Home > Regate > Volcano Race > Volcano Race 2016: Rambler 88 stabilisce nuovo record

Volcano Race 2016: Rambler 88 stabilisce nuovo record

 Stampa articolo
Atalanta taglia il traguardo
Atalanta taglia il traguardo

VOLCANO RACE 2016

advertising

         
         

 

Milano, 24 maggio 2016 - Grande successo per Rambler 88 alla Volcano Race 2016, organizzata dall’International Maxi Association e dallo Yacht Club Gaeta, partita da Gaeta mercoledì 18 maggio. L’armatore George David, unico partecipante nella categoria sopra gli 80 piedi, ha conquistato oltre ai Line Honours anche il podio per il primo Maxi overall in IRC. Rambler 88 ha così abbattuto di oltre 7 ore il precedente record stabilito da Esimit Europa 2 nel 2015, percorrendo la “rotta dei vulcani” in appena 1 giorno, 14 ore e 20 minuti, e tagliando quindi la linea d’arrivo a Gaeta alle 3:25 del mattino del 20 maggio.

Protagonista assoluta delle 398 miglia che vanno da Gaeta alle isole Eolie e ritorno è stata Atalanta II. A sfidarsi nella categoria mini maxi, sotto gli 80 piedi, erano cinque equipaggi e l’imbarcazione di Carlo Puri Negri si è piazzata prima in tempo corretto terminando in 2 giorni 2 ore, 2 minuti e 6 secondi. Per la barca è stato il secondo battesimo del mare dopo il restyling curato da Felci Yachts con grande soddisfazione dell’armatore Puri Negri che si è dato il cambio al timone con il figlio Tazio, Gabriele Benussi e Nevio Sabadin.

“Siamo molto soddisfatti di questo primo posto nella categoria mini maxi alla Volcano Race 2016”, ha commentato l’armatore Carlo Puri Negri, “Atalanta II  ha sorpreso tutti positivamente perché si tratta di una barca che torna a navigare dopo cinque anni e dopo aver subito delle modifiche radicali realizzate con successo dall’ingegner Umberto Felici. Dopo questo secondo battesimo del mare siamo convinti che Atalanta II abbia espresso il 70% della sua potenzialità. Siamo ansiosi di leggere i dati raccolti durante la regata per realizzare una ulteriore messa a punto e aumentare le performance della barca”.

In particolare Puri Negri ha commentato la regata: “Siamo partiti di bolina con un vento leggero di 5 nodi che poi è salito fino a 12 dandoci da subito l'impressione che barche sulla carta molto più veloci di noi in alcuni casi facevano fatica a tenere il nostro passo. Questo significa che le modifiche hanno inciso positivamente sia sulla performance di velocità sia per il compenso del certificato. Abbiamo avuto ulteriore conferma delle ottime performance di Atalanta ll quanto raggiunte le Eolie abbiamo iniziato a navigare con il vento in poppa e anche i questa circostanza la barca si è rivelata competitiva sia quando abbiamo montato la A0 e poi A1,5. La soddisfazione maggiore dal punto di vista sportivo è stata quella di aver superato un avversario, sulla carta molto più performante di noi, in tempo compensato. Atalanta II è una vecchia signora che ha ancora molto da dire!”.

 

 

 

La Volcano Race 2016 è partita da Gaeta alle ore 13.05 del 18 maggio. Due sono stati i percorsi selezionati dal comitato di regata: uno di 398 miglia per i 6 maxi in gara (la Option 8 delle Sailing Instructions) identico a quello dello scorso anno: Gaeta - Alicudi - Vulcano - Stromboli e Strombolicchio da lasciarsi tutte a sinistra, e Capri). Per le 5 barche registrate nella “flotta offshore”, non maxi, era stato selezionato un percorso leggermente più corto (la Option 5 delle S.I. di 298 miglia) che ha previsto per loro di doppiare “solo” Stromboli e Strombolicchio).

In questo modo i due raggruppamenti sono rientrati a Gaeta praticamente tutti insieme.

 

 La Volcano Race è stata organizzata dall’IMA, International Maxi Association, insieme allo Yacht Club Gaeta e con l’ospitalità della Base Nautica Flavio Gioia.

 

La regata è valsa come seconda prova del Mediterranean Maxi Offshore Challenge, il circuito che riunisce le 4 regate di altura che la Classe dei maxi yacht ha selezionato per il proprio campionato offshore. 

Le ultime notizie di oggi