Home > Servizi > ARTEMARE > Arriva Le Jacques Cartier e riparte il Cruising all’Argentario

Tag in evidenza:

Arriva Le Jacques Cartier e riparte il Cruising all’Argentario

 Stampa articolo
Arriva Le Jacques Cartier e riparte il Cruising all’Argentario
Arriva Le Jacques Cartier e riparte il Cruising all’Argentario

Proveniente da Nizza è arrivata alla fonda davanti a Porto Santo Stefano Le Jacques Cartier,  nave da crociera appena nata di bandiera francese di 9976 TSL che fa parte della classe Explorer della Compagnie du Ponant, con 89 persone di equipaggio e 123 passeggeri e così riparte anche il Cruising di PortArgentario, progetto di promozione del turismo nautico legato alle navi da crociera di piccole e medie dimensioni per i porti dell’ Argentario e l’entroterra della Maremma Toscana.

advertising

Tutte le persone a bordo della nuovissima nave da crociera sono state sottoposte a tamponi PCR prima dell'imbarco e della partenza e sono risultate negative, alla banchina di Porto Santo Stefano é stato predisposto dallo staff di PortArgentario, guidato dal dott. Fabrizio Palombo, un protocollo di sicurezza per lo sbarco dei passeggeri, concordato con la Capitaneria di Porto, l'Autorità Sanitaria locale, la USL Toscana sud est e l'Ufficio Sanità Marittima di Livorno, prevedendo un punto di security portuale con un percorso obbligatorio per il controllo dei passeggeri con il distanziamento degli stessi, secondo le vigenti norme

Le Jacques Cartier è in attività da soli tre mesi e per le sue crociere inaugurali ha scelto in Italia l’Argentario. Sesta e ultima nave della serie Explorer dispone di 92 camere e suite con interni raffinati e eleganti, tutte con balcone o terrazza privata. In particolare la nave offre "Blue Eye" una sala subacquea multisensoriale dove gli ospiti sperimentano il mondo sottomarino attraverso due finestre giganti che ricordano gli occhi di una balena che si affaccia sul fondo del mare, dei riflettori subacquei catturano panorami e gli idrofoni incorporati nella chiglia i suoni naturali del mare. Nonostante le dimensioni ridotte rispetto alle mastodontiche navi da crociera in attività, ha due ristoranti a bordo che offrono il meglio della gastronomia francese in mare. Oltre alla piscina a sfioro, Le Jacques Cartier vanta un centro benessere dotato di hammam e bagno turco e i più attivi possono mantenersi in forma grazie ad una palestra altamente equipaggiata

Le commandant Jaques Cartier, così la chiamano gli uomini di mare ricorda Artemare Club, prende il nome dal grande esploratore francese  nato nel 1491 a Saint-Malo e lì  morto dopo 66 anni, il il Re di Francia Francesco I lo scelse per trovare  isole e terre con grandi quantità di oro e altre ricchezze. Cartier salpò nel 1534 con le navi a sua disposizione in cerca di un passaggio occidentale per l'Asia, esplorando Terranova, il golfo di San Lorenzo e le Maritimes canadesi, l'anno seguente nel secondo viaggio risalì il fiume fino ai villaggi Uroni di Stadacona dove oggi sorge Québec e Hochelaga - Montréal e lì apprese di un territorio più a nord chiamato Saguenay, ritenuto pieno d'oro e altri tesori che cercò nel suoi terzo viaggio senza riuscirci. In occasione del 450º anniversario del suo primo viaggio è stata lanciata la Transat Québec – Saint-Malo, una regata velica transatlantica in equipaggio che si svolge ogni quattro anni con partenza da Québec - Canada e arrivo in Francia a Saint-Malo.

Le ultime notizie di oggi