alaggio a carrello fino a 400 tonnellate di dislocamento, cosi in grado di ospitare barche
di dimensioni importanti e una di queste fu proprio Fleurtje, nome che in olandese significa “piccolo fiore”.

Goletta a tre alberi di elegante struttura in alluminio bianco scintillante, con il arco a prua orgogliosamente in avanti e specchio di poppa aggraziato, Fleurtje è lunga 57 metri, ha 3 alberi di abete douglas con aste in abete norvegese che trasportano 8 vele per un totale di 946 metri quadrati di tela, con prestazioni di navigazione a vela impressionanti. La nave è alimentata da 2 motori CAT 624HP ed è in grado di raggiungere velocità di 12-15 nodi, può ospitare fino a 12 persone in 6 cabine, ha interni raffinati progettati da Leila Kennedy
con travi in legno, pannelli in rovere e grandi finestre, accessori in ottone lucido che creano un'atmosfera elegante, mentre i mobili bianchi e grandi monitor offrono i comfort moderni per gli ospiti. Welcomed back all’Argentario a Fleurtje da parte di Artemare Club!

Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano
Il tre alberi Fleurtje è tornato a Porto Santo Stefano

Le ultime notizie di oggi