Victo Vescovo con il  Guinness World Records - archivio Artemare Club

Giornata Mondiale degli Oceani ricorda il comandante Vescovo

Storia e Cultura

06/06/2021 - 11:36
advertising

Per l'8 giugno Giornata Mondiale degli Oceani, Artemare Club piace ricordare un grande uomo di mare l’ufficiale dell’US Navy in pensione e ricco uomo d’affari Victor Lance Vescovo, esploratore oceanici nei suoi abissi più profondi. Nato a 1966 a Dallas, Texas, USA con un cognome che fa immaginare avi di origine italiane, si è diplomato alla St. Mark's School of Texas, ha conseguito una laurea in Economia e Scienze Politiche presso la Stanford University, un master in Studi sulla difesa e il controllo degli armament, presso il Massachusetts
Institute of Technology e un MBA presso la Harvard Business School. Ha prestato servizio per 20 anni nella Marina degli Stati Uniti come ufficiale dell'intelligence, ritirandosi nel 2013 come comandante.

Nel 2018, Victor Vescovo ha lanciato la Five Deeps Expedition, con lo scopo di mappare e visitare accuratamente il fondo di tutti e cinque gli Oceani del mondo entro la fine di settembre 2019, obiettivo raggiunto con successo un mese prima del previsto con l’effettuazione di campionamenti biologici e conferme di profondità in ogni luogo.
Oltre ai punti più profondi dei cinque oceani mondiali, la spedizione ha effettuato anche immersioni nell'Horizon Deep e nel Sirena Deep e ha mappato la Diamantina Fracture Zone. Nel dicembre 2018 ha raggiunto il punto più profondo dell'Oceano Atlantico, pilotando il DSV Limiting Factor, un sottomarino da 50 milioni di dollari - Triton 36000/2 imbarcato sulla
sua nave di supporto DSSV Pressure Drop, arrivando a 8.376 metri sotto la superficie dell'oceano fino alla base della Fossa di Porto Rico, un'area successivamente indicata dai media mondiali come Brownson Deep.

Il 4 febbraio 2019, è stato la prima persona a raggiungere il fondo dell'Oceano Antartico, nella parte meridionale del South Sandwich Trench. Il 16 aprile 2019, Vescovo si è immerso nella Fossa della Sonda a sud di Bali, raggiungendo il fondo dell'Oceano Indiano. Il 28 aprile 2019, Vescovo è sceso per 10.928 metri nel punto più profondo degli Oceani, il Challenger Deep nella Fossa delle Marianne dell'Oceano Pacifico e  immergendosi per la seconda volta il 1 maggio, è diventato la prima persona a raggiungere due volte il Challenger Deep, trovando almeno tre nuove specie di animali marini e una sorta di rifiuti di plastica.

 Il 7 maggio 2019, ha effettuato con il sommergibile la prima immersione sul fondo del Sirena Deep il terzo punto più profondo dello stesso Oceano situato a circa 128 miglia a nord-est di Challenger Deep. Il 10 giugno 2019 Vescovo ha raggiunto il fondo dell'Horizon Deep nella Fossa di Tonga a 10.823 metri confermando che è il secondo punto più profondo del pianeta e il più profondo dell'emisfero australe. Vescovo ha completato la spedizione Five Deeps il 24 agosto 2019 quando ha raggiunto una profondità di 5.550 metri sul fondo del Molloy Deep nell'Oceano Artico, primo essere umano a raggiungere questo luogo.

Nel 2019, Victor Vescovo è stato riconosciuto dal Guinness World Records come la persona che ha coperto la maggiore distanza verticale del nostro pianeta senza lasciare la superficie terrestre. Per ottenere l'Explorers Grand Slam Last Degree, Vescovo ha scalato l'Everest 8.848 metri il 24 maggio 2010, il punto più alto della Terra. A giugno 2020 Vescovo è tornato al Challenger Deep, trasportando sei passeggeri sul fondo del Challenger Deep, questi includevano l'ex astronauta e amministratore NOAA Kathryn Sullivan , la prima donna a raggiungere la massima profondità degli Oceani, Kelly Walsh figlio di Don Walsh che con Jacques Piccard fece il primo tuffo nel Challenger Deep e Vanessa O'Brien, la prima donna a scalare l' Everest e anche a scendere sul fondo del mare.

Con le sue imprese del 2020 Vescovo ha registrato il record unico di otto immersioni totali a Challenger Deep, incluso il record per l'immersione più profonda della storia il 28 aprile 2019. Per il 2021 il comandante Vescovo ha annunciato un ritorno al Challenger Deep, Artemare Club lo ha "timidamente" invitato a visitare l’antico Mare dei Tirreni e l’Argentario!

advertising
PREVIOS POST
Guardia Costiera: fermo amministrativo per la nave ONG Sea Eye 4
NEXT POST
Campionato Italiano Protagonist 7.50, a Gattone il titolo nazionale