Home > Servizi > ARTEMARE > Ad Artemare appuntamento con i Fari di Punta Lividonia all'Argentario

Tag in evidenza:

Ad Artemare appuntamento con i Fari di Punta Lividonia all'Argentario

 Stampa articolo
I Fari di Punta Lividonia
I Fari di Punta Lividonia

Tante foto sono arrivate a Artemare Club per la realizzazione del manifesto del “Portolano dei Fari e Segnalamenti Marittimj dell’Argentario e Isole vicine”, che verrà presentato il 13 settembre festa di San Venerio Patrono dei Fari e dei Faristi e come promesso il primo appuntamento in tema alla sede dell’Associazione nel rinnovato Corso di Porto Santo Stefano è sabato pomeriggio prossimo 9 agosto dove saranno  visibili  le opere fotografiche pervenute a artemareclub@gmail.com insieme a documenti e filmati dei Fari di Punta Lividonia all’Argentario e non solo.

advertising

Si i Fari di Punta lividonia, perchè partendo da Porto Santo Stefano i manufatti delle sentinelle del mare che si vedono sono due e molto vicini, il primo è l’antico faro attivato nel 1883 dalla Regia Marina, dismesso per la sua posizione non completamente visibile e per problemi geologici e negli anni 70, messo all’asta, diventa di proprietà privata della famiglia Macioti che lo ristruttura. Di questo faro c’è un filmato impressionante “Argentario Forza Sette” su Youtube per le onde che ci arrivano, realizzato da Piero Buselli uno dei reggente di Marifari. Poco vicino è in funzione il Faro di Punta Lividonia, costruzione del 1926 noto anche come il semaforo di Porto Santo Stefano, si trova nel territorio comunale di Monte Argentario all'estremità settentrionale del tratto costiero occidentale del promontorio dell'Argentario e si eleva circa 50 metri sul livello del mare. Ad alimentazione elettrica e ad ottica fissa, ha un lampo bianco ogni 5 secondi della portata di 16 miglia nautiche. L'infrastruttura è costituita da una torre a sezione ottagonale in muratura bianca con galleria interna, che si eleva addossata alla parte centrale della facciata anteriore di un fabbricato a pianta rettangolare in muratura rossa, disposto su due livelli, con finestre ad arco a sesto acuto in stile neogotico al secondo piano della palazzina, che in passato ospitava le abitazioni dei guardiani prima della sua definitiva automatizzazione. La parte sommitale della torre costituisce la base del tiburio della lanterna metallica grigia a sezione circolare, dotata di lente di Fresnel di secondo ordine. Il Faro di Punta Lividonia è nella lista dei manufatti dell’Agenzia del Demanio da dare in concessione.

Il prossimo appuntamento sempre presso la sede di Artemare Club in Corso umberto 77 – 79 è sabato pomeriggio 15 agosto dedicato al bellissimo Faro di Talamone, molto visibile e ben fotografabile di giorno dal mare perchè di color bianco candido. Coerentemente al DPCM del Presidente del Consiglio e alle ordinanze regionali e comunali, per accedere alla sede del Club si devono seguire le seguenti modalità: non creare assembramenti, rispettare la distanza di sicurezza, indossare la mascherina, entrare nei locali una persona alla volta, vietato toccare i beni esposti, vietato l’accesso con borse, zaini e valigie di grandi dimensioni.

Carta nautica con il  Faro in funzione di Punta Lividonia
Carta nautica con il Faro in funzione di Punta Lividonia

Le ultime notizie di oggi