Home > Regate > America's Cup > Due nuove barche: molte differenze

Due nuove barche: molte differenze

 Stampa articolo
Due nuove barche molte differenze
Due nuove barche molte differenze

Il 3 ottobre gli italiani di Luna Rossa Prada Pirelli Team sono stati il terzo team a varare la loro imbarcazione dopo il Defender Emirates Team New Zealand e il Challenger americano NYYC American Magic. La barca italiana è stata battezzata ‘Luna Rossa’ da Miuccia Prada, CEO del Gruppo Prada insieme al marito Patrizio Bertelli, durante una cerimonia presso la base del team a Cagliari – sede della prima tappa delle America’s Cup World Series il prossimo aprile.

advertising

Due giorni dopo a Portsmouth (UK), Julia Ratcliffe, la figlia del proprietario del Sindacato Jim Ratcliffe, ha battezzato il monoscafo di INEOS TEAM UK ‘Britannia’ in omaggio ad una delle più famose imbarcazioni da regata della Gran Bretagna.

Due nuove barche molte differenze
Due nuove barche molte differenze

Dato che il Protocollo della 36^ America’s Cup non consente ai team di coprire le loro barche, i nuovi AC75 sono stati immediatamente fotografati e postati online cosicché tutti – team e fan – hanno potuto fare commenti e tirare le prime conclusioni.

Le due nuove barche hanno aggiunto nuove interpretazioni alla Regola di Classe confermando, ancora una volta, l’elevato grado di libertà del regolamento.

A grandi linee è possibile individuare due approcci distinti: i kiwi e gli italiani hanno scelto una via, mentre gli inglesi e gli statunitensi un’altra. Gli esperti potrebbero tuttavia considerare questa suddivisione troppo semplicistica. Che considerazioni è possibile fare su quanto è stato rivelato finora?

Due nuove barche molte differenze
Due nuove barche molte differenze

INEOS TEAM UK presenta probabilmente lo scafo più estremo. Le forme sono piane e pulite nell’opera viva – simile a NYYC American Magic e opposta a Emirates Team New Zealand e Luna Rossa – mentre la coperta ha un design completante nuovo con una prua molto bassa, fiancate verticali e un cavallino piatto verso poppa.

Due nuove barche molte differenze
Due nuove barche molte differenze

Il progetto di Luna Rossa Prada Pirelli è andato nella direzione opposta con uno scafo simile ma più radicale rispetto a quello del Defender. Sebbene la prua abbia una forma “tradizionale” che ricorda i vecchi scafi di Coppa America, la linea di coperta è più pronunciata e va a rastremarsi verso poppa. L’opera viva ha una forma a V arrotondata centrale che corre da prua verso poppa terminando a livello del timone.

Un particolare che i quattro AC75 hanno in comune è la presenza di due pozzetti separati da un’estensione centrale della coperta. Ciascun team ha tuttavia un layout differente dei pozzetti, sarà quindi interessante comparare le dinamiche a bordo durante la navigazione.

Per quanto riguarda i foil, sia Luna Rossa sia Britannia hanno optato per un bulbo centrale affusolato simile a Defiant, lasciando il Defender l’unico team and andare “contro corrente”. Ma le somiglianze finiscono qui. INEOS TEAM UK ha infatti delle ali molto più grandi e di forma differente sui due lati. Luna Rossa invece ha invece i foil più piccoli visti finora e, sebbene non sia possibile sapere cosa succeda a livello dei sistemi, con un profilo simile.

Anche l’approccio al nuovo concetto di doppia randa è stato differente, con Luna Rossa Prada Pirelli che sembra aver scelto la soluzione più intrigante.

Come dichiarato durante il varo “il boma c’è ma non si vede”, il che ha fatto presuppore che gli Italiani non monteranno un boma standard. Britannia ha varato la sua imbarcazione senza l’albero non è quindi ancora possibile trarre delle conclusioni.

C’è ancora molto da scoprire, ad esempio nulla si sa – e probabilmente mai si saprà - a proposito dei sistemi di controllo del volo che saranno fondamentali nelle performance di queste barche.

I sindacati possono solo costruire due imbarcazioni e questi primi AC75 saranno una piattaforma fondamentale per testare quanto poi verrà trasferito sulla seconda generazione di barche con sui si regaterà ad Auckland.

I nodi verranno al pettine il prossimo aprile. La prima tappa delle America’s Cup World Series sarà la prima vera occasione in cui i team potranno confrontarsi e solo allora sarà possibile capire chi ha intrapreso la strada giusta. Nel frattempo, i team possono solo contare sui report delle loro spie per acquisire le informazioni, analizzare i dati ed eventualmente apportare modifiche al progetto della loro seconda barca, la cui costruzione inizierà fra pochi mesi.
 

Le ultime notizie di oggi