Home > Regate > J24 - Associazione Italiana di classe > Vela: è sempre il J24 La Superba al comando del 41mo Invernale di Anzio Nettuno

Vela: è sempre il J24 La Superba al comando del 41mo Invernale di Anzio Nettuno

 Stampa articolo
Flotta J24, foto Capobianco
Flotta J24, foto Capobianco

Anzio Nettuno. Classifica invariata dopo la quarta giornata del 41° Campionato Invernale di Anzio-Nettuno per la Flotta J24: la trentina di equipaggi J24 impegnati nel tradizionale appuntamento organizzato dal Comitato dei Circoli del golfo (Circolo della Vela di Roma, Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, LNI sez. di Anzio e Nettuno Yacht Club) con la collaborazione dell'Half Ton Class Italia, della Sez. Velica Marina Militare di Anzio e della Marina di Nettuno, hanno potuto portare a termine una sola delle regate previste e la vittoria è andata ancora una volta a ITA 416 La Superba, il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare timonato da Ignazio Bonanno (in equipaggio con il tailer Simone Scontrino, il prodiere Alfredo Branciforte, il due Francesco Picaro e il centrale Vincenzo Vano) che si è così confermato al comando della classifica generale (stilata dopo sette prove e uno scarto) con 7 punti (1,1,bdf,1,2,1,1 i parziali di giornata).

Confermata anche la seconda posizione di Ita 447 Pelle Nera (Nettuno YC) armato da Paolo Cecamore e timonato dal campione del mondo della classe Soling, l'ungherese Farkas Litkey (13 punti; 5,4,1,2,1,3,2 i parziali) seguito ad un solo punto dal J24 della Polizia Penitenziaria, Ita 470 Djke Fiamme Azzurre (timonato da Fabio Delicati con il tattico Marco Vincenti, il tailer Giuseppe Incatasciato, il prodiere Roberto Comodi Ballanti e Francesco Maglioccola all’albero e drizze, 14 punti; 2,2,2,3,3,2,5). 

Invariati anche il quarto posto di Ita 428 Kaster J di Gianni Riccobono (Nettuno YC, 37 punti) e il quinto occupato da Ita 210 Caesare Julio di Pietro Massimo Meriggi (43 punti).

Ottimo come sempre il lavoro del Comitato di Regata presieduto da Mario de Grenet.

“Siamo contenti di come stiamo regatando. -ha commentato il timoniere Ignazio Bonanno - “Il campo di regata è stato sempre caratterizzato da poco vento … e tanti salti. Molto attento il Comitato di Regata che è riuscito a fare completare almeno una prova ai J24 mandando, invece, a terra la Flotta dell’Altura. Non ci speravamo più ma alla fine è stata una bella regata molto tecnica.”

L’Invernale di Anzio-Nettuno 2015-16, articolato su dieci giornate, proseguirà domenica 13 dicembre, il 17 e 31 gennaio 2016, il 14 e 28 febbraio e il 13 marzo. In ciascuna giornata potranno essere disputate due prove (una terza regata solo in caso di esigenze di recupero, ad insindacabile giudizio del Comitato di Regata). 

Il campionato sarà valido con un numero minimo di cinque regate: se alla data del 31 gennaio non ne fossero state compiute almeno otto valide, verrà utilizzata come giornata di recupero il primo sabato utile nelle date del 13 febbraio o 12 marzo.

Nella giornata di sabato 12 dicembre (segnale di avviso alle ore 12), invece, gli equipaggi della Flotta J24 scenderanno nello stesso campo di regata per disputare la seconda prova del Trofeo Roberto Lozzi, manifestazione voluta per ricordare l'entusiasmo, la generosità e la passione dell’armatore e timoniere del J24 ITA 428 prematuramente scomparso. La vittoria nella prima prova era andata a Ita 470 Djke Fiamme Azzurre che aveva preceduto sul traguardo ITA 416 La Superba e Ita 428 Kaster J di Gianni Riccobono. Le tappe del Trofeo Lozzi proseguiranno il 16 gennaio, il 13 febbraio e il12 marzo. In caso di coincidenza con la giornata di eventuale recupero del Campionato, le prove verranno classificate per entrambi gli eventi. 

La segreteria delle regate è presso il Circolo della Vela di Roma (www.cvroma.com).

Classifiche Invernale dopo sette prove e uno scarto:

http://www.cvroma.com/cv_file/regate/regata_59/classifiche/20151129_J24_Generale-7prove.htm

Classifiche Trofeo Lozzi dopo una prova senza scarto:

http://www.cvroma.com/cv_file/regate/regata_59/classifiche/20151114_J24_Lozzi-1prova.htm