Home > Servizi > ARTEMARE > Grandi uomini di mare: Commodoro per eccellenza Gianfranco Alberini

Grandi uomini di mare: Commodoro per eccellenza Gianfranco Alberini

 Stampa articolo
Un felice Gianfranco Alberini con Edoardo Recchi allora comandante dello yacht presidenziale ora direttore sportivo dello YCCS
Un felice Gianfranco Alberini con Edoardo Recchi allora comandante dello yacht presidenziale ora direttore sportivo dello YCCS

Novant’anni fa nasceva Gianfranco Alberini, il Commodoro per eccellenza della vela italiana, così chiamato dal mondo dello yachting, scomparso nel 2013. Artemare Club ricorda l’indimenticabile grande uomo di mare con l’esposizione del libro di Mondadori con la sua biografia.

advertising

Nato nel 1931, Gianfranco Alberini proveniva da una famiglia aristocratica romana legata al mare, un suo trisavolo il Cavaliere di Malta Giuseppe Alberini era stato comandante della galea pontificia San Prospero intorno a 1783, suo padre Raoul Alberini, volontario nella prima guerra mondiale, pilota di idrovolanti ma anche studioso e ricercatore aveva effettuato una brillante carriera in Marina arrivando al grado di ammiraglio.

Studi giovanili a Venezia  e prime esperienze a vela, Gianfranco Alberini entra nel 1949 in Accademia Navale dove negli anni vince il campionato interno di vela come timoniere di Snipe e Lightining, poi carriera in Marina fino al grado di capitano di vascello e trasferimento in Costa Smeralda nel 1975 come direttore del Dipartimento Marina della Finanziaria omonima, poi alla guida dello Yacht Club Costa Smeralda, prima segretario generale e successivamente Commodoro fino al 2007 e  quindi creatore dell’Associazione dei Maxi Yacht, l’IMA di cui è stato presidente.

Gianfranco Alberini  alla presentazione della  Rolex Capri Sailing Week 2011 una  tra le sue ultime inmmagini fotografiche pubbliche
Gianfranco Alberini alla presentazione della Rolex Capri Sailing Week 2011 una tra le sue ultime immagini fotografiche pubbliche

Il libro in esposizione a Artemare Club è stato scritto dalla giornalista sassarese Maria Luisa Farris e racconta la grande avventura umana e sportiva di Gianfranco Alberini, un volume
fotografico che ripercorre la carriera del Comandante e storico Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, attraverso 200 immagini inedite e 9 capitoli, dalla formazione giovanile all’Accademia Navale, alle crociere sull'Amerigo Vespucci, dal giro del mondo sull'incrociatore Montecuccoli alla traversata del Pacifico a vela con il Corsaro II al periodo come aiutante di bandiera dell’ammiraglio medaglia d’oro Gino Birindelli agli studi alla Scuola di Guerra Marittima, dall’arrivo in Costa Smeralda nel 1975, la costruzione del Marina, le grandi regate internazionali, passando per due edizioni della Coppa America con “Azzurra”, quella del 1983 e quella del 1987, quando in Australia lo YCCS svolse il ruolo di Challenger of Record e centinaia di sfide che hanno fatto la storia dello yachting mondiale, dalla Sardinia cup alla Settimana delle Bocche, dalla Swan cup alla Maxi yacht Rolex cup, dai cambiamenti nel mondo dello yachting alla sfida del Destriero. Suo erede per tradizione in Marina e successivamente suo stretto collaboratore nel mondo dello yachting è
Edoardo Recchi attuale direttore sportivo dello YCCS.

Artemare Club, onorato di avere avuto Gianfranco Alberini tra i suoi sostenitori dal 1998 fino alla sua morte, lo saluta con le parole di Nicholas Monsarrat: “I marinai dovrebbero essere i veri leader del per il loro senso innato dell’ordine, del dovere e della disciplina”. Buonvento lì nel Cielo!

Il libro Il Commodoro in esposizione a Artemare Club di Porto Santo Stefano
Il libro Il Commodoro in esposizione a Artemare Club di Porto Santo Stefano

Le ultime notizie di oggi