Home > Regate > Melges 20 > L'Italia davanti a tutti dopo le prime tre prove del Mondiale Melges 20

Tag in evidenza:

L'Italia davanti a tutti dopo le prime tre prove del Mondiale Melges 20

 Stampa articolo
L'Italia con Brontolo davanti a tutti dopo le prime tre prove del Mondiale Melges 20 di Cagliari
L'Italia con Brontolo davanti a tutti dopo le prime tre prove del Mondiale Melges 20 di Cagliari

Dopo lo stop forzato a causa dell’intensa perturbazione abbattutasi ieri su Cagliari, il meteo ha concesso una tregua permettendo al Campionato del Mondo Melges 20 di entrare finalmente nel vivo della competizione.
 
Giornata che mette a dura prova la sensibilità di tutti i timonieri non tanto per l’intensità del vento di scirocco (attorno ai 12 nodi) quanto per il l’onda formata e ripida che impone la migliore conduzione. In queste condizioni quasi “oceaniche” il team USA sembra trovarsi particolarmente a proprio agio, dettando il ritmo nelle prime due prove ma al termine della giornata è l’Italia a occupare la vetta della classifica generale con un brillante Brontolo di Filippo Pacinotti (affiancato da Manuel Weiller).

La prova di inaugurale del Mondiale, caratterizzata da forte nervosismo da parte della flotta (tre general recalls prima della inevitabile bandiera nera), vede il monologo del Campione del Mondo in carica Pacific Yankee di Drew Freides (con Morgan Reeser alla tattica) che già alla prima boa vanta un consistente vantaggio, margine mai messo in discussione in tutti i successivi passaggi fino al traguardo. Nella prova numero Pacific Yankee si lascia alle spalle in numero 1 della ranking mondiale, il russo Nika di Vladimir Prosikhin (affiancato da Michele Ivaldi) e il polacco Mag Tiny di Krzysztov Krempec (con Tomislav Basic).
Nella seconda prova di giornata è invece l’altro team americano, quello di Oleander di James Wilson (Jeremy Wilmot alla tattica),  ad imporsi dopo un duello ravvicinato con il russo Leviathan di Maxim Titarenko. L’italiano Fremito d’Arja di Dario Levi (con Enrico Fonda) chiude al terzo posto.
 
La terza e ultima prova di giornata è tutta per i colori azzurri, rappresentati da Brontolo (recente vincitore del circuito continentale Melges 20 World League) che riesce a staccare  lo statunitense Oleander e il monegasco Raya di Matteo Marenghi Vaselli (con Niccolò Bianchi alla tattica).
 
La classifica generale è ovviamente, in questa fase del Campionato, cortissima con Brontolo (punti 13) e Oleander separati di un solo punto (14). Nika (17), Pacific Yankee (18) e Russian Bogatyrs (25) completano la top five di questo Mondiale con ancora due giornate di regate da disputare per una storia ancora tutta da scrivere.
 
Manuel Weiller (Brontolo) - “E’ solo la prima giornata, ovviamente siamo contenti di essere dove siamo ma oggi questo conta molto poco. Filippo è stato molto bravo a condurre la barca in condizioni tutt’altro che facili. Come sempre in questa classe c’è molto equilibrio, per cui la prima regola è quella di evitare di sbagliare per restare sempre agganciati al vertice della flotta e della classifica. Domani le previsioni meteo parlano di vento in calo e moto ondoso in diminuzione per cui il campo di regata avrà una fisionomia del tutto diversa, in cui noi contiamo di dare ancora il massimo”.
 
Classifica generale provvisoria Melges 20 World Championship 2018 dopo 3 prove:

ITA 667 BRONTOLO – Filippo Pacinotti (4,8,1) pt. 13
USA 150 OLEANDER – James Wilson (11,1,2) pt. 14
RUS 309 NIKA – Vladimir Prosikhin (2.5.10) pt. 17
USA 300 PACIFIC YANKEE – Drew Freides (1,4,13) pt. 18
RUS 296 RUSSIAN BOGATYRS – Igor Rytov (7,12,6) pt. 25
Seguono 31 equipaggi

Il Melges 20 World Championship 2018 e la Melges 20 World League conta sul supporto di Moby, Tirrenia, Helly Hansen, Garmin Marine, North Sails, Toremar, Harken, Norda, Lavazza, Rigoni di Asiago.
 
Melges World League ha sottoscritto e adotta il codice etico della Charta Smeralda promuovendo fortemente i valori di One Ocean Foundation.