Home > Servizi > ARTEMARE > Cavalieri di mare e di terra nelle Contrade Marittime

Cavalieri di mare e di terra nelle Contrade Marittime

 Stampa articolo
Cavalieri di Santi Stefano altra stampa d'arte con la Presa delle galere di Barbarossa nel Mar Mediterraneo - collezione Artemare Club
Cavalieri di Santi Stefano altra stampa d'arte con la Presa delle galere di Barbarossa nel Mar Mediterraneo - collezione Artemare Club

 Di recente è uscito l’interessante libro del talamonese Antonio Cagnacci “Il segreto dell’Abazia” che racconta, con una storia d’amore e archelogia nell’antico porto degli Argonauti, della presenza dei Cavalieri Ospitalieri in Maremma nell’Abazia di San Rabano.  Artemare Club, per far conoscere di più gli ordini religiosi cavallereschi e in particolare quelli marinareschi che hanno avuto una parte importante nella storia della Contrade Marittime mette a disposizione per soci, simpatizzanti e studiosi nella propria sede nel Corso antico di Porto Santo Stefano la collezioni di libri in tema.
 
Da segnalare nella raccolta di pubblicazioni disponibili il raro volume “I pregi della Toscana nelle imprese più segnalate de’ Cavalieri di Santo Stefano”, opera sull’insigne sacro e militare ordine di fondazione pontificia con sede a Pisa e le sue più importanti battaglie navali combattute dalla flotta toscana contro i turchi, opera resa pregevole dalle 37 belle incisioni calcografiche realizzate da Hendrick Verschuring diverse delle quali raffiguranti azioni navali nel Mar Tosco.
 
Altro importante libro disponibile è “ Maremma, terra di cavalieri” di Alessandro Varisco  dove l’autore racconta, sulle tracce degli antichi cavalieri Giovanniti, Templari e di Santo Stefano, le loro chiese  monasteri, luoghi di posta e antiche vie dei pellegrinaggi lungo le Contrade Marittime,  una guida per riconoscere i segni del passaggio dei monaci soldati in Maremma che dal medioevo sono arrivati sino a noi circondati dal fascino del mistero, nella prima parte del volume si parla di “Oratores et bellatores”, le origini degli ordini monastici cavallereschi, mentre nella seconda parte si svelano i segreti della Militia Christi, vengono poi descritti alcuni dei maggiori monumenti religiosi ancora visitabili nella Toscana meridionale, dal complesso abbaziale di San Benedetto e Sancta Maria Arborensis all’Alberese all’Hospitium di San Giovanni a Grosseto a quello in Massa Marittima, dalla Chiesa del Santissimo Salvatore di Istia Ombrone sino alla Pieve di Santa Cristina a Rocchette, alla Chiesa San Martino a Magliano in Toscana e al Duomo di Sovana, preziosa testimonianza del passaggio dei Templari in Maremma
 
Gli ordini religioso-militari hanno avuto una parte importante nella storia della cristianità, storicamente nacquero con le Crociate che affermarono un nuovo significato del termine miles Christi esso non indicava più solo il martire della fede ma anche il combattente al servizio della fede, all'interno di tali ordini si poteva essere al tempo stesso monaci e cavalieri. La maggior parte di questi ordini si estinse dopo la fine delle crociate, una parte dei nomi di tali ordini sono stati ripresi in vario modo da associazioni moderne di laici, la Santa Sede, oltre ai propri ordini equestri, riconosce e tutela due soli ordini cavallereschi il Sovrano Militare Ordine di Malta e l'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, di entrambi è cavaliere il comandante Daniele Busetto presidente di Artemare Club.
 

advertising

Le ultime notizie di oggi