Home > Regate > J24 - Associazione Italiana di classe > Vela: Five For Fighting J in testa all’Invernale J24 Città di Taranto

Vela: Five For Fighting J in testa all’Invernale J24 Città di Taranto

 Stampa articolo
Le regate della flotta pugliese J24
Le regate della flotta pugliese J24

Taranto. Contrariamente alla tappa precedente, la sesta giornata del Campionato Invernale Città di Taranto è stata caratterizzata da un sole quasi primaverile e da una una leggera brezza da Scirocco che ha permesso alla Flotta J24 della Puglia scesa nuovamente nella rada di Mar Grande di disputare due prove. “Dopo il vento delle prove precedenti, domenica si è presentata con un bel sole caldo e, all’inizio, una totale assenza d’aria.- ha spiegato il Capo Flotta J24 Nino Soriano -Gli equipaggi in acqua hanno dovuto aspettare le ore 13 perchè un leggero vento da sud si stendesse sull'area del Mar Grande proprio a ridosso delle isole Cheradi e consentisse lo svolgimento di due prove. Il Comitato guidato dal sempre ottimo Giuseppe Tortorella ha optato per il percorso a bastone "corto" da ripetere più volte, anche se in realtà il lato di bolina tanto corto (la lunghezza dovrebbe essere 0,5 miglia circa) non sembrava. In questa sesta giornata Five for Fighting J di Tommaso De Bellis (LNI Monopoli) si è presentato con il "carico da novanta" schierando un equipaggio di tutto rispetto, dove, oltre al tarantino Andrea Airò al timone, figurava alla tattica Michele Regolo (pluricampione nella classe Laser Standard dove ha raccolto risultati prestigiosissimi in giro per il mondo, una carriera che lo ha portato nel gruppo sportivo delle Fiamme Gialle e soprattutto a partecipare alle Olimpiadi di Londra 2012). In ottima forma anche Canarino Feroce di Massimo Ruggiero (CV Marina di Lecce) con un equipaggio ormai affiatato e con il timoniere Giuseppe Miglietta molto ispirato, e Doctor J di Sandro Negro con una gran voglia di riscattarsi. 

Copione rispettato in ambedue le prove, con Five for Fighting J che è scattato subito in testa e, guidato in maniera impeccabile dalla tattica di Regolo, ha preso il largo sul resto della flotta, seguito da Canarino Feroce e DoctorJ. Stessa versione dei fatti nella seconda regata, dove ha provato a fare da incomodo Jebedee con Luca Gaglione al timone che però non ha mostrato la lucidità e la brillantezza dei giorni migliori e si è trovato a dover subire gli attacchi prima di Canarino e poi di DoctorJ ai quali ha dovuto cedere il passo raccogliendo due quarti posti. Purtroppo per noi di Jebedee è stata una "giornata NO" - ha proseguito Nino Soriano armatore di Jebedee ma in questa sesta giornata di Campionato impegnato nel ruolo di tattico -“I ragazzi in barca sono un tantino andati in apprensione quando Airò con una manovra da manuale ci ha soffiato la migliore posizione in partenza. Da quel momento siamo andati in crisi di aspettativa sull'esito della giornata e non siamo riusciti a reagire, ma gareggiare con campioni di questo calibro può solo farci riflettere per crescere. D'altra parte atleti come Andrea, Michele Regolo e armatori come De Bellis Vitti sono punti di riferimento per giovani equipaggi come il nostro.”

”Una bellissima giornata di sport - ha aggiunto l’armatore di Monopoli Tommaso De Bellis Vitti che non ha nascosto il suo entusiasmo -come sempre ottimamente organizzata da Ondabuena Academy grazie al supporto logistico del Molo Sant’Eligio che ha visto il mio equipaggio superare gli avversari, siamo stati in vetta fin dall’inizio in tutte due le gare portando a casa due vittorie che ci permettono di allungare in Classifica generale sui nostri inseguitori. Avere a bordo Michele Regolo è un grande prestigio oltre che un grande aiuto coadiuvato da un timoniere come Andrea Airò, tarantino, astro nascente della vela pugliese, ragazzo dal futuro radioso.”

Al termine della sesta giornata, la classifica provvisoria (stilata dopo dieci regate e due scarti) vede  pertanto portarsi al comando Ita 304 Five For Fighting J (L.N.I Monopoli 13 punti; 2,1,3,3,1,3,2,2,1,1) seguito a pari punteggio (18 punti) da Ita 427 Jebedee armato dal Capo Flotta pugliese Nino Soriano e timonato da Luca Gaglione (CN Maestrale; 3,5,1,1,2,2,1,4,4,4) e da Ita 467 Canarino Feroce armato da Massimo Ruggiero (C.V.Marina Di Lecce), timonato da Giuseppe Miglietta e con Paolo Montefusco alla tattica (dnf,9,4,2,3,1,3,1,2,2) 

Confermate la quarta posizione di Ita 406 Doctor J armato da Sandro Negro e timonato da Marco Raeli (Cn L'approdo- Porto Cesario, 27 punti; 1,8,2,4,4,5,5,5,3,3) e la quinta di Ita 450 Marbea armato da Marcello Bellacicca (CV Giovinazzo, 42; 4,2,7,6,7,7,6,3,8,7). 

Ita 32 Scaramouch con l’equipaggio di giovani esordienti del CV Ondabuena mantiene, invece, il decimo posto (66 punti; 7,11,9,9,8,8,10,10,6,9).

Il Campionato Invernale Città di Taranto, articolato su otto giornate e organizzato sotto l’egida della FIV dal sodalizio tarantino presieduto da Salvatore Serra, il CV Ondabuena Academy -che coordina l’evento dal punto di vista tecnico, cura la messa in acqua delle barche e l'ospitalità degli equipaggi-, con il supporto della locale sezione Velica della Marina Militare -che monitora la competizione a mare e guida la Giuria di Regata- e del Molo Sant’Eligio -partner logistico a terra-, proseguirà nelle domeniche del 6 e 20 marzo.